17.6 C
Rome
sabato 2 Dicembre 2023
17.6 C
Rome
sabato 2 Dicembre 2023
HomecultureGaza, bombardata una scuola. L'Onu: «Crimine contro l’umanità»

Gaza, bombardata una scuola. L’Onu: «Crimine contro l’umanità»

Un missile colpisce l’edificio, adibito dall’Onu a rifugio per gli sfollati. Sedici morti e oltre duecento feriti. L’esercito israeliano: «Colpa di Hamas, perché non l’hanno evacuata».

 

di Franco Fracassi

L'esterno della scuola prima del bombardamento israeliano. Era stata trasformata dall'Onu in rifugio per gli sfollati.
L’esterno della scuola prima del bombardamento israeliano. Era stata trasformata dall’Onu in rifugio per gli sfollati.

Nuova strage a Gaza. Questa volta un missile ha colpito una scuola a Beit Hanun, che era stata trasformata dell’Unrwa (l’agenzia dell’Onu per i profughi) in un rifugio per sfollati. Secondo Sky England, i morti sarebbero almeno sedici e oltre duecento i feriti. Tra le vittime due fratellini di tre e cinque anni. Funzonari dell’Unrwa: «È un crimine contro l’umanità».

 

La cronista di Sky a raccontato di scene «orribili, disgustose», «di sangue ovunque». «La maggior parte dei feriti sono donne, bambini e anziani».

 

L’esercito israeliano: «Colpa di Hamas, perché non l’hanno evacuata». In effetti, il portavoce delle forze armate di Tel Aviv aveva avvertito la Croce rossa dell’imminente bombardamento. Ma l’evacuazione era ancora in fase di organizzazione quando il missile è piombato sull’edificio.

 


1 COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento, prego!
Inserisci il tuo nome qui, prego

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ultimi articoli

Giro del mondo con una radio come bagaglio a mano

"Etere. Storie di radio, antenne, frequenze dal mondo", il nuovo libro di Francesco Diasio pubblicato per Altreconomia Immagina di oss...

Arte contro cultura

A Genova, il Festival Testimonianze Ricerca Azioni, giunto alla sua 14a edizione

Fmi e malgoverno, la vittoria di Milei vista dall’esilio

Perché uno come Milei riesce a salire alla Casa Rosada. Intervista ad Alfredo Herman, esule argentino dal 1976 

Argentina, ha vinto la “stanchezza sociale”

Il "libertario" Milei è il nuovo presidente argentino per un futuro di dollarizzazione e privatizzazione

Stato spagnolo, le incertezze del governo Sanchez

L’estrema destra invade le piazze ma il nuovo esecutivo riesce a insediarsi [Fabrizio Dogliotti]