28.7 C
Rome
giovedì 29 Luglio 2021
28.7 C
Rome
giovedì 29 Luglio 2021
Homeconsumare stancaChi inquina paga, il Cile attacca le fossili con la carbon tax

Chi inquina paga, il Cile attacca le fossili con la carbon tax

La presidente Bachelet impone una tassa sulle emissioni di CO2 alle imprese che inquinano. Tra le aziende colpite anche Endesa Chile, controllata dell’italiana Enel

di Massimo Lauria

carbon1

Chi inquina paga. Chi ha detto che la lotta al cambiamento climatico non passa anche attraverso le riforme fiscali? Il Cile è il primo paese sudamericano a colpire i giganti dell’energia introducendo la carbon tax: una tassa sulle emissioni di CO2 rilasciate nell’atmosfera terrestre. La presidente Michelle Bachelet ha firmato venerdì scorso una riforma del sistema fiscale, simbolo della lotta ai combustibili fossili.

La ricetta è semplice e poco costosa. Anzi, secondo le stime del governo cileno porterà nelle casse dello stato circa 160 milioni di dollari l’anno. Chi gestisce impianti di generazione elettrica alimentati con combustibili fossili di potenza superiore a 50 Mw, dovrà pagare 5 dollari a tonnellata di CO2 prodotta.

Il Cile punta così ad arginare l’impatto dei cambiamenti climatici entro i propri confini, riducendo le emissioni di anidride carbonica, con il doppio obbiettivo di tutelare l’ambiente e contemporaneamente rilanciare l’economia legata al comparto delle fonti di energia rinnovabile. Una soluzione simile, ma annacquata, era stata introdotta all’inizio dell’anno anche in Messico. Il paese del Centro America, infatti, permette alle aziende che inquinano di utilizzare i “carbon credit”, una sorta di scambio in reputazione e guadagno, rimanendo nei limiti previsti per le emissioni di CO2.

Tra le aziende colpite dalla nuova norma voluta dalla socialista Bachelet, ci sono alcuni dei giganti dell’energia mondiale, come la statunitense Aes Corporation, la cilena Colbún e la Endesa Chile, controllata dell’italianissima Enel. Endesa e Colbún sono note in Cile per la progettazione di cinque gigantesche dighe, 2000 chilometri di torri e cavi elettrici. Impianti idroelettrici che, secondo gli ambientalisti, metterebbero a rischio un intero ecosistema.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento, prego!
Inserisci il tuo nome qui, prego

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ultimi articoli

Genova, mille ore di silenzio contro la guerra

Il 28 luglio, per la millesima volta, un gruppo di pacifiste/i si riunirà sui gradini di Palazzo Ducale. Stavolta la dedica è alle Veglie contro le morti in mare

L’inganno del Pleasure, ma esiste un porno etico?

Tutto quello che c’è da sapere sul porno – e che il film di Ninja Thyberg non ti dice [Monica Mazzitelli]

G8, poca luce sotto il Qr Code

Fare Luce, innovativa installazione tecnologica, ideata dal direttore Livermore che apre il G8 PROJECT del Teatro Nazionale di Genova [Carlo Rosati]

Cuba, l’urlo di Padura

A questo avvertimento disperato delle rivolte popolari, le autorità cubane non dovrebbero rispondere con gli slogan abituali [Leonardo Padura]

Genova, è ancora il giorno di Carlo

Vent'anni fa l'omicidio di Carlo Giuliani, ucciso da un carabiniere che non sarebbe mai stato processato. L'agenda dei movimenti parte a fianco dei licenziati della Gkn. A Napoli contro il G20