2.7 C
Rome
domenica 16 Gennaio 2022
2.7 C
Rome
domenica 16 Gennaio 2022
si fa di carta grazie a te! Arriva
Libro-rivista di racconti, inchieste, riflessioni

Il primo numero, ottimo anche come idea regalo, è già pronto e si intitola Cocktail partigiani. Parole in fondo al bicchiere, un volume di Gabriele Brundo, scrittore-barman genovese corredato da illustrazioni di una dozzina di disegnatori, da un ricettario di cocktail a base di Amaro Partigiano e da alcune riflessioni su produzione e consumo di alcol e letteratura.

OLTREPOP

E SAI COSA BEVI!!!
HomecultureKobane è libera!

Kobane è libera!

Un tweet annuncia la liberazione. I mercenari dell’Isis sarebbero confinanti in sole quattro strade a est della città. Ypg: appena le