32.2 C
Rome
domenica 1 Agosto 2021
32.2 C
Rome
domenica 1 Agosto 2021
HomecultureL’Onu: in Ucraina situazione umanitaria allarmante

L’Onu: in Ucraina situazione umanitaria allarmante

Quasi novecentomila rifugiati, un quinto della popolazione che da quattro mesi è coinvolta, suo malgrado, nella guerra. Il conto dei morti sale a 1.367. Gli ospdali al collasso, il settanta per cento di medici e infermieri sono fuggiti.

 

di Franco Fracassi

Si aggrava la situazione umanitaria in Ucraina. Lo dice la Russia. Lo fa intendere (per la prima) lo stesso governo di Kiev davanti al consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite, anche se poi aggiunge che «non c’è crisi umanitaria. I russi esagerano». Lo afferma l’Alto commissariato per i rifugiati dell’Onu.

 

Ecco i numeri forniti dalle Nazioni Unite. Nella zona di guerra vivevano tre milioni e novecentomila persone. Di queste, «117.910 sono fuggite dai separatisti, dirigendosi a ovest, mentre altre 740.000 sono scappate dall’esercito ucraino, andando verso est, rifugiandosi in Russia». Il totale è di 857.910 profughi. Un abitante su cinque del Donbass.

 

Sempre secondo l’Unhcr, finora sono morte 1.367 persone («prevalentemente civili») e i feriti sono 4.087. Un numero eccessivamente alto, considerando il fatto che il settanta per cento del personale sanitario è fuggito dalla regione. Gli alloggi distrutti sono mille e seicento.

 

Particolarmente allarmante è la situazione in cui versano gli abitanti di Donetsk e Lugansk (un milione e mezzo complessivi), dove iniziano a scarseggiare i generi alimentari e l’acqua viene erogata solo un’ora al giorno.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento, prego!
Inserisci il tuo nome qui, prego

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ultimi articoli

La trappola del debito incastra le comunali

Comunali 2021: il grande rimosso del debito mentre i faccioni dei candidati già fanno promesse dai cartelloni [Marco Bersani]

La guerra di Lamorgese al dissenso. 10mila agenti Sì Tav

Quasi diecimila rinforzi per l'occupazione militare della Val Susa: è il senso del governo Draghi per la libertà di movimento

Insorgere, allora. La lezione di Gkn

“Siamo tutti GKN!” era l'urlo del corteo, a segnare il salto di qualità di una lotta di riunificazione del mondo del lavoro [Cristina Quintavalla]

Genova, mille ore di silenzio contro la guerra

Il 28 luglio, per la millesima volta, un gruppo di pacifiste/i si riunirà sui gradini di Palazzo Ducale. Stavolta la dedica è alle Veglie contro le morti in mare

L’inganno del Pleasure, ma esiste un porno etico?

Tutto quello che c’è da sapere sul porno – e che il film di Ninja Thyberg non ti dice [Monica Mazzitelli]