Caso Magherini, il processo si farà

Caso Magherini, il processo si farà

Per la Procura è omicidio colposo: cocaina e asfissia le cause della morte. Il legale della famiglia: «Pensiamo ad un omicidio preterintenzionale». Accusati 4 carabinieri e 3 operatori del 118.

di Massimo Lauria

Riccardo-Magherini-11_11

Riccardo Magherini sarebbe morto per uso eccessivo di cocaina e per asfissia, dovuta anche alle modalità con cui operarono i carabinieri. È questa l’ipotesi della Procura di Firenze, che ha comunicato la chiusura delle indagini sull’omicidio dell’ex calciatore fiorentino. Sotto accusa sette persone, i quattro militari che la sera del 3 marzo scorso fermarono il quarant’enne nel capoluogo fiorentino e tre operatori del 118. È un’ipotesi che però non convince il legale della famiglia, Fabio Anselmo: «Riguardo la configurazione dei reati – ha spiegato l’avvocato – ritengo che questa sia tutt’altro che definitiva, avremo da discutere. Noi riteniamo possa essere un omicidio preterintenzionale».

Dopo un primo momento in cui si temeva per l’archiviazione del procedimento, per i familiari di Magherini ora si accende almeno speranza di far luce su questa brutta storia. «Siamo soddisfatti. È merito della costanza della famiglia Magherini, a dispetto delle archiviazioni annunciate, se avremo un processo», insiste Anselmo.

Secondo la Procura le modalità con cui Magherini venne immobilizzato e ammanettato furono imprudenti e difformi ad una direttiva del Comando generale dell’Arma. Ovvero ad uccidere il ragazzo, stando a quanto risulterebbe nell’avviso di chiusura indagini, sarebbe stata anche la modalità di contenzione operata dai carabinieri. Mentre i tre opertatori del 118, scrivono i giudici, non hanno saputo valutare correttamente la gravità della situazione, non intervenendo per limitare gli effetti dell’asfissia. Estranei al procedimento, invece, gli altri quattro sanitari accorsi con una seconda ambulanza.

Related posts

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.