1.6 C
Rome
lunedì 17 Gennaio 2022
1.6 C
Rome
lunedì 17 Gennaio 2022
si fa di carta grazie a te! Arriva
Libro-rivista di racconti, inchieste, riflessioni

Il primo numero, ottimo anche come idea regalo, è già pronto e si intitola Cocktail partigiani. Parole in fondo al bicchiere, un volume di Gabriele Brundo, scrittore-barman genovese corredato da illustrazioni di una dozzina di disegnatori, da un ricettario di cocktail a base di Amaro Partigiano e da alcune riflessioni su produzione e consumo di alcol e letteratura.

OLTREPOP

E SAI COSA BEVI!!!
Homecronache socialiPisa, come ti spremo il facchino all'aeroporto

Pisa, come ti spremo il facchino all’aeroporto

pisa1

 

 

Volantinaggio, stamattina, dei facchini aereoportuali all’ingresso partenze dello scalo pisano Galilei. Un’iniziativa promossa dal cobas lavoro privato a sostegno dei lavoratori delle aziene appaltatrici impegnati nei servizi di pulizia e facchinaggio. Dicono Federico Giusti e Marcello Pantani dei Cobas pisani che le condizioni di lavoro di questi lavoratori sembrano regolate più dalla legge della jungla che dalle normative in vigore. Una condizione comune a gran parte degli appalti, quelli pubblici inclusi.

Molti di loro sono immigrati di origine filippina (una trentina dei circa 70 lavoratori hanno aderito ai cobas), assunti dalle coop Arca a Cooplat (tanto la Sat che gestisce lo scalo non controlla) con contratti diversi, con l’orario spezzettato in svariate frazioni, anche molto distanti tra loro, nell’arco della giornata. Ogni mese si vedono rendicontate in busta paga in misura inattendibile le ore di lavoro, premio di produttività e ticket mensa sono distribuiti in modalità inique e arbitrarie, mentre i carichi di lavoro sono insostenibili, soprattutto nel facchinaggio, anche per effetto della riduzione sistematica del numero degli addetti alle operazioni di carico e scarico bagagli con grave rischio per le condizioni fisiche e la sicurezza.

Giusti e Pantani si soffermano su un caso particolare, quello di un lavoratore risultato da visita medica inadeguato alla mansione di facchinaggio. La ditta lo ha assegnato alla mansione di pulizia, dimezzandogli le ore e mettendo alla fame lui e la sua famiglia. In alternativa, gli ha “offerto” di svolgere le ore mancanti (3/4 al giorno, da lunedì a venerdì) a 90 chilometri di distanza, caricandolo di spese di viaggio più o meno equivalenti al salario ricavabile da questo lavoro in “trasferta” e costringendolo a viaggiare circa 5 ore, con, al ritorno a Pisa, altre 4 ore di lavoro in aeroporto, fino all’1,30 della notte. I Cobas hanno già chiesto alla ditta di rinunciare a questa “soluzione” ricevendo un rifiuto netto e categorico. Seguiranno altre e più clamorose forme di lotta.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento, prego!
Inserisci il tuo nome qui, prego

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ultimi articoli

Il virus della disuguaglianza

Il rapporto Oxfam: cresce in Italia e nel mondo la concentrazione delle ricchezze, aumenta il numero dei poveri 

Scuola al freddo, linea dura della preside: sospesi in 66

Sospesi in 66 in un liceo artistico di Milano per aver rivendicato un diritto. Una storia in apparenza d'altri tempi

Pitti uomo e la giostra del lavoro di merda

Nel giorno dell'inaugurazione di Pitti Uomo la denuncia dei lavoratori precari. Gkn "disintossichiamoci da questi livelli di sfruttamento"

«Quel generale anima nera dei depistaggi su Cucchi»

«Chi ha pestato Stefano non si poteva permettere che vedesse un legale di fiducia». Fabio Anselmo ricostruisce il depistaggio

Francia, l’ultima pallottola di Mélenchon

Il leader di France Insoumise è il candidato meglio posizionato nella campagna presidenziale 2022 ma è una figura logorata [Enric Bonet]