13.3 C
Rome
giovedì 15 Aprile 2021
13.3 C
Rome
giovedì 15 Aprile 2021
Home culture Guerre dimenticate/Il mattatoio somalo tra jihadisti, rifiuti e petrolio

Guerre dimenticate/Il mattatoio somalo tra jihadisti, rifiuti e petrolio

Quasi un milione di morti in ventitré anni di guerra ininterrotta. La Somalia è divenuta terra di sversamento di rifiuti tossici e di trivellazione di fondali ricchi di petrolio.

 

di Franco Fracassi

Poco meno di un milione di morti. Eppure non se ne parla mai. Negli ultimi ventitré anni in Somalia c’è stata una guerra civile, poi una sorta di invasione internazionale (Italia compresa), poi di nuovo la guerra civile, poi la separazione (mai riconosciuta da nessuno) in quattro Stati, e ancora: una guerra di religione, seguita un conflitto con la confinante Etiopia, dall’intervento militare statunitense e dall’offensiva della jihad. Ventitré anni di guerra ininterrotta. Eppure nessuno ne parla.

 

Sullo sfondo del conflitto la ricca torta degli aiuti umanitari da spartire tra le fazioni in lotta, le immense distese di sabbia desertica ideali per l’interramento di rifiuti tossici e radioattivi provenienti dall’Occidente, i ricchi giacimenti di petrolio scoperti al largo delle coste somale. Nemmeno di questo nessuno ne parla mai.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento, prego!
Inserisci il tuo nome qui, prego

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ultimi articoli

Il vaccino razzista di Israele

La denuncia di 165 ong palestinesi: discriminati sia i palestinesi che vivono in territorio israeliano, sia quelli di Gaza e Cisgiordania

Che cosa è una setta. Rai doc lo spiega con una serie

L'annuncio di Rai doc, una docuserie sulle psico-sette firmata da Massimo Lauria e Monica Repetto

«No all’embargo a Cuba, anche se l’Italia è un vassallo Usa»

Perché l'Italia ha votato contro Cuba al Consiglio dei Diritti Umani dell'ONU. Intervista a Marco Papacci di Italia - Cuba [Davide Matrone]

Francia, Macron criminalizza l'”ultra-sinistra”

L'antiterrorismo francese sta costruendo un teorema contro cinque attivisti solidali col Rojava. La testimonianza dei familiari [Camille Polloni]  

Scoprifuoco! Arci Roma parte per Villa Ada

Un dibattito su culture e decoro urbano, spazi e conflitti orizzontali apre La Strada per Villa Ada, dialoghi e azioni promossi da Arci Roma