18.4 C
Rome
martedì 24 Maggio 2022
18.4 C
Rome
martedì 24 Maggio 2022
HomecultureLa guerra, morte dell'informazione

La guerra, morte dell’informazione

Un giornalista della tv russa e il suo fonico uccisi da un esplosione sul fronte ucraino. Omaggio di Popoff a Igor Kornelyuk e Anton Voloshin.

di Redazione

In guerra c’è la morte dell’informazione. Letteralmente. Il giornalista Igor Kornelyuk e il suo fonico Anton Voloshin non hanno avuto nemmeno il tempo di accorgersi che la loro vita stava per cessare. Si trovavano a Lugask, nel sud-est dell’Ucraina. Stavano raccontando il conflitto per conto di “Rossia 24”, quando l’esercito ucraino ha iniziato a cannoneggiare la città. Il cameraman è, invece, rimasto illeso. Popoff ha deciso di rendere omaggio ai due coraggiosi reporter mostrando due video montati in loro ricordo dalla televisione “Russia Today”.


In ricordo di Igor Kornelyuk.


In ricordo di Anton Voloshin.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento, prego!
Inserisci il tuo nome qui, prego

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ultimi articoli

Il fascismo discreto: Giorgia Meloni spiegata ai francesi

Come Giorgia Meloni cerca di far dimenticare le sue radici fasciste e spera di diventare la prima donna premier in Italia [Ludovic Lamant]

L’inflazione che cambia tutto

Perché l'esplosione dell'inflazione rivela una crisi profonda del capitalismo, La spirale prezzi-profitti, la recessione in arrivo [Romaric Godin]

Besancenot: la sinistra e la guerra in Ucraina

Di ritorno dall'Ucraina, Besancenot ritiene che la sinistra europea debba sostenere più apertamente le vittime dell'imperialismo russo [Geslin e Goanec]

La commedia delle risorse umane. Lavoretti a teatro

In scena al Teatro Nazionale di Genova, Il mercato della carne di Bruno Fornasari 

«Un metodo e un processo per uscire dal grande riflusso italiano»

Intervista a Dario Salvetti alla vigilia dell'assemblea nazionale convocata dal collettivo Gkn a Campi Bisenzio