0.1 C
Rome
venerdì 21 Gennaio 2022
0.1 C
Rome
venerdì 21 Gennaio 2022
si fa di carta grazie a te! Arriva
Libro-rivista di racconti, inchieste, riflessioni

Il primo numero, ottimo anche come idea regalo, è già pronto e si intitola Cocktail partigiani. Parole in fondo al bicchiere, un volume di Gabriele Brundo, scrittore-barman genovese corredato da illustrazioni di una dozzina di disegnatori, da un ricettario di cocktail a base di Amaro Partigiano e da alcune riflessioni su produzione e consumo di alcol e letteratura.

OLTREPOP

E SAI COSA BEVI!!!
Homein genere«Forse sei lesbica? Via dalla nostra scuola cattolica!»

«Forse sei lesbica? Via dalla nostra scuola cattolica!»

Sembra quasi l’inquisizione: “smentisci che sei lesbica o ti licenziamo”. Accade al Sacro cuore di Trento, a cui lo Stato destina contributi pubblici.

di Marina Zenobio

Scuola cattolica e paritaria di Trento epura insegnante lesbica

La valutazione che ha portato Eugenia Libratore, madre superiore della scuola cattolica del Sacro cuore di Trento, ad epurare una insegnante perché sospettata di essere lesbica, è stata “di carattere etico morale”, così afferma la suora. Ora ci si aspetta che lo Stato italiano – che destina a questa stessa scuola contributi pubblici – faccia la sua di valutazione etico morale riguardo una violazione del diritto fondamentale, per chiunque e sancito dalla Costituzione, ad avere un proprio orientamento sessuale senza doverne rendere conto a nessuno.

L’insegnante ha raccontato che due giorni fa è stata convocata dalla direttrice che dopo averle fatto i complimenti per il lavoro svolto le ha detto che però c’era un problema, certe chiacchiere sul su conto che andavano assolutamente smentite. Per la precisione madre Eugenia Libratore le ha chiesto se fosse vero che avesse una compagna. “Le ho risposto – ha riportato l’insegnate – che sono cose che attengono alla mia sfera privata, estranee alla mia professione, che la mia vita sessuale e sentimentale non può essere oggetto di una discussione” ha quindi deciso di non smentire le “chiacchiere” sul su conto e non le è stato rinnovato il contratto di lavoro.

Ma l’insegnate è lesbica? È etero? E’…..? Lei a questa domanda non ha risposto e giustamente non risponderà ed è inaccettabile e incostituzionale che dall’orientamento sessuale di una persona possa dipendere i rinnovo di un contratto di lavoro, non si può indagare sotto le lenzuola dei e delle dipendenti.

Durissima l’Arcigay, che pretende che la Provincia chieda spiegazioni a una scuola paritaria finanziata con denaro pubblico. L’assessore provinciale alle Pari Opportunità, Sara Ferrari, sottolinea come l’ordinamento italiano vieti licenziamenti discriminatori basati sull’orientamento sessuale del lavoratore.Sembra quasi l’inquisizione: “smentisci che sei lesbica o ti licenziamo”. Accade al Sacro cuore di Trento, a cui lo Stato destina contributi pubblici.

Di fronte a questa violazione dei diritti gay, a prescindere che l’insegnante di Trento lo sia o meno, le associazioni Arcilesbica nazionale, Agedo nazionale, Equality Italia e Famiglie arcobaleno hanno chiesto l’intervento del ministro dell’Istruzione, Stefania Giannini. “Le nostre associazioni assicurano del proprio sostegno la vittima odierna dell’imbecillità e dell’odio omofobico e richiamano l’attenzione sul fatto che la scuola protagonista dell’episodio di discriminazione sia peraltro finanziata con fondi pubblici. Chiediamo al ministro Giannini di intervenire per restituire all’insegnante offesa la sua dignità di persona”, si legge nella denuncia delle associazioni.

“Il ministero – ha fatto sapere Giannini “valuterà il caso di Trento con la massima rapidità e se emergesse un episodio “legato a una discriminazione di tipo sessuale agiremo con la dovuta severità”. Il ministero intende procedere – ha spiegato il ministro – ad “un confronto chiaro e doveroso con le parti coinvolte”. “In queste ore – ha aggiunto – sto raccogliendo gli elementi utili a comprenderne tutti gli aspetti. Laddove ci trovassimo di fronte a un caso legato ad una discriminazione di tipo sessuale agiremo con la dovuta severità”.

3 COMMENTI

  1. Mi pare una montatura. Anzitutto, nessuno è tenuto a comunicare il proprio orientamento sessuale al lavoro o ad altri. Sono affari suoi. Inoltre, secondo la versione vigente dello stesso catechismo cattolico, essere omosessuali non è peccato. Caso mai il problema si pome circa i comportamenti attivi sessualmente disordinati o contrari alla fisiologia umana (intesa come eterosessuale,) ma non circa le tendenze personali.

    • accidenti ci hai scoperto! che maligni che siamo. ti prego non specificare i “i comportamenti attivi sessualmente disordinati o contrari alla fisiologia umana”, ma non vi avevano processato tutti a Norimberga?

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento, prego!
Inserisci il tuo nome qui, prego

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ultimi articoli

I nazisti ucraini nei giochi di guerra tra Putin e Biden

La CIA sta segretamente addestrando gruppi nazisti anti-russi in Ucraina dal 2015 [Branko Marcetic]

A #BlackLivesMatter serve un programma economico

In un paese che ha sempre usato la razza per giustificare la disuguaglianza, porre fine alla brutalità della polizia è solo l'inizio

Violenze di gruppo a Milano, i 3 cerchi dell’orrore dei Taharrush JamaR...

La pratica dei Taharrush Jama'i viene dall'Egitto. L'obiettivo è scoraggiare donne e attiviste a partecipare a raduni ed eventi pubblici

Il virus della disuguaglianza

Il rapporto Oxfam: cresce in Italia e nel mondo la concentrazione delle ricchezze, aumenta il numero dei poveri 

Scuola al freddo, linea dura della preside: sospesi in 66

Sospesi in 66 in un liceo artistico di Milano per aver rivendicato un diritto. Una storia in apparenza d'altri tempi