19.3 C
Rome
venerdì 25 Giugno 2021
19.3 C
Rome
venerdì 25 Giugno 2021
Homecronache socialiLa Coppa della Pace compie dieci anni

La Coppa della Pace compie dieci anni

Oltre 700 volti fotografati per 1.400 mani tese a testimoniare un evento nato in Calabria, ma partecipato da tutta Italia. Sette giorni di sport, musica e arte in spiaggia.

di Massimo Lauria

È partito il torneo di beach volley più atteso della Calabria, la Coppa della Pace, che quest’anno compie dieci anni. Da domenica 27 luglio, fino al 3 agosto, centinaia di pallavolisti – professionisti e non -, migliaia di visitatori da tutta Italia, si danno appuntamento sulle spiagge di Pizzo (Vibo Valentia), per dare vita alla decima edizione dell’evento che raccoglie attorno allo sport «valori quali Pace, Solidarietà e Giustizia». Il tema di quest’anno è la “lealtà”.

Ad ospitare l’evento, che si è aperto alle 17.30 di domenica pomeriggio, è il Peace Volley Stadium del lido La Murena, in località Marinella della cittadina calabrese. Attorno alle proposte sportive, ci saranno concerti, feste in spiaggia, laboratori artistici curati dalla galleria d’arte Lo Studiolo di Pizzo. Insomma, una manifestazione a tutto tondo, che coinvolge molti calabresi, ma anche tantissimi venuti da tutta Italia.

Parte dello staff e dei partecipanti, racconta Claudio Marrella, uno degli ideatori e curatori dell’evento, arriva dal Lazio, dalla Lombardia, dalla Basilicata e da molte altre regioni italiane. Mentre una straordinaria partecipazione si registra da ogni parte della Calabria. Un ruolo importante, ricorda Marrella, è quello dei partner dell’iniziativa, presenti fin dall’inizio dell’avventura – Tonno Sardanelli ed Aragon Multiservice – senza i quali la ricca settimana di eventi non sarebbe potuta essere organizzata.

«Sport ma non solo – spiega Marrella -. Oltre le circa 70 squadre che si daranno battaglia, si fa per dire, sui cinque campi da gioco del Lido “La Murena” tra i tornei di beach volley maschile, femminile e misto, anche tante iniziative parallele che vanno dalle testimonianze di persone ed organizzazioni legate al tema di quest’anno, le Lealtà, a spettacoli artistico-educativi come quello in programma a “Lo Studiolo”, il 30 sera, in pieno centro storico con l’artista internazionale “Clown Bergamotto” nel suo “Show and Peace” e altre serate a tema in collaborazione con i locali “Stone Bell” e “Tode TI”».

pizzo1

In appena tre giorni, fanno sapere gli organizzatori, sono state «raccolte e fotografate oltre 700 immagini di volti di ogni età e provenienza per dar via alla campagna promozionale e celebrativa di questo importante traguardo: 700 volti per 1400 mani tese per testimoniare la propria vicinanza alla “Coppa di Tutti”», come la definiscono Claudio Marrella e tutto lo staff “SbarbaGianni”.

La chiusura dell’evento è prevista per il 3 agosto, con «una grande festa di arrivederci, aspettando l’undicesimo appuntamento».

Sul gruppo Facebook “SbarbaGianni Coppa della Pace”, si possono trovare tutti i dettagli di questa lunga settimana di appuntamenti. All’interno anche «un ricco archivio di immagini e video relativi alla manifestazione, compresa la campagna pubblicitaria e celebrativa uscita in questi giorni e che ha visto il contributo amicale e solidale di oltre 700 persone».

Locandina decima (1)

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento, prego!
Inserisci il tuo nome qui, prego

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ultimi articoli

Quanto costerà agli ungheresi l’omofobia di Orban

La legge omofoba ungherese ha sconvolto l'agenda del vertice UE. Diciassette leader chiedono sanzioni. Gli scenari [Ludovic Lamant] 

Ogni movimento ha un filo che lo porta a Genova

Si va verso il ventennale di Genova e partiamo seguendo una delle tracce seminate da Guadagnucci e Agnoletto con «L'eclisse della democrazia»

Stracciamo il Concordato: Ddl Zan ora!

Il Vaticano invade lo spazio pubblico, la destra familista gioca col fuoco, il dibattito nel mondo femminista Il Vaticano fa...

Catalogna, l’ambigua grazia di Sànchez

I nove leader catalani ancora in prigione sono stati graziati ma Sánchez chiude la porta alle vere amnistie [Ludovic Lamant]

Così i fascisti francesi volevano avvelenare il cibo halal

Come un infiltrato ha ingannato i "patrioti" che stavano pianificando attacchi islamofobi [Matthieu Suc]