22.8 C
Rome
domenica 21 Luglio 2024
22.8 C
Rome
domenica 21 Luglio 2024
HomecultureGrillo si fa ridere dietro in Europa

Grillo si fa ridere dietro in Europa [e a Roma]

Promemoria per chi ha votato Grillo alle europee stilato dall’autore di “Heil Beppe! Manuale libertario contro un partito autoritario” scritto con Carlo Gubitosa

di Alessio Spataro

10455581_10203327383259058_2583953600775742877_n

10 promemoria per chi ha votato M5S alle europee:

[1] Siccome uno vale uno, il ricco razzista Grillo sceglie da solo il programma elettorale delle europee senza consultare nessuna assemblea democratica interna al suo partito di merda;

[2] Il programma è un bignami di propositi ripetuti e irrealizzabili in cui comunque, come per le politiche di un anno prima, non esistono immigrazione e politica estera;

[3] Il M5S crea una lista di corrotti, che sottoscrivono col privato cittadino Grillo un patto totalmente illegale e fascista che nega a priori la libertà individuale della persona eletta legando il comportamento politico a Strasburgo dei candidati a 5 stelle all’approvazione di uno staff nominato dal privato cittadino Grillo, pena una multa di 250.000 euro totalmente illegale e impossibile da riscuotere;

[4] Il ricco (c’è chi lo accusa di essere razzista e bugiardo) Grillo, dopo aver promesso che in caso di sconfitta sarebbe “andato via” e dopo aver preso la metà dei voti del Pd, non s’è premurato di spiegare da cosa sarebbe andato via;

[5] Il ricco Grillo, dopo aver promesso (in qualità di non si sa bene cosa) che gli eletti M5S avrebbero deciso in rete le alleanze, ha promosso in prima persona un’alleanza con l’EFD, cioè con partiti razzisti (come l’Ukip inglese) e neonazisti (come i Ds svedesi), favorendo e influenzando di fatto il risultato di un televoto controllato da Casaleggio e favorevole per il 78% a ratificare la decisione di Grillo;

[6] La formazione del gruppo, scongiurata in modo decisivo da una deputata indipendente del partito razzista francese Front National, ha consentito alle componenti del gruppo un maggior guadagno di soldi pubblici;

[7] In cambio della legittimazione politica e dei maggiori finanziamenti pubblici di partiti razzisti e neonazisti, il M5S ottiene una vittoria storica: l’EFD modifica il nome in EFDD per richiamare il concetto di “democrazia diretta” storpiato ormai da anni dai ricchi (c’è chi li accusa di essere razzisti) Grillo e Casaleggio;

[8] Il deputato italiano Manlio Di Stefano ammette in un’intervista all’Huffington Post che il suo partito s’è alleato a Strasburgo con partiti favorevoli al genocidio di Israele su Gaza, come lo definisce lo stesso Di Stefano, in cambio di un’altra vittoria storica: la libertà di voto su singoli punti;

[9] L’unica cosa buona fatta dal M5S in Europa è stata fatta tardi: licenziare Messora;

[10] Stamattina esce dal gruppo EFDD una deputata della Lettonia, decisiva per la formazione del gruppo, decretando in modo democraticamente diretto lo scioglimento dell’EFDD e la conseguente dimostrazione che il M5S è utile solo a farsi ridere sopra, proprio come accadrà a Roma da Hellnation sabato 18 alle 18 in via Nomentana 113 (ci sarà la presentazione di Heil Beppe!, ndr)

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento, prego!
Inserisci il tuo nome qui, prego

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ultimi articoli

Dietro lo stallo del Nuovo Fronte Popolare, due strategie opposte

Francia, la sinistra è lacerata su un governo destinato a durare poco. I socialisti stanno inviando segnali di apertura al campo macronista [Mathieu Dejean]

E’ sbagliato tifare per la Nazionale? Noi compagni e il calcio

Europei: football, politica e società. Uno sguardo con gli occhi di un socialista inglese [Dave Kellaway]

Francia, la gauche in stallo, cresce l’impazienza popolare

Duello Ps-LFI per chi guiderà il governo del NFP. Ma intanto Macron punta a dividerlo. Se resisterà sarà solo per la pressione dei movimenti

Il passepartout del sionismo

L'accusa di antisemitismo e altre sfumature retoriche per negare le responsabilità di Israele nel massacro di Gaza

Strega, storie di donne sull’orlo d’una crisi d’identità 

Donatella Di Pietrantonio vince il premio Strega 2024. La famiglia come filo conduttore della sestina