-0.5 C
Rome
venerdì 28 Gennaio 2022
-0.5 C
Rome
venerdì 28 Gennaio 2022
si fa di carta grazie a te! Arriva
Libro-rivista di racconti, inchieste, riflessioni

Il primo numero, ottimo anche come idea regalo, è già pronto e si intitola Cocktail partigiani. Parole in fondo al bicchiere, un volume di Gabriele Brundo, scrittore-barman genovese corredato da illustrazioni di una dozzina di disegnatori, da un ricettario di cocktail a base di Amaro Partigiano e da alcune riflessioni su produzione e consumo di alcol e letteratura.

OLTREPOP

E SAI COSA BEVI!!!
Homeconsumare stancaSarà un Paese, L’Italia della crisi spiegata a un bambino

Sarà un Paese, L’Italia della crisi spiegata a un bambino

Il documentario diretto da Nicola Campiotti e sostenuto dal Comitato italiano per l’UNICEF è al cinema. Su Popoff la recensione

di Giorgia Pietropaoli

Il trailer del film Sarà un Paese

«Un Paese che rispetta i diritti dei suoi bambini si apre al futuro». E l’Italia è un Paese che più chiuso di così non si può se si pensa a quel 13,8% di bambini (più di un milione e quattrocento) che vive in povertà assoluta. Se poi guardiamo agli investimenti per l’infanzia e per la famiglia (che rappresentano appena il 4,8% della spesa sociale) beh… forse il futuro ce lo possiamo proprio scordare. Non è roba per noi. Eppure… eppure.
Eppure il viaggio di un bambino sulle orme di Cadmo, eroe fenicio che, secondo la mitologia, introdusse in Grecia l’alfabeto, e alla scoperta di un «Paese stanco ma ancora vivo» può offrirci uno sguardo nuovo, una prospettiva diversa sui nostri problemi. Una prospettiva incantata, forse a tratti ingenua ma così poetica e piena di speranza che solo un bambino può riuscire a trasmetterla totalmente e senza filtri.
Nicola Campiotti dirige così Elia in Sarà un Paese, guidandolo alla scoperta dei problemi che affliggono la nostra società.

saraunpaese-3

«Se n’è andato per aver respirato». L’inquinamento ambientale, le morti sul lavoro, l’incontro tra culture diverse, la disoccupazione giovanile, il precariato, i beni comuni, il buono e il cattivo governo, il senso del limite: sono tappe in cui Elia si ritrova ad apprendere qualcosa di nuovo, come se fossero lettere (ancora sconosciute) dell’alfabeto. Sono temi la cui complessità un bambino stenta a comprendere, soprattutto se confrontati con il testo di una Costituzione che promette e dovrebbe garantire altro. E allora come si fa a raccontare a un bambino tutto ciò? Attraverso il mito, attraverso la fiaba. Attraverso le persone che sono protagoniste involontarie di storie che sarebbe meglio dimenticare.
«Poi siamo andati a vedere delle cose belle». I comuni virtuosi, il coraggio di ribellarsi alle mafie, la conoscenza e l’arte. Diventano tutti esempi concreti che dimostrano quanto sia possibile trasformare la “collera” in “creatività” per provare a cambiare quello che non ci piace, per decidere noi quel che sarà del nostro Paese.

«Una nazione colta è il peggior nemico di un governo corrotto». La lezione di Campiotti è tenera, indulgente ma piena di ammonizione perché «ci stiamo divorando il Paese» ed è necessario riscoprire quei valori che sembrano andati perduti, da qualche parte, in un tempo imprecisato. Occorre fare un viaggio, come Cadmo e come Elia, fisico e metaforico per comprendere appieno la direzione che vogliamo prendere e quella che dobbiamo abbandonare. «Il treno per i laureati in lettere partirà con tre ore di ritardo», e il sussurro di un bambino («Non partite…!») riesce a sembrare un grido, una richiesta urgente di aiuto che non si può ignorare.
Campiotti non è mai didascalico o scolastico. Per tutta la durata del suo piccolo ma grande film conserva quell’aura di fantasia e onirismo che serve a narrare eventi tanto drammatici quanto reali. Senza mettere da parte il ruolo dei governanti di turno. «L’anima di un luogo cambia e muta per come vien governata, per come vien tenuta».

saraunpaese-6

Alla fine del viaggio non rimane che rimboccarsi le maniche perché le cose, per poter cambiare, hanno bisogno del lavoro, dell’impegno e della costanza di tutti.
D’altronde, cos’era l’alfabeto se non un dono dato a Cadmo quando aveva «saputo ascoltare le voci del mondo»?
Se l’ha capito un bambino possiamo ben capirlo anche noi.
Altrimenti, siamo già fottuti.

SARA’ UN PAESE
Regia di Nicola Campiotti
Con Elia Saman, Raffaele Guarna, Matilde Gardini, Graziella Marota, Anok Deb
Documentario, 77 min
USA, 2014
Uscita giovedì 20 novembre 2014
Voto Popoff: 3,5/5

mipiace da vedere se: volete scoprire come può apparire l’Italia agli occhi di un bambino
nonmipiace da non vedere se: i tempi di un documentario a metà tra realtà e finzione non vi appassionano

 

 

 

 

 

 

 

 

saraunpaese-locandina

1 COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento, prego!
Inserisci il tuo nome qui, prego

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ultimi articoli

Manganellate sugli studenti dopo l’omicidio di Lorenzo

Mobilitazioni in molte città per ricordare Lorenzo Parelli, studente ucciso mentre era in alternanza scuola lavoro

Ian Anderson: «Travestirsi era divertente ma…»

Esce The Zealot Gene, il nuovo disco dei Jethro Tull. Graham Fuller ha intervistato Ian Anderson per The Guardian

La mappatura del nazi

Antifascist Europe , una mappa dei nazi-fascisti di tutta Europa, i loro collegamenti internazionali e le risorse finanziarie 

I nazisti ucraini nei giochi di guerra tra Putin e Biden

La CIA sta segretamente addestrando gruppi nazisti anti-russi in Ucraina dal 2015 [Branko Marcetic]

A #BlackLivesMatter serve un programma economico

In un paese che ha sempre usato la razza per giustificare la disuguaglianza, porre fine alla brutalità della polizia è solo l'inizio