-5.5 C
Rome
domenica 23 Gennaio 2022
-5.5 C
Rome
domenica 23 Gennaio 2022
si fa di carta grazie a te! Arriva
Libro-rivista di racconti, inchieste, riflessioni

Il primo numero, ottimo anche come idea regalo, è già pronto e si intitola Cocktail partigiani. Parole in fondo al bicchiere, un volume di Gabriele Brundo, scrittore-barman genovese corredato da illustrazioni di una dozzina di disegnatori, da un ricettario di cocktail a base di Amaro Partigiano e da alcune riflessioni su produzione e consumo di alcol e letteratura.

OLTREPOP

E SAI COSA BEVI!!!
Homequotidiano movimentoNo Tav Terzo Valico: scontri e feriti nei boschi dell'alessandrino (video)

No Tav Terzo Valico: scontri e feriti nei boschi dell’alessandrino (video)

Ancora una giornata di lotta No Tav. In corso proteste contro gli espropri di questa mattina in provincia di Alessandria.

di Mirna Cortese

Di nuovo tensioni e scontri questa mattina tra No Tav Terzo Valico e forze dell’ordine contro gli espropri di alcuni terreni e abitazioni nel territorio di Serravalle e Arquata Scrivia, in provincia di Alessandria, ad opera del Cociv., il Consorzio Collegamenti Integrati Veloci.

Il Cociv sta premendo l’acceleratore anche perché è in scadenza la dichiarazione di pubblica utilità, termine entro il quale dovranno realizzare tutti gli espropri utili alla costruzione del Terzo Valico. Questa mattina alle 7 già in centinaia si sono fatti trovare pronti a presidiare le zone interessate dagli espropri, uomini e donne dell’Alessandrino ma anche tanti militanti e No Tav di tutto il Piemonte, studenti e non, valligiani, torinesi e genovesi. I manifestanti accusano che “ai proprietari dei terreni e delle case interessati dall’esproprio è stato offerto un prezzo cinque volte più alto di quello di mercato per raggiungere un accordo bonario, e lo hanno fatto con soldi pubblici che dovrebbero essere utilizzati per scopi più nobili”

Le tensioni maggiori si sono verificate tra i boschi di Moriassi mentre le forze dell’ordine tentavano di rimuovere, sulla strada lungo il bosco, le piccole barricate realizzate dai No Tav Terzo Valico con gli arbusti. Per allontanare i manifestanti ripetute cariche e lancio di gas lacrimogeni da parte della celere in assetto antisommossa, mentre protetti dallo schieramento di polizia i tecnici Cociv scattavano foto delle aree da espropriare.

Verso le 14 un centinaio di No Tav si è spostato alla Crenna, tra Gavi e Serravalle, dove è in programma uno dei numerosi espropri fissati per la giornata di oggi. Nonostante i tentativi della Questura di concentrare tanti appuntamenti nello stesso giorno per provare a disperdere la resistenza, i No Tav Terzo Valico sono determinati: “daremo filo da torcere ad ogni terreno da espropriare”. A Gavi la polizia ha iniziato a spintonare i No Tav per far avanzare i tecnici del Cociv, per poi passare a nuove e violente cariche che hanno causato, finora perché la giornata di lotta sembra sarà lunga, 4 feriti, tra cui un signore anziano colpito da una manganellata che gli avrebbe procurato la frattura di un braccio.

Dopo le cariche alla Crenna, verso le 14,30 i manifestanti si sono spostati a Pozzolo, per difendere un altro terreno proprio sulla linea di valico.

Un’altra giornata campale nella lotta No Tav, ancora in corso.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento, prego!
Inserisci il tuo nome qui, prego

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ultimi articoli

I nazisti ucraini nei giochi di guerra tra Putin e Biden

La CIA sta segretamente addestrando gruppi nazisti anti-russi in Ucraina dal 2015 [Branko Marcetic]

A #BlackLivesMatter serve un programma economico

In un paese che ha sempre usato la razza per giustificare la disuguaglianza, porre fine alla brutalità della polizia è solo l'inizio

Violenze di gruppo a Milano, i 3 cerchi dell’orrore dei Taharrush JamaR...

La pratica dei Taharrush Jama'i viene dall'Egitto. L'obiettivo è scoraggiare donne e attiviste a partecipare a raduni ed eventi pubblici

Il virus della disuguaglianza

Il rapporto Oxfam: cresce in Italia e nel mondo la concentrazione delle ricchezze, aumenta il numero dei poveri 

Scuola al freddo, linea dura della preside: sospesi in 66

Sospesi in 66 in un liceo artistico di Milano per aver rivendicato un diritto. Una storia in apparenza d'altri tempi