22.7 C
Rome
mercoledì 22 Settembre 2021
22.7 C
Rome
mercoledì 22 Settembre 2021
HomecultureLa guerra, morte dell'informazione

La guerra, morte dell’informazione

Un giornalista della tv russa e il suo fonico uccisi da un esplosione sul fronte ucraino. Omaggio di Popoff a Igor Kornelyuk e Anton Voloshin.

di Redazione

In guerra c’è la morte dell’informazione. Letteralmente. Il giornalista Igor Kornelyuk e il suo fonico Anton Voloshin non hanno avuto nemmeno il tempo di accorgersi che la loro vita stava per cessare. Si trovavano a Lugask, nel sud-est dell’Ucraina. Stavano raccontando il conflitto per conto di “Rossia 24”, quando l’esercito ucraino ha iniziato a cannoneggiare la città. Il cameraman è, invece, rimasto illeso. Popoff ha deciso di rendere omaggio ai due coraggiosi reporter mostrando due video montati in loro ricordo dalla televisione “Russia Today”.


In ricordo di Igor Kornelyuk.


In ricordo di Anton Voloshin.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento, prego!
Inserisci il tuo nome qui, prego

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ultimi articoli

GKN, il tribunale cancella il licenziamento

Condotta antisindacale: i lavoratori Gkn riescono a inceppare la macchina della delocalizzazione. Ora dovrebbe agire il governo

«Non ci ammaleremo di paura». Gkn si prende Firenze

Firenze, è il giorno del corteo nazionale indetto dal Collettivo di Fabbrica Gkn contro i licenziamenti

Assemblea Gkn: ecco come bloccare le delocalizzazioni

Perché è illegittimo il comportamento dell'azienda nella delocalizzazione della Gkn. Un documento dell'assemblea permanente

Big Pharma, profitti alle stelle e quasi niente tasse

Denuncia di Oxfam ed Emergency: il monopolio sui vaccini anti Covid è una manna per le multinazionali e un genocidio per i paesi poveri

Gkn, gli operai che non rispettano il copione

Gkn. Marco Bersani spiega perché quella lotta parla a tutti noi , un appello della società della cura e un articolo di Francesco Locantore