12.2 C
Rome
mercoledì 20 Ottobre 2021
12.2 C
Rome
mercoledì 20 Ottobre 2021
HomecultureUruguay: Tabaré Vasquez nuovo presidente

Uruguay: Tabaré Vasquez nuovo presidente

Stravince il candidato del Frente Amplio con una squadra che vede al suo interno anche Raul Sendic, figlio omonimo del mitico fondatore dei Tupamaros

di Marina Zenobio

Tabaré Vasquez e Raul Sendic
Tabaré Vasquez e Raul Sendic

L’Uruguay ha il suo nuovo presidente, Tabaré Vasquez, ed è il terzo presidente consecutivo del Frente Amplio, la coalizione di sinistra di cui fa parte il presidente uscente José “Pepe” Mujica e che ormai governa ininterrottamente il paese sudamericano dal 2005. Tabaré Vasquez è stato eletto con una schiacciante vittoria, con il 53% dei voti che hanno segnato una debacle per lo sfidante del Partito Nazionale (di centro destra), Luis Lacalle Pou, che si fermato al 41%.

Tabaré Vasquez non è comunque riuscito a superare il 54,63% ottenuto nel 2009 dal suo predecessore e compagno di partito “Pepe” Mujica che, nel corso del suo mandato, è diventato un simbolo e delle figure carismatiche più note per il suo stile di vita serio e tutt’altro che consumista, ed anche per sua schiettezza di parola.

Tabarè Vasquez però non ha soltanto vinto le elezioni presidenziali, grazie all’inserimento nella sua squadra Raul Sendic, figlio omonimo del mitico fondatore dei Tupamaros negli anni ’60, è riuscito a garantire al Frente Amplio la sua terza maggioranza consecutiva nelle due camere del Parlamento, come risultato delle elezioni politiche che si sono svolte il 26 ottobre scorso, in contemporanea con il primo turno delle presidenziali.

Oncologo 74enne, Tabarè Vasquez ha dichiarato che porterà avanti il programma approvato dalla coalizione di centro-sinistra (Frente Amplio) che, a partire dal prossimo 1° marzo, governerà con un terzo mandato fino al 2020. “Ma non dobbiamo pensare alle prossime elezioni – ha detto il neo-eletto presidente ai giornalisti e ad un folla in delirio – dobbiamo piuttosto pensare alle prossime generazioni”. Riferendosi poi all’opposizione ha richiamato al dialogo: “Significa accordi con tutti i settori politici su temi cardine per il paese come l’educazione, la salute, la casa. Per cui tutti sono convocati ad un dialogo che sia leale, produttivo, che arrivi a decisioni concrete e che rifletta la maggioranza”.

L’attuale presidente “Pepe” Mujica non uscirà però dalla scena politica. Mujica gode di un alto consenso popolare, il suo partito – Movimiento de Partecipaciòn Popular (Mpp ex Tupamaros) -, è stato il più votato all’interno del Frente Amplio e ciò gli permetterà di far valere la sua leadership riguardo temi con cui ci sono delle discrepanze con Tabaré. Uno di questi riguarda la politica estera: mentre Mujica ha avuto una vocazione integrazionista vicina al Venezuela, e di dialogo con l’Argentina, Tabarè è più propenso a rendere più flessibile il Mercosur, con l’obiettivo che ogni associato possa accordare trattati commerciali anche fuori del blocco.

Sono tante le sfide Tabaré Vasquez dovrà affrontare per mantenere e migliorare le condizioni di un paese come l’Uruguay che, da quando è governato dal Frente Amplio, cioè dal 2005, e nonostante i riflessi della crisi argentina del 2002, è riuscito a ridurre la povertà dal 40 al 10,5%. Questo significa che in un paese di circa 3,3 milioni di abitanti, in circa un milione sono usciti dalla povertà; la disoccupazione è passata dal 19 al 6,5%. Nel 2005 c’erano 278 mila ettari di terra coltivata a soia, oggi sono 1,2 milioni; la produzione di energie rinnovabili non convenzionali sono passate dallo zero del 2004 al 30% attuale. Ciò ha permesso di avere una notevole riduzione del costo delle bollette della luce e, nel 2016, il paese aspira ad essere leader mondiale nella produzione di energia eolica. Questo c’è già. Toccherà adesso al neo eletto presidente dell’Uruguay, Tabarè Vasquez, andare oltre, nel rispetto del programma sottoscritto con il Fronte Amplio.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento, prego!
Inserisci il tuo nome qui, prego

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ultimi articoli

Ilaria Cucchi: «Leggete bene quella sentenza»

Ilaria Cucchi commenta la sentenza d'appello del processo per l'omicidio di suo fratello Stefano. Il 22 la VII edizione del memorial

Il G8 in scena, senza tregua. A Genova

Teatro nazionale di Genova, G8 Project 2021, atto secondo. Il paesaggio orribile di un ventennio atroce Senza tregua, come una corsa che la...

Una storia di notizie “buone” o propaganda della povertà?

Le notizie virali di coraggio e carità individuale sottolineano solo quanto sia crudele la nostra società [Kali Holloway]

E il salario minimo vinse il Nobel per l’Economia

Nobel per l'economia a tre ricercatori tra cui David Card che ha sbugiardato la teoria che il salario minimo danneggi l'occupazione [Romaric Godin]

Forza Nuova e l’eterno derby con Casapound

Forza Nuova sempre più violenta per contendere l'egemonia a destra a Casapound. Fino all'assalto alla Cgil [Saverio Ferrari]