0.9 C
Rome
giovedì 9 Dicembre 2021
0.9 C
Rome
giovedì 9 Dicembre 2021
si fa di carta grazie a te! Arriva
Libro-rivista di racconti, inchieste, riflessioni

Il primo numero, ottimo anche come idea regalo, è già pronto e si intitola Cocktail partigiani. Parole in fondo al bicchiere, un volume di Gabriele Brundo, scrittore-barman genovese corredato da illustrazioni di una dozzina di disegnatori, da un ricettario di cocktail a base di Amaro Partigiano e da alcune riflessioni su produzione e consumo di alcol e letteratura.

OLTREPOP

E SAI COSA BEVI!!!
HomecultureUcraina, i Paesi Nato inviano armi a Kiev

Ucraina, i Paesi Nato inviano armi a Kiev

La consegna di armi ed equipaggiamenti all’esercito ucraino è iniziata nella notte tra domenica e lunedì. Anche l’Italia prepara un pacchetto di assistenza militare.

di Massimo Lauria

20140904_nato

La debole tregua tra Kiev e i separatisti filorussi è sempre più a rischio. Nonostante l’Ucraina non faccia parte dell’Alleanza atlantica, dai paesi Nato è iniziato l’invio di armi ed equipaggiamenti per combattere i nemici di Kiev a est del paese. Ad annunciare l’avvio degli aiuti militari è stato lo stesso ministro della Difesa ucraino, Valeri Gheletei, nella serata di domenica 4 settembre. Già nella notte, stando alle fonti ufficiali, le forniture hanno varcato i confini del paese in guerra e stanno viaggiando verso le aree dei combattimenti.

È lo stesso Gheletei a rendere noto che gli accordi per la consegna di armamenti sono stati presi durante gli incontri bilaterali con i ministri della Difesa di paesi Nato, al recente summit gallese dell’Alleanza. Bocca cucita, invece su quali paesi europei abbiano dato l’ok per gli aiuti all’esercito regolare. «Non ho il diritto di svelare gli specifici Paesi con cui abbiamo raggiunto tale accordo – ha precisato il titolare della Difesa di Kiev -. Ma il fatto è che quelle armi sono già in viaggio verso di noi, questo è assolutamente vero, posso ufficialmente confermarvelo».

Non ci sono piani per «assistenza letale» all’Ucraina, assicurano alcuni ufficiali Nato, misurandosi con gli equilibrismi linguistici. Anche perché Kiev non fa parte dell’Alleanza. La trovata, perciò, è quella di prendere accordi direttamente coi singoli paesi che ne fanno parte. La Nato c’è ma non si vede, dunque.

Nonostante già in precedenza fonti della Difesa di Italia, Polonia e Norvegia avevano smentito l’invio di armi all’Ucraina, il nostro paese sta preparando un pacchetto di assistenza militare “non offensiva”. Stando alle fonti ufficiali l’Italia, in coordinamento con altri Paesi Nato e Ue, invierà nelle zone di guerra forniture in giubbotti antiproiettile ed elmetti.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento, prego!
Inserisci il tuo nome qui, prego

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ultimi articoli

Meglio tardi che mai! Bentornato sciopero generale

Cgil e Uil: lo sciopero generale per il 16 dicembre. Pd imbarazzato. La Gkn: «Convocazione tardiva ma lo sciopero deve riuscire»

Grounded! Cosa ha fatto al mondo un anno senza volare?

Nel marzo 2020 l'aviazione si è fermata. Cosa ha significato per i nostri lavori, i nostri orizzonti e il pianeta? [Cal Flyn]

Non c’è ghiaccio, il panico nella capitale degli orsi polari

Churchill, Canada: la capitale mondiale degli orsi polari è rimasta senza ghiaccio per la prima volta con gravi conseguenze [Leyland Cecco]

Ma chi governa davvero il mondo?

Quanto potrebbe costare una Repubblica delle Banane? Un tentativo di determinare chi governa davvero il mondo [Olúfémi O. Táíwò]

Godard: «Dopo il contrario di tutto, vi dico il contrario di niente»

In un momento che sembra segnare la fine di un'epoca, Mediapart ha intervistato Jean-Luc Godard. Ma niente è andato come previsto [Ludovic Lamant e Jade Lindgaard]