-3.1 C
Rome
giovedì 27 Gennaio 2022
-3.1 C
Rome
giovedì 27 Gennaio 2022
si fa di carta grazie a te! Arriva
Libro-rivista di racconti, inchieste, riflessioni

Il primo numero, ottimo anche come idea regalo, è già pronto e si intitola Cocktail partigiani. Parole in fondo al bicchiere, un volume di Gabriele Brundo, scrittore-barman genovese corredato da illustrazioni di una dozzina di disegnatori, da un ricettario di cocktail a base di Amaro Partigiano e da alcune riflessioni su produzione e consumo di alcol e letteratura.

OLTREPOP

E SAI COSA BEVI!!!
HomecultureNella fabbrica del Kalashnikov

Nella fabbrica del Kalashnikov

Nonostante le sanzioni contro la Russia, dagli Usa la richiesta di Kalashnikov è in aumento. Un giro nella fabbrica dell’arma più conosciuta al mondo (video)

Mijaíl Kaláshnikov, creatore dell'AK-47. Quando progettò l'arma era il 1947 ed era sergente. É morto a 94 anni, il 23 dicembre 2013, con il grado di generale di divisione
Mijaíl Kaláshnikov, creatore dell’AK-47. Quando progettò l’arma era il 1947 ed era sergente. É morto a 94 anni, il 23 dicembre 2013, con il grado di generale di divisione

Con buona pace dei pacifisti di ogni dove, lo scorso 5 dicembre il Business Week ha inserito nella sua lista delle invenzioni che hanno cambiato il mondo il leggendario fucile d’assalto Kalashnikov AK-47. Al 26esimo posto, dopo la televisione, i microchip, il sistema Gps, persino dopo i fast food, ma c’è. E’ il fucile ufficialmente adottato dagli eserciti di 55 paesi e frutto dell’ingegno di Mijaíl Kaláshnikov che lo creò nel 1947. Da allora di cambiamenti ce ne sono stati, da produzione sovietica oggi fa parte della produzione bellica russa e la fabbrica Kalashnikov è diventata un super-consorzio che ha voluto comunque mantenere il nome storico. Quando avvenne questo passaggio, nel 2012, il presidente russo Vladimir Putin dichiarò: “Vorrei sostenere la creazione di una società mediante fusione in cui potremo concentrare il potenziale industriale e costruire una fabbrica moderna di armi da fuoco”

Oltre che nella lista di Business Week, l’AK-47 figura nel Libro dei Guinness dei primati come l’arma più nota al mondo, pubblicizzata per la sua semplicità e potenza e come simbolo di affidabilità. Ma resta comunque l’arma leggera più letale del pianeta di cui finora sono state prodotte oltre 100 milioni di unità.

Uno dei dirigenti della Kalashnikov Corporation ha assicurato all’agenzia Rt che la quantità di modelli prodotti è duplicata rispetto al 2013 e che la fabbrica è pronta a mettere sul mercato, a disposizione degli eserciti, il nuovo AK-12.

Dmitri Tarásov, direttore di produzione del consorzio, ha precisato che l’aumento del dollaro e dell’euro ha reso i “prodotti” Kalashnikov più attraenti. “Il mercato globale sta crescendo e i nostri prodotti sono sempre più richiesti e per l’anno che sta arrivando stiamo programmando un’ulteriore produzione sia per uso militare che civile” ha concluso il direttore aggiungendo che, inoltre, “i dati dimostrano che nonostante le sanzioni contro la Russia, quindi di conseguenza anche contro il consorzio produttore di armi, la richiesta di Kalashnikov da parte degli Stati Uniti è cresciuta”.

Nel video una passeggiata nella fabbrica dell’arma che ha provocato milioni di morti

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento, prego!
Inserisci il tuo nome qui, prego

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ultimi articoli

La mappatura del nazi

Antifascist Europe , una mappa dei nazi-fascisti di tutta Europa, i loro collegamenti internazionali e le risorse finanziarie 

I nazisti ucraini nei giochi di guerra tra Putin e Biden

La CIA sta segretamente addestrando gruppi nazisti anti-russi in Ucraina dal 2015 [Branko Marcetic]

A #BlackLivesMatter serve un programma economico

In un paese che ha sempre usato la razza per giustificare la disuguaglianza, porre fine alla brutalità della polizia è solo l'inizio

Violenze di gruppo a Milano, i 3 cerchi dell’orrore dei Taharrush JamaR...

La pratica dei Taharrush Jama'i viene dall'Egitto. L'obiettivo è scoraggiare donne e attiviste a partecipare a raduni ed eventi pubblici

Il virus della disuguaglianza

Il rapporto Oxfam: cresce in Italia e nel mondo la concentrazione delle ricchezze, aumenta il numero dei poveri