23.7 C
Rome
mercoledì 24 Luglio 2024
23.7 C
Rome
mercoledì 24 Luglio 2024
HomecultureUstica 34 anni dopo, «Abbattiamo il muro di gomma»

Ustica 34 anni dopo, «Abbattiamo il muro di gomma»

Il 26 novembre a Bologna il comitato universitario Ombre sulla Repubblica si interroga sui retroscena di una delle pagine più buie del nostro Paese.

a cura del comitato studentesco Ombre sulla Repubblica

L’appuntamento con la storia è per il 26 novembre alle 19.00 nell’aula 2 della facoltà di Lettere all’Ateneo bolognese. Il tema dell’incontro è la misteriosa esplosione in volo del DC9 dell’Itavia sopra il cielo di Ustica la notte del 27 giugno 1980. Ad organizzarlo gli universitari del comitato Ombre sulla Repubblica – RDU Bologna, nel ciclo di incontri omonimo inaugurato l’11 novembre scorso.

“Esiste ancora il muro di Gomma?”, si chiedono gli studenti bolognesi presentando il terzo appuntamento del convegno. A 34 anni da quella tragica notte in cui persero la vita ad 81 persone, si torna a parlare delle ombre e degli angoscianti retroscena celati dietro la strage di Ustica. Assieme a Daria Bonfietti, Presidente dell’associazione parenti delle vittime della strage di Ustica, e ad Andrea Purgatori, giornalista e principale protagonista dell’inchiesta che ha contribuito ad individuare i responsabili del depistaggio istituzionale che ostacolava la ricerca della verità, gli studenti cercheranno di ricostruire il contesto socio politico dell’Italia di quegli anni.

«Riportare in università le pagine più oscure della recente storia repubblicana significa prendere coscienza che esiste ancora una società civile attiva. Nonostante siano trascorsi più di trent’ anni dall’accaduto, i cittadini rivendicano la verità sullo svolgimento della battaglia aerea sui cieli italiani e pretendono che ne vengano svelati i responsabili», dicono i ragazzi del comitato studentesco.

«Il progetto “Ombre sulla Repubblica” – spiegano gli studenti bolognesi – nasce dalla necessità di riportare nei luoghi di formazione della coscienza collettiva del Paese la memoria di quei drammatici, e troppo spesso ancora controversi eventi che hanno segnato la nostra Storia recente, dalla fine degli anni Sessanta ad oggi. Ci poniamo l’obiettivo di riportare nelle scuole e nel nostro ateneo una narrazione storica oramai troppo a lungo dimenticata. Questa è a nostro avviso l’unica strada perseguibile per giungere alla corretta formazione di consapevoli cittadini che potranno ravvivare, in un futuro che auspichiamo prossimo, un dibattito pubblico italiano ad oggi apatico ed inattivo».

3

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento, prego!
Inserisci il tuo nome qui, prego

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ultimi articoli

Dietro lo stallo del Nuovo Fronte Popolare, due strategie opposte

Francia, la sinistra è lacerata su un governo destinato a durare poco. I socialisti stanno inviando segnali di apertura al campo macronista [Mathieu Dejean]

E’ sbagliato tifare per la Nazionale? Noi compagni e il calcio

Europei: football, politica e società. Uno sguardo con gli occhi di un socialista inglese [Dave Kellaway]

Francia, la gauche in stallo, cresce l’impazienza popolare

Duello Ps-LFI per chi guiderà il governo del NFP. Ma intanto Macron punta a dividerlo. Se resisterà sarà solo per la pressione dei movimenti

Il passepartout del sionismo

L'accusa di antisemitismo e altre sfumature retoriche per negare le responsabilità di Israele nel massacro di Gaza

Strega, storie di donne sull’orlo d’una crisi d’identità 

Donatella Di Pietrantonio vince il premio Strega 2024. La famiglia come filo conduttore della sestina