La Cia: fu Kiev ad abbattere il Boeing Malese

La Cia: fu Kiev ad abbattere il Boeing Malese

Tutte le prove portano a un unico scenario: il Boeing della Malaysian Airlines sarebbe stato prima colpito da un missile aria-aria e poi centrato da proiettili sparati da due caccia

di Franco Fracassi

I rottami dell'aereo malese, precipitato nell'Ucraina orientale.
I rottami dell’aereo malese, precipitato nell’Ucraina orientale.

«Al termine di una inchiesta approfondita, fonti interne alla Cia sostengono che i separatisti e la Russia non hanno nulla a che vedere con l’abbattimento del Boeing 777-200 della Malaysian Airlines. Le prove portano ad accusare le forze governative ucraine». Lo ha scritto il più esperto giornalista investigativo dell’Associated Press, la più grande e antica agenzia di stampa del pianeta. Robert Parry è stato lo svelatore di alcuni dei principali scandali interni alla Casa Bianca e alla Cia degli ultimi quarant’anni.

 

Le informazioni fornite da Parry vanno ad aggiungersi a quanto sta emergendo dalle inchieste (giornalistiche, tecniche e giudiziarie) che stanno giungendo alla loro conclusione.

 

L’indagine giudiziaria locale ha stabilito che l’aereo sarebbe stato colpito da un missile aria-aria, quindi da un caccia, e abbattuto da una raffica sparata da un cannoncino, piazzato su un caccia.

 

Il generale russo Andrey Kartopolov, il 20 luglio scorso aveva convocato una conferenza stampa per mostrare immagini prese dai radar russi: «Un caccia ucraino è stato individuato alla stessa altitudine del boeing, la distanza dall’aereo malese è stata calcolata in tre chilometri. Vogliamo avere una spiegazione su come mai un jet militare viaggiasse lungo un corridoio civile quasi allo stesso momento del volo malese. Il caccia SU-25 può viaggiare a dieci chilometri di altitudine, è equipaggiato da missili aria-aria R-60, in grado di centrare un bersaglio a una distanza di dodici chilometri. La presenza del caccia ucraino è confermata anche da un video, girato dal centro di controllo di Rostov. Al momento del disastro, un satellite statunitense stava sorvolando l’Ucraina orientale. Perché il Pentagono non pubblica le foto che ha in suo possesso?».

 

Alle parole (e le immagini) di Kartopolov seguì la storia di Carlos, un controllore di volo spagnolo che lavorava nella torre di controllo dell’aeroporto di Kiev, e che seguiva il volo MH17 in tempo reale. Per alcuni Carlos esiste, è reale, non è solo un numero; per altri, sembra che non abbia mai lavorato a Kiev. In ogni caso, Carlos pubblicò una marea di tweet. Poche ore dopo il suo account venne bloccato, e lui scomparve. I suoi amici lo stanno ancora cercando. Ecco alcuni dei suoi tweet principali:

Ore 17.48: «Il B777 era scortato da due caccia ucraini pochi minuti prima di scomparire dal radar».

Ore 17. 54: «Se le autorità di Kiev dicessero la verità dovrebbero ammettere che due caccia Ucraini stavano volando molto vicini all’aereo pochi minuti prima del verificarsi dell’incidente, pur non essendo stati loro ad abbattere l’aereo».

Ore 17.57: «Non appena il B777 della Malaysian Airlines è scomparso, le autorità militari di Kiev ci hanno informato che l’aereo era stato abbattuto. Come facevano a saperlo?».

Ore 19.14: «Tutto è stato registrato dal radar. Per quelli che non ci credono, l’aereo è stato abbattuto da Kiev; lo sappiamo noi (del controllo aereo) e lo sanno quelli del controllo aereo militare».

Ore 19.15: «Il ministero dell’Interno sapeva che c’erano dei caccia nell’aerea, ma quello della Difesa non lo sapeva».

Ore 19.31: «I militari confermano che la responsabilità è dell’Ucraina, ma non si sa da chi sia venuto l’ordine».

