domenica 18 novembre 2018

Padova, l’assessore che scatena i cani contro i mendicanti

Padova, l’assessore che scatena i cani contro i mendicanti

Cani alle caviglie, fotosegnalazioni, sequestro in caserma anche se non c’è reato. L’assessore alla sicurezza di Padova è stato denunciato, assieme al suo sindaco, dalle associazioni antirazziste

di Checchino Antonini

Accattoni

“Gli accattoni devono capire che l’aria è cambiata. Devono essere consapevoli che, se vengono trovati a chiedere l’elemosina, verranno accompagnati in maniera sistematica al commando dei vigili e lì dovranno rimanerci per qualche ora”. Come dire: “Prendeteli e sequestrateli tutti”. Mentre il nuovo Sindaco di Padova è impegnato a imporre il crocifisso in tutti i luoghi pubblici, raccogliendo “un no grazie” anche da Famiglia Cristiana, il suo braccio destro arriva ad impartire disposizioni a mezzo stampa ai Vigili Urbani contro mendicanti ed ambulanti a prescindere dal fatto che commettano o meno un reato. “L’idea – dice Saia – è quella di portarli al comando, procedere con il foto segnalamento, fare un verbale e tenerli lì il più a lungo possibile. Devono perdere la giornata di “lavoro”, perché questo è il deterrente”.
Avrebbe potuto essere un tory inglese della fine dell’Ottocento, oppure un nazionalsocialista tedesco a Berlino negli anni 20-30. Invece è un assessore ex rautiano, ex finiano, padovano, di questo scorcio di ventunesimo secolo. Assessore alla sicurezza con le idee chiare su chi minacci la sicurezza: gli ultimi, i diseredati, quelli che chiedono l’elemosina, i poveri, ma che renderebbero così a rischio gli elettori di quel tizio da far pensare a un piano di attacco che prevede l’uso di cani e di fotosegnalazioni. E anche di vigili urbani in funzione di commandos contro i poveri. Saia è piuttosto esperto in questo genere di cose perché in una vita precedente è stato assessore alla sicurezza per conto di Alleanza nazionale senza disdegnare la compagnia di gente di Forza nuova. Una vita spesa contro i poveri in nome di quella guerra dei penultimi contro gli ultimi con cui le destre esrteme e non,  cercano di parlare alla pancia delle loro nazioni. In quella vita, prima che una giunta del Pd li ricacciasse all’opposizione senza apprezzabili variazioni sul tema, Saia aveva inventato le Sis, squadre intervento speciale dei pizzardoni padovani col chiodo fisso di terrorizzare i migranti e provocare i centri sociali, mai sciolte dai successori.
Saia e Bigonci, però, non avranno vita facile. Eletti da poco meno di un mese l’Assessore alla Sicurezza ed il Sindaco non hanno fatto che scagliarsi contro la miseria e la poverà “per spingere chi è più povero e in difficoltà sempre più ai margini”, secondo le associazioni antirazziste che ieri hanno presentato un esposto contro i due amministratori proprio rispetto alle dichiarazioni di Saia, “un passato oscuro all’ombra delle formazioni neo-fasciste, su mendicanti e venditori ambulanti”.
“Ma c’è anche una città che, cresce e che sta con gli ultimi e non è disponibile a concedere nepppure un centimetro a chi vuole cancellare i diritti – ha detto Luca Bertolino di Razzismo Stop nella partecipata conferenza stampa delle associazioni – non siamo mai stati zitti quando a governare la città era il centrosinistra di Zanonato, non lo faremo certo oggi con chi vuole usare la povertà per costruire consensi. Risponderemo colpo su colpo nelle piazze, nelle scuole, nelle università e anche nelle aule dei tribunali”.
La denuncia è sta depositata presso la Repubblica nella prima mattinata di venerdì dall’Avv. Aurora D’Agostino su mandato di Razzismo Stop, Antigone, Giuristi Democratici, Avvocato di Strada, Beati i Costruttori di Pace, il Laboratorio Bios e Altragricoltura Nordest. Si tratta di una querela per istigazione a compiere i reati di abuso di potere e sequestro di persona, che chiede al tempo stesso alla magistratura di indagare anche sull’esistenza di direttive nel senso delle dichiarazioni espresse.
Questo tipo di dichiarazioni hanno il primo effetto di dare un senso di impunità e margini di manovra senza limiti a chi dovrebbe invece operare nel rispetto di codici e procedure, come i Vigili Urbani, già in passato resisi responsabili di abusi. E’ evidente che chi viene controllato, senza neppure aver commesso un reato, può al massimo essere identificato, ma non può essere né portato in caserma, né tantomeno fotosegnalato, nè ovviamente trattenuto per ore. E’ il commento di Aurora DAgostino che ha confezionato l’atto.
Giuristi Democratici hanno poi sottolineato come questo tipo di iniziative, che vengono proclamate in nome della legalità e della sicurezza, finiscano in realtà per produrre criminalizzazione di comportamenti che non sono reato ed anzi, diventino poi occasione per compiere reati, come l’abuso di potere ed il sequestro di persona, contro chi è costretto a vivere ai margini.
E anche da Stefano del Laboratorio Bios arriva un messaggio che ribalta l’immagine della città rappresentata dall’amministrazione: “questa denuncia è solo l’inizio di un processo più ampio che vuole fare largo alla città solidale ed accogliente che già esiste e che si allarga, per mettere ai margini invece queste iniziative di stampo razzista e fascista e chi le propone”.

Related posts

7 Comments

  1. Mario

    Ci sono molti poveri senza tetto a Padova che fanno tanta pena, per favore mettete in rete un indirizzo dove possiamo mandarli per mangiare lavarsi e dormire? Così si toglierebbero dalla strada

    Reply
  2. ugo

    e ora che tutti il choschad in italia intutto il mondo fanno una si racovono tutti uniti in piazza a padova conte il sindaco e gli assesoi fagli sentire le nostre proteste contro qui sindacci che celanno contro il closchad

    Reply

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.