mercoledì 17 ottobre 2018

PD e uomini neri: spuntano nuovi amori a Roma?

PD e uomini neri: spuntano nuovi amori a Roma?

Il Pd distribuisce poltrone d’oro a uomini di Alemanno. La Procura scopre affari trasversali tra imprese e politici di qua e di là

di Caio Gracco

PD-2-670x274

E’ in corso un’indagine giudiziaria delle ultime ore della Procura della Repubblica di Roma che taglia la politica dei partiti tradizionali di destra e di sinistra come un’affettatrice ben affilata. Così scrive il Corriere della sera il 7 novembre: “Quelle valigette piene di «documenti e valuta» occultate nel bagagliaio dell’auto che viaggiava dalla Francia all’Italia sembrano essere il simbolo dell’inchiesta che sta imbarazzando il Partito democratico. Perché l’accusa di corruzione contestata dai magistrati romani al deputato Marco Di Stefano potrebbe essere soltanto il primo passo di un’indagine che coinvolge ben altri nomi della politica romana. Parlamentari della sinistra e della destra accomunati dall’amicizia e soprattutto dagli affari conclusi da Antonio e Daniele Pulcini, imprenditori immobiliari dai mille interessi finiti agli arresti domiciliari per aver pagato il direttore del Demanio del Lazio per «pilotare» un’assegnazione. Costruttori capaci di tessere una rete che partiva da Di Stefano quando era assessore al Demanio della Giunta regionale guidata da Piero Marrazzo, passava per Antonio Lucarelli capo della segreteria del sindaco Gianni Alemanno, arrivava a Fabio De Lillo, ora alla Regione Lazio per il Nuovo centrodestra, ma anche al senatore udc Mario Baccini, ai parlamentari eletti con il Pdl Basilio Giordano e Antonino Foti”. Si parla perciò di interessi trasversali si direbbe alquanto strabici perché dovrebbe essere notevole la distanza tra il PD e il mondo di Alemanno, rappresentato da Lucarelli, uomo con una storia di estrema destra ben conosciuta…Mah?!

Siamo venuti a sapere della nomina, pochi giorni, fa a dirigente di Equitalia di Ranieri Mamalchi, ex capo segretario di Alemanno al Ministero dell’Agricoltura, consigliere della fondazione del sindaco ‘Nuova Italia’, paracadutato all’UNIRE, e poi come dirigente in ACEA, ai tempi della Giunta capitolina alemanniana. Ma ora l’azionista di riferimento di Equitalia si incarna nella nuova direttrice dell’Agenzia delle Entrate Orlandi, ritenuta vicina al PD. Anzi è di poche settimane fa la nomina di un nuovo presidente di Equitalia da parte della Orlandi. Non appena c’è la nuova presidenza di Equitalia si realizza per incanto l’assunzione di Mamalchi…Mah?!

“Il 31 ottobre apprendiamo da il Fatto: “Lazio, Zingaretti affida l’Arpa a fedeli di Alemanno implicati in Parentopoli. Dopo la nomina a dg dell’Arpa di Marco Lupo, uomo di fiducia di Stefania Prestigiacomo, ecco i nuovi vicedirettori: Sergio Marchi e Maria Grazia Pompa. Il primo fu tra i più attivi nel sistema di assunzioni sospette dell’Atac; la seconda è la “protetta” di Luca Fegatelli, arrestato per associazione a delinquere”….

Da due settimane bolle lo scandalo Gesconet su cui indaga la Procura della Repubblica di Roma. Si tratterebbe di un consorzio, cooperativo, appunto Gesconet, che avrebbe avuto una serie spaventosa di affidamenti da parte pubblica di facchinaggi, pulizia locali e logistica. Fiorenza Sarsanini sul Corriere della Sera ha parlato di un registro “ingombrante” delle mazzette trasversali pagate a politici e   dirigenti pubblici. Il nume tutelare di Gesconet è Pierino Tulli: si è ricominciato a parlare perciò della scalata della Lazio calcio nel 2004/2006 quando Storace, e buona parte di AN, governatore della regione Lazio sponsorizzava Lotito e Veltroni, sindaco di Roma, sponsorizzava Pierino Tulli. Con Tulli si erano schierati pure gruppi di ultrà di estrema destra, se possibile, ben più a destra di Storace…

Related posts

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.