24.8 C
Rome
domenica 21 Luglio 2024
24.8 C
Rome
domenica 21 Luglio 2024
HomecultureMassacro israeliano sulla spiaggia di Gaza. Uccisi 4 bambini

Massacro israeliano sulla spiaggia di Gaza. Uccisi 4 bambini

Stavano giocando a calcio, colpiti senza preavviso. Oggi Israele “concede” 6 ore di tregua “umanitaria”

Massacro israeliano sulla spiaggia di Gaza. Uccisi 4 bambini

Ieri pomeriggio un drone israeliano ha colpito  la spiaggia di Gaza City provocando la morte di 4 bambini (tra i 9 e gli 11 anni), il ferimento di altri 5 e di diversi adulti. Il drammatico bilancio delle vittime palestinesi sale così a 227 morti e 1685 feriti. I bambini stavano giocando a pallone.
Secondo l’Afp, che alloggia nell’hotel di fronte alla spiaggi di Gaza City, dove si è compiuto l’ultimo massacro, un primo attacco israeliano è avvenuto alle 15 e ha spinto bambini e adulti a disperdersi sulla spiaggia e a vedere cos’era successo. Altri due attacchi consecutivi hanno colpito la folla mentre correva sulla spiaggia, con capanne che prendevano fuoco e bambini terrorizzati che gridavano che c’erano morti e feriti. Secondo l’Afp, gli attacchi sembravano provenire dalla marina israeliana che mirava a una zona di piccole baracche usate dai pescatori. Diversi bambini sono corsi nell’hotel dove risiedono i giornalisti delle più importanti testate occidentali chiedendo aiuto: secondo i giornalisti, almeno tre di loro avevano ferite da scheggia sul corpo. Le ambulanze hanno evacuato l’hotel e la spiaggia dai feriti, portando via anche un uomo che nell’attacco aveva perso parte della gamba.
Sull’attacco alla spiaggia di Gaza city i comandi militari israeliani hanno detto di aver aperto un’inchiesta ma già sostengono che “l’errore” sarebbe da attribuire ad Hamas, a causa della presunta presenza di “operativi” del movimento islamico nella zona colpita. Una versione che i palestinesi smentiscono categoricamente e che non sembra trovare alcuna conferma nei filmati e nei resoconti forniti anche dai giornalisti internazionali presenti in gran numero nella zona
Dopo l’uccisione dei quattro bambini, tutti appartenenti alla famiglia Bakir, l’Onu – per voce di Robert Serry, coordinatore per il Medio oriente delle Nazioni unite – ha chiesto a Israele un cessate il fuoco umanitario. Tel Aviv ha concesso una tregua dalle 9 alle 15 di oggi ma, secondo fonti del Ministero della difesa israeliano, c’è poco di umanitario in questa tregua, piuttosto è che l’esercito vuole che i gazawi abbiamo qualche ora di tempo per osservare gli esiti distruttivi, su cose e persone, dell’operazione militare “barriera protettiva”. E anche per mettere a punto l’operazione di terra su Gaza che, secondo notizie rilasciate a giornalisti stranieri da fonti di sicurezza israeliana, è una possibilità sempre più elevata: “Se vuoi combattere il terrorismo devi essere sul posto. Dal cielo possiamo colpirli duramente ma non sbarazzarci di loro. L’occupazione è fattibile a giorni”.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento, prego!
Inserisci il tuo nome qui, prego

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ultimi articoli

Dietro lo stallo del Nuovo Fronte Popolare, due strategie opposte

Francia, la sinistra è lacerata su un governo destinato a durare poco. I socialisti stanno inviando segnali di apertura al campo macronista [Mathieu Dejean]

E’ sbagliato tifare per la Nazionale? Noi compagni e il calcio

Europei: football, politica e società. Uno sguardo con gli occhi di un socialista inglese [Dave Kellaway]

Francia, la gauche in stallo, cresce l’impazienza popolare

Duello Ps-LFI per chi guiderà il governo del NFP. Ma intanto Macron punta a dividerlo. Se resisterà sarà solo per la pressione dei movimenti

Il passepartout del sionismo

L'accusa di antisemitismo e altre sfumature retoriche per negare le responsabilità di Israele nel massacro di Gaza

Strega, storie di donne sull’orlo d’una crisi d’identità 

Donatella Di Pietrantonio vince il premio Strega 2024. La famiglia come filo conduttore della sestina