21.9 C
Rome
martedì 3 Agosto 2021
21.9 C
Rome
martedì 3 Agosto 2021
HomecultureÈ ufficiale: in Ucraina i nazisti si schierano col presidente

È ufficiale: in Ucraina i nazisti si schierano col presidente

In cambio Poroshenko gli ha promesso armi, aiuti di Stato e una legge che liberalizzerà le armi, «come in America». A oggi i miliziani di Pravy Sektor sono 5.000.

di Franco Fracassi

È ufficiale: in Ucraina i nazisti si schierano col presidente

«Pravy Sektor dichiara ufficialmente che sostiene tutti gli sforzi per l’unificazione dell’Ucraina, schierandosi al fianco del nostro Petro Oleksijovych Poroshenko. Ci batteremo per la restaurazione dell’ordine e della sua conservazione». La nota ufficiale diramata dal portavoce del partito Borislav Bereza non lascia dubbi. Le milizie naziste combattono al fianco del governo e del neoeletto presidente.

Secondo il quotidiano tedesco “Berliner Zeitung”, Poroshenko in cambio della loro lealtà, avrebbe concesso a Pravy Sektor la possibilità di formare veri e propri «battaglioni di difesa territoriale», che verranno «riforniti di equipaggiamento militare e armi». Alle unità sarebbe stata promessa anche la «cooperazione con le strutture pubbliche». Infine, a Bereza è stata promessa una legge sulla libera vendita delle armi, di qualsiasi dimensione e pericolosità, «come in America».

Al momento, i battaglioni di difesa territoriale possono contare su cinquemila miliziani.

Pravy Sektor ha anche una pagina Facebook in italiano (Pravyi Sektor – Italia). Al momento ha 1.231 iscritti. Farsi un giro per rendersi conto cosa pubblicano potrebbe essere molto istruttivo.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento, prego!
Inserisci il tuo nome qui, prego

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ultimi articoli

Ascanio Celestini immagina il Museo Pasolini

Celestini, un'anteprima in forma di prove a Fosdinovo per il festival Fino al Cuore della Rivolta [Chiara Nencioni]

Paola e quel brindisi alla vita

E' morta Paola Staccioli, attivista, scrittrice, fondatrice di Osservatorio Repressione

Claudio Giunta e l’apologo della pompa di benzina

Breviario in 15 punti per non perdere la fede nell’intelligenza. Una polemica che parte dalla denuncia del neoliberismo da parte di tre normaliste

Olympics kill the poor, i Giochi ammazzano i più poveri

Tokyo non ama granché queste Olimpiadi, un grande esperimento in una nuova pericolosa fase della pandemia [Chelsea Szendi Schieder]

La trappola del debito incastra le comunali

Comunali 2021: il grande rimosso del debito mentre i faccioni dei candidati già fanno promesse dai cartelloni [Marco Bersani]