1.6 C
Rome
lunedì 17 Gennaio 2022
1.6 C
Rome
lunedì 17 Gennaio 2022
si fa di carta grazie a te! Arriva
Libro-rivista di racconti, inchieste, riflessioni

Il primo numero, ottimo anche come idea regalo, è già pronto e si intitola Cocktail partigiani. Parole in fondo al bicchiere, un volume di Gabriele Brundo, scrittore-barman genovese corredato da illustrazioni di una dozzina di disegnatori, da un ricettario di cocktail a base di Amaro Partigiano e da alcune riflessioni su produzione e consumo di alcol e letteratura.

OLTREPOP

E SAI COSA BEVI!!!
Homecronache socialiS'inventò l'aggressione l'autista che puntò l'indice sui No tav

S’inventò l’aggressione l’autista che puntò l’indice sui No tav

Indagato a Torino per simulazione il guardaspalle della pm che indaga i No Tav. Imbarazzo in procura e nel partito delle Grandi Opere.

di Checchino Antonini

S'inventò l'aggressione l'autista che puntò l'indice sui No tav

«Lo avevamo detto da subito», dicono gli attivisti No Tav dopo che ‘Lo strano caso dell’autista di Rinaudo’ somiglia proprio a quello di Belpietro (e un po’ anche a quello del poliziotto che alla Diaz si accoltellò il giubbotto da solo)! «E così è stato!» si legge sul sito notav.info commentando la notizia che l’ex autista del pm Antonio Rinaudo è indagato per simulazione di reato per aver inventato, secondo le indagini, di essere stato aggredito da tre no tav incappucciati la sera dell’11 aprile. I militanti lamentano che «quando era ora di indicare il movimento notav tra i responsabili tutti subito solerti a scrivere condanne in anticipo». E su altri episodi «ci chiediamo ora con più forza – scrivono – quando s’indagherà veramente». «Delle scuse, che sopratutto le redazioni dei giornali e dei telegiornali dovrebbero farci, non ce ne facciamo nulla – concludono – ora è il momento delle risposte».

Aveva denunciato di essere stato aggredito da un gruppo di sconosciuti: adesso l’autista “guardaspalle” di una dei pm della Procura di Torino affannate con le pratiche del teorema da cuicre sui No Tav è indagato per simulazione di reato. Ma stavolta sono stati gli stessi pubblici ministeri della Procura di Torino, nel corso di un procedimento coordinato dal procuratore reggente Sandro Ausiello, i primi a nutrire dei dubbi e a svolgere accertamenti anche su altre possibilità. Il fascicolo fu aperto inizialmente per il reato di lesioni. Poi, dopo indagini svolte anche dalla Digos, è arrivata la svolta: l’autista, che si è avvalso della facoltà di non rispondere e che è già stato destinato ad altro incarico, adesso risponderà di simulazione di reato.

Imbarazzo nel partito trasversale YesTav che fu pronto a montare il clima contro i movimenti e oggi si dice soddisfatto di scoprire che la magistratura indagherebbe senza pregiudizi. Specie quella torinese che sta imbastendo un teorema di terrorismo contro quattro attivisti che forse sarebbero colpevoli di aver danneggiato una ruspa del sacro Tav.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento, prego!
Inserisci il tuo nome qui, prego

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ultimi articoli

Il virus della disuguaglianza

Il rapporto Oxfam: cresce in Italia e nel mondo la concentrazione delle ricchezze, aumenta il numero dei poveri 

Scuola al freddo, linea dura della preside: sospesi in 66

Sospesi in 66 in un liceo artistico di Milano per aver rivendicato un diritto. Una storia in apparenza d'altri tempi

Pitti uomo e la giostra del lavoro di merda

Nel giorno dell'inaugurazione di Pitti Uomo la denuncia dei lavoratori precari. Gkn "disintossichiamoci da questi livelli di sfruttamento"

«Quel generale anima nera dei depistaggi su Cucchi»

«Chi ha pestato Stefano non si poteva permettere che vedesse un legale di fiducia». Fabio Anselmo ricostruisce il depistaggio

Francia, l’ultima pallottola di Mélenchon

Il leader di France Insoumise è il candidato meglio posizionato nella campagna presidenziale 2022 ma è una figura logorata [Enric Bonet]