 

Subito dopo le rivelazioni di Parry l’ambasciata ucraina a Kiev si è affrettata a smentire. Come il ministero della Difesa ucraino aveva negato la presenza di jet in volo nei pressi del Boeing malese.

Un pezzo di lamiera della fusoliera dell'Mh17. Come si vede chiaramente, la lamiera è letteralmente bucherellata. Secondo gli esperti, si tratta di fori causati da proiettili calibro 30, in dotazione ai caccia ucraini.
Un pezzo di lamiera della fusoliera dell’Mh17. Come si vede chiaramente, la lamiera è letteralmente bucherellata. Secondo gli esperti, si tratta di fori causati da proiettili calibro 30, in dotazione ai caccia ucraini.

Il giorno successivo all’articolo del giornalista dell’Ap, il giornale malese “New Straits Times” ha intervistato due esperti. Questi hanno sostenuto che dalle fotografie del relitto (in particolare della fusoliera) «emerge chiaramente la presenza di fori, frutto di colpi di cannoncino da parte di un caccia».

 

Parry ha anche pubblicato un secondo articolo, in cui ha intervistato un certo Michael Bociurkiw, un canadese di origini ucraine che lavora come investigatore per l’Osce (l’Organizzazione per la sicurezza e la cooperazione in Europa). Bociurkiw è stato il primo ad arrivare sulla scena del disastro («i resti dell’aereo erano ancora fumanti»). Ha raccontato l’investigatore dell’Osce: «C’erano due o tre pezzi di fusoliera che erano stati chiaramente bucherellati dal fuoco di un cannoncino, di quelli montati sui caccia».

 

Parry ha scritto: «La testimonianza di Bociurkiw è fondamentale, perché è vergine dalla propaganda e non è frutto di influenze esterne. Indipendentemente da quello che diranno le inchieste russe, ucraine, olandesi, della Nato o di chiunque altro, lui è arrivato tra le lamiere fumanti per primo, e ha visto quei buchi, di quel genere che investigatori come lui conoscono bene».

 

“New Straits Times” ha anche intervistato un ex pilota della Lufthansa (Peter Haisenko): «Le foto sono chiarissime. Si vedono sui pezzi di lamiera colpiti si vedono sia fori d’entrata che di uscita. E si tratta di pezzi di lamiera posti sui due lati dell’aereo. Chi ha sparato non poteva stare contemporaneamente da entrambi i lati dell’aereo. Il Boeing è stato abbattuto da proiettili da trenta millimetri. Le mie deduzioni non possono essere che queste: prima l’aereo è stato colpito da un missile, poi un primo caccia ha sparato contro la fusoliera; infine, un secondo caccia ha fatto fuoco contro la cabina di pilotaggio. Di certo, l’aereo non è stato abbattuto da un missile terra-aria», come sostengono il governo di Kiev e la Casa Bianca.

 

Un ex ingegnere dell’aviazione statunitense e della Boeing (Raymond Blohm) ha redatto una sua personale perizia: «Con un sistema di mira consono, un Su-25 non deve essere veloce quanto un Boeing 777 in velocità di crociera. Deve solo raggiungere una buona posizione di lancio di un missile. Dato che il 777 non stava facendo manovra, era semplice calcolare in anticipo quando mettersi in una determinata posizione nel cielo sotto il 777. Da lì è il missile ad avere la velocità e la possibilità di raggiungere l’altitudine necessaria a colpire il 777 (l’R-60 è un missile idoneo). Dopo che il missile ha messo fuori uso un motore, sia la velocità sia l’altitudine massima del Boeing sono ampiamente alla portata delle possibilità di velocità ed altitudine di un Su-25. A quel punto l’Su-25 può mostrare la potenza di fuoco dei suoi cannoni».

I corpi di due passeggeri tra le lamiere dell'aereo abbattuto.
I corpi di due passeggeri tra le lamiere dell’aereo abbattuto.

Il Boeing 777-200ER della Malaysia Airlines, era decollato dall’Aeroporto di Amsterdam-Schiphol a mezzogiorno e diciassette del 17 luglio. Nome in codice MH17. Sarebbe dovuto atterrare alle sei e dieci di mattina a Kuala Lumpur. A bordo centottantanove olandesi, quarantaquattro malesi, ventisette australiani, dodici indonesiani, nove britannici, quattro tedeschi, quattro belgi, tre filippini, un canadese, un neozelandese. Duecentottantatré passeggeri e quindici membri di equipaggio. C’era chi andava in Malesia in vacanza, c’era chi tornava a casa, ma anche chi era diretto in Australia per la ventesima conferenza internazionale sull’Aids, tra cui uno dei ricercatori pionieri della lotta all’Hiv: Joep Lange.

 

L’aereo viaggiava a novecento chilometri orari sulla rotta abituale, sorvolando Varsavia e Kiev, per dirigersi poi verso la Crimea e il Mar Nero. Aveva fatto così il giorno prima, e quello prima ancora. Il Boeing doveva evitare accuratamente il sorvolo dell’Ucraina orientale, dov’è in corso la guerra civile. Nonostante la zona di guerra fosse stata dichiarata sicura dall’organismo che regola per le Nazioni Unite l’aviazione civile (Icao), come ha voluto puntualizzare la Malaysian Airlines.

 

Intorno all’una, su disposizione dei controllori di volo ucraini di Kiev e di Dnepropetrovsk, l’MH17 ha deviato verso nord di duecento chilometri, finendo per sorvolare proprio l’area del Donbass. Del perché di una simile variazione di percorso nessuna autorità ha ancora fornito una risposta. Il ministero dell’Interno ucraino ha vietato la pubblicazione delle registrazioni delle comunicazioni intercorse tra il controllo del traffico aereo e il Boeing. Il servizio segreto ucraino (Sbu) le ha confiscate.

 

Un’ora e cinque minuti dopo (le 15.05 in Ucraina) il segnale inviato dal trasponder a bordo dell’aereo è sparito dai radar. Altri dieci minuti e su Twitter è apparso il seguente comunicato: «La Malaysian Airlines ha perso i contatti con l’MH17 da Amsterdam. L’ultima posizione conosciuta era sopra lo spazio aereo ucraino. Seguiranno maggiori dettagli». Quando il Boeing è stato abbattuto si trovava a trenta chilometri dal Tamak waypoint, a circa cinquanta chilometri dal confine russo-ucraino (47°51′24″N 39°13′06″E). Undici chilometri più in basso i villaggi di Shaktarsk, Torez e Grabovo, nella provincia di Donetsk. Territorio sotto il controllo delle milizie separatiste.

Related posts

9 Comments

    1. filippo

      Ma e’ cosi’ chiaro e lampante che la verita’ non la sapremo mai,
      le prove son state manipolate e non poteva essere altrimenti,
      chi grida al ‘io so chi e’ stato’
      e’ solo un utile idiota.

      Reply
  1. Andrii

    Sono vere bugie,Bugiardi giornalisti,il governo Ucraino non centra niente,chi ha scritto questo non entrera mai in Ucraina,lo prometo!Giornalisti Italiani,sono putane!va fanculo!

    Reply
  2. Giuseppe G

    Ehi Andrii… ti brucia il culo a sapere che il tuo governo abbatte gli aerei civili, vero? I giornalisti italiani raccontano spesso balle che stanno dalla parte di Kiev, una volta che scrivono la verità, fa male, vero? Le puttane sono tutte a Kiev!

    Reply
  3. Pippo

    Andrii, frugati le tasche perchè gli USA vi hanno messo in un bel casino, dovrete pagare il default del vostro paese dopo tutto questo. Vi hanno illuso di una rivoluzione vuota. Per fare i grossi bisogna poterselo permettere. Vi hanno usati e vi lasceranno soli. Questa dell’aereo è l’ennesima schifezza che fa la CIA senza compromettersi ma facendo sporcare le mani agli altri, voi ucraini valete meno di zero, mi dispiace. Posso dirti una cosa sola con certezza, questo inverno farà molto freddo in Ucraina, Andrii, comincia a raccogliere la legna, dai retta a me.

    Reply
  4. Gis

    Pippo, il problema è che la legna la dovremo fare anche noi qui, perché anche noi siamo servi stupidi della Cia e degli interessi nord americani.

    Reply

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.