1.6 C
Rome
giovedì 1 Dicembre 2022
1.6 C
Rome
giovedì 1 Dicembre 2022
FILLEA CGIL: una storia lunga 136 anni, vai alla landing page
HomecultureNoa: annullato concerto a Milano, simpatizza per Abu Mazen

Noa: annullato concerto a Milano, simpatizza per Abu Mazen

Dopo le dichiarazioni di Noa, annullato un suo concerto a Milano promosso dall’Associazione delle donne ebree d’Italia.

di Mirna Cortese

Noa

All’associazione Adei-Wizo-Donne ebree d’Italia non è piaciuta la presa di posizione sul conflitto israelo-palestinese di Achinoam Nini, nome d’arte Noa, la cantante israeliana di origini yemenite che qualche giorno fa, in una intervista rilasciata all’Ansa, ha rivelato di simpatizzare per il leader palestinese Abu Mazen, di averlo addirittura incontrato di recente a Ramallah, e di avere invece poca fiducia nel premier israeliano Netanyahu. Di conseguenza un suo concerto programmato a Milano per il prossimo 27 ottobre è stato annullato.

A denunciare l’ostracismo che dal suo paese sta inseguendo Noa anche in Italia, è Pompeo Benincasa, suo storico agente per l’Europa dal 1992. Nonostante la sua fama internazionale e le indiscusse doti artistiche, da tempo Noa non riesce ad organizzare concerti nel suo paese, Israele.

FILLEA CGIL: una storia lunga 136 anni, vai alla landing page

A promuovere il concerto di ottobre a Milano, erano state proprio le Donne ebree d’Italia Adei Wizo, e le stesse lo hanno annullato comunicando all’agente dell’artista di vedersi costrette a prendere tale decisione “a seguito delle dichiarazioni rilasciate da Noa alla stampa riguardanti il difficilissimo momento di guerra nel Medio Oriente”. Benincasa ha aggiunto che nella comunicazione di cancellazione della data si riporta che “La Wizo in Israele si è dichiarata contraria alla presenza dell’artista a Milano” mentre alcuni sponsor dell’associazione avrebbero manifestato il loro disappunto a sostenere l’evento.

Noa, che ha prestato anche servizio militare obbligatorio per due anni in Israele, nell’intervista ha ammesso di credere che “Abu Mazen voglia veramente la pace con Israele, ma purtroppo non posso dire lo stesso del mio primo ministro”. Si dice d’accordo su tutto con il leader palestinese: “E’ serio e dice cose interessanti”; e non ha risparmiato invece dure critiche verso il suo premier Benyamin Netanyahu: “Non sta lavorando per la pace – ha dichiarato – , dobbiamo cambiare le cose. Prego perché possiamo avere un governo nuovo che desideri la pace e spero che, se e quando questo avverrà, anche i palestinesi abbiano le stesse intenzioni”.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento, prego!
Inserisci il tuo nome qui, prego

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ultimi articoli

Cina, sfidando il Pcc al canto dell’Internazionale

Cresce la rabbia contro il lockdown in Cina. Slogan contro il Pcc e Xi Jinping. La prima volta dal 1989 [François Bougon]

I cani non potranno fucilare le stelle

Cosa direbbero i Cervi di questa Italia segnata ancora dalla  disuguaglianza? Resoconto poetico di un convegno [Chiara Nencioni]

Stradario aggiornato di tutti i fasci

In un portale, mappatura e ricontestualizzazione di strade e edifici del Ventennio. La memoria di un passato che non passa [Chiara Nencioni]

Chi sono i foreign fighters nella guerra russo-ucraina

Come arrivano i volontari stranieri dell'estrema destra per combattere in Ucraina. Un nuovo rapporto di Antifascist Europe

Piacenza capitale dei vignaioli indipendenti

Da sabato 26 a lunedì 28 novembre a Piacenza Expo tornano i vignaioli indipendenti: 850 produttori presentano i loro vini migliori.