-1.4 C
Rome
venerdì 21 Gennaio 2022
-1.4 C
Rome
venerdì 21 Gennaio 2022
si fa di carta grazie a te! Arriva
Libro-rivista di racconti, inchieste, riflessioni

Il primo numero, ottimo anche come idea regalo, è già pronto e si intitola Cocktail partigiani. Parole in fondo al bicchiere, un volume di Gabriele Brundo, scrittore-barman genovese corredato da illustrazioni di una dozzina di disegnatori, da un ricettario di cocktail a base di Amaro Partigiano e da alcune riflessioni su produzione e consumo di alcol e letteratura.

OLTREPOP

E SAI COSA BEVI!!!
Homemalapolizia«Ora Giuseppe Uva avrà il suo processo. Questo conta»

«Ora Giuseppe Uva avrà il suo processo. Questo conta»

Parla il legale della famiglia di Pino Uva rimasto ucciso nel 2008 dopo una notte in caserma. Ieri il Gup ha rinviato a giudizio un carabiniere e sei agenti di polizia per omicidio preterintenzionale

di Fabio Anselmo

foto di Claudia Guido
foto di Claudia Guido

Quattro anni fa ero da solo. A quell’udienza dentro il tribunale di Varese. Con un PM ostile oltre ogni comprensione. Parlai della repubblica di Varese per far capire, provocatoriamente , che anche quel tribunale avrebbe dovuto prendere atto di quello che significava giustizia per la morte incomprensibile di Giuseppe Uva.

Condividevo con Alessandra il freddo per quella inspiegabile solitudine … Venivamo da Ferrara insieme ad altri. Ma siamo rimasti ….fino alla fine. Come capo studio sentivo la responsabilità di quella scelta ” problematica ” . Non l’ho fatto per improbabilissimi guadagni e tantomeno per la gratitudine di qualcuno che avrebbe potuto essere effimera. L’ho fatto per senso di Giustizia a rispetto di quella che deve essere stata la terribile sofferenza di Giuseppe. Un essere umano che non è riuscito a sopportare ” lo stress inflittogli ” arrivando a morirne. So che vuol dire la sofferenza. E quella sofferenza che lo ha accompagnato alla morte meritava considerazione e rispetto. Meritava memoria. Al di là di ogni paura per un PM temuto e descritto come vendicativo. Anche i più semplici atti apparivano a Varese “coraggiosi” e financo temerari. Li firmavamo io ed Ale. Perplessi. Poi è successo tutto quel che è successo … Tanto.. Tantissimo… Non siamo stati più soli. Ora è una felicità per me condividere la gioia di questo momento. Provo gratitudine per il carattere che mi ha trasmesso mio padre e per l’ ostinazione pervicace di Alessandra Pisa. Tutto questo percorso fatto insieme non mi ha portato solo a ritrovarmi imputato sotto le grinfie del terribile PM Abate con un’imputazione fantasiosa e pretestuosa e che io ritengo di disturbo, ma mi regala ora la serenità di aver fatto qualcosa per qualcuno che possa essere ricordata. Qualcuno che non ha avuto difesa , qualcuno che è morto di luoghi comuni e di pregiudizi. Giuseppe Uva.

Ho fatto il mio compito. Ne sono fiero. Posso solo dire grazie ad Ale. Null’altro. Per il resto si vedrà. Ma ora Giuseppe Uva avrà il suo processo. Questo conta. Non chi ci sarà alla lettura della sentenza. Mi piace pensare alla giornata.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento, prego!
Inserisci il tuo nome qui, prego

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ultimi articoli

I nazisti ucraini nei giochi di guerra tra Putin e Biden

La CIA sta segretamente addestrando gruppi nazisti anti-russi in Ucraina dal 2015 [Branko Marcetic]

A #BlackLivesMatter serve un programma economico

In un paese che ha sempre usato la razza per giustificare la disuguaglianza, porre fine alla brutalità della polizia è solo l'inizio

Violenze di gruppo a Milano, i 3 cerchi dell’orrore dei Taharrush JamaR...

La pratica dei Taharrush Jama'i viene dall'Egitto. L'obiettivo è scoraggiare donne e attiviste a partecipare a raduni ed eventi pubblici

Il virus della disuguaglianza

Il rapporto Oxfam: cresce in Italia e nel mondo la concentrazione delle ricchezze, aumenta il numero dei poveri 

Scuola al freddo, linea dura della preside: sospesi in 66

Sospesi in 66 in un liceo artistico di Milano per aver rivendicato un diritto. Una storia in apparenza d'altri tempi