19.2 C
Rome
venerdì 9 Giugno 2023
19.2 C
Rome
venerdì 9 Giugno 2023
Homein genereStupro: processo Tuccia arriva in Cassazione

Stupro: processo Tuccia arriva in Cassazione

Arriva in Cassazione il processo contro il militare di stanza all’Aquila che nel 2012, a Pizzoli, stuprò e seviziò “Rosa”. Appello delle donne alla presenza

donne con rosa

Il prossimo 8 gennaio la Corte di Cassazione di Roma si riunirà in udienza per il processo a carico di Francesco Tuccia, l’ex militare campano originario di Montefredane (Avellino), di stanza all’Aquila quando la notte tra l’11 e il 12 febbraio 2012 stuprò una studentessa ventenne di Tivoli all’esterno della discoteca Guernica di Pizzoli. Dopo lo stupro la abbandonò nella neve, priva di sensi e in una pozza di sangue. “Rosa”, come da allora è stata sempre chiamata la giovane donna, sarebbe stata destinata a morte certa se non fosse stata ritrovata dai buttafuori del locale.

Francesco tucciaUna vicenda dolorosissima per la donna, condivisa con molte altre della rete dei centri antiviolenza, in particolare del centro antiviolenza dell’Aquila riconosciuto parte civile nel processo. Un processo travagliato che ha portato ad una condanna, in primo grado di giudizio, di 8 anni per Francesco Tuccia (nella foto). Condanna poi confermata dalla Corte di Appello dell’Aquila con l’aggravante di crudeltà e sevizie ma derubricando le lesioni da dolose a colpose.

Quella notte di febbraio, al rapporto non consensuale, si aggiunsero sevizie: la ragazza venne penetrata con un oggetto che le perforò l’utero e il fatto che la giovane fosse ubriaca e quindi probabilmente non del tutto lucida non è stata considerata un’attenuante.

Ora spetta alla Corte di Cassazione di Roma esprimere l’ultimo giudizio e il Centro antiviolenza per le donne dell’Aquila ha lanciato un appello per la partecipazione all’udienza che si terrà a Roma, nei palazzi di Piazza Cavour, l’8 gennaio 2015 alle ore 9. Riportiamo il comunicato.

Processo a carico di Francesco Tuccia, udienza di Cassazione

Il prossimo 8 gennaio 2015 si terrà a Roma presso la Corte di Cassazione, l’udienza del processo a carico di Francesco Tuccia, imputato per i noti fatti relativi allo stupro perpetrato a Pizzoli nel febbraio 2012 ai danni di una giovane donna, studentessa presso l’Università dell’Aquila.

Ricordiamo che nel corso del procedimento, l’imputato è stato condannato in primo grado, nel gennaio 2013 a 8 anni di reclusione, condanna confermata in Appello nel dicembre 2013.

Nel processo, il Centro Antiviolenza per le donne dell’Aquila è stato ammesso come Parte Civile e come tale sarà ancora a fianco della giovane donna impegnata in questa lunga battaglia per la riaffermazione del diritto di ognuna a vivere libera dalla violenza maschile.

Rivolgiamo, pertanto, un appello a tutte le donne a partecipare e far sentire la propria presenza ribadendo che la violenza maschile ci riguarda tutte.

Centro Antiviolenza per le donne dell’Aquila

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento, prego!
Inserisci il tuo nome qui, prego

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ultimi articoli

Le barricate sonore della Banda POPolare dell’Emilia Rossa

"Lo Sceriffo della mia città", feat. 'O Zulù dei 99 Posse, è il singolo che lancia il crowdfunding per il nuovo album

Quella di Meloni è stata una lunga marcia

Un dibattito sul neofascismo in Italia tra David Broder - autore di Mussolini's Grandchildren - e lo storico Paolo Pezzino

No, Garcia Marquez non ha scritto Samarcanda

Tutto quello che il Nobel colombiano non ha mai scritto ma che la rete gli attribuisce

La France insoumise, cercasi pluralismo

Piccolo dossier a proposito di La France insoumise, il partito di Jean-Luc Mélenchon

Kissinger, cent’anni di crimini contro l’umanità

Henry Kissinger: oggi sappiamo molto dei crimini mentre era in carica ma sappiamo poco dei suoi quattro decenni con la Kissinger Associates [Greg Grandin]