20.2 C
Rome
giovedì 16 Settembre 2021
20.2 C
Rome
giovedì 16 Settembre 2021
Homein genereIndia: stuprata all'asilo una bimba di 3 anni

India: stuprata all’asilo una bimba di 3 anni

Non è il primo stupro di una bimba che avviene all’interno della scuola frequentata. Negli ultimi 4 mesi altri due casi simili. Pene inasprite dal governo, ma il problema resta culturale.

di Marina Zenobio

Aprile 2013. Funerali di una bambina di 4 anni morta di stupro a Nagpur
Aprile 2013. Funerali di una bambina di 4 anni morta di stupro a Nagpur

Stuprata all’asilo, a soli 3 anni. E’ accaduto, nell’ Orchid International School di Bangalore (Stato meridionale di Karnataka), una scuola privata di alto livello. Quando i genitori sono andati a prendere la piccola a scuola, l’hanno trovata in lacrime, con evidenti lividi e in stato di shock e accusava dolori nelle zone genitali. Portata in ospedale, i sanitari hanno confermato la violenza sessuale. C’è da chiedersi come mai le insegnanti della bambina non si siano rese conto delle sue condizioni.

Inizialmente si è parlato di uno sconosciuto ma poi la stessa direttrice della scuola ha ammesso che è impossibile, perché l’accesso alla scuola è severamente controllato, e la piccola ha ammesso che è stato “uno zio della scuola”. La polizia ha creato un equipe specializzata per indagare sul caso, finora sei membri dello staff della scuola sono stati identificati e interrogati, il colpevole dovrebbe essere uno di loro, ma per ora nessuno arrestato.

Lo stupro della piccola ha suscitato scalpore e proteste in una città dove, solo negli ultimi quattro mesi, sono avvenuti altri due casi di violenza sessuale contro due bambine di sei e otto anni.

Secondo fonti della polizia, in India, paese di 1.200 milioni di abitanti, si consuma uno stupro ogni 22 minuti, ma secondo attivisti per i diritti umani questa cifra è a ribasso e non riflette la realtà. La responsabilità è della cultura di un paese che tollera la violenza sessuale, quella stessa cultura che porta le stesse famiglie a fare pressioni sulle donne affinché non denuncino, cercando così di evitare lo stigma.

Secondo dati de governo indiano, invece, le denunce per violenza sessuale sono aumentate nel 2013 del 35% rispetto all’anno precedente. In particolare dopo lo stupro di gruppo su un autobus di una donna di 23 anni, morta in conseguenza dell’aggressione. Adesso in India la violenza sessuale di gruppo è punita con la pena di morte, indipendentemente se la vittima sopravviva o no. Ma se non si agisce sul cambiamento culturale, attraverso l’educazione in primo luogo, a poco servono inasprimento della pena.

Infatti diverse donne violentate nell’anno in corso sono state uccise dai loro stupratori che temevano denuncia e riconoscimento. Il caso più efferato, conosciuto, è quello avvenuto in maggio del 2014, quando dopo aver violentato due cugine di 12 e 14 anni, gli stupratori hanno impiccato le due adolescenti ad un albero, probabilmente a monito.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento, prego!
Inserisci il tuo nome qui, prego

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ultimi articoli

Big Pharma, profitti alle stelle e quasi niente tasse

Denuncia di Oxfam ed Emergency: il monopolio sui vaccini anti Covid è una manna per le multinazionali e un genocidio per i paesi poveri

Gkn, gli operai che non rispettano il copione

Gkn. Marco Bersani spiega perché quella lotta parla a tutti noi , un appello della società della cura e un articolo di Francesco Locantore

Roma, chi fa cultura chiede buona politica

Un cartello di associazioni, in rappresentanza di migliaia di operatori e utenti, ha stilato un manifesto da sottoporre ai candidati

Referendum cannabis, onda verde a quota 100mila in 24 ore

Una partenza da sballo per il referendum cannabis. C'è tempo solo fino al 30 settembre per raggiungere le 500mila firme necessarie

EZLN in volo verso l’Europa

Partirà lunedì da Città del Messico, La Extemporanea, la delegazione zapatista che incontrerà i movimenti europei [La Jornada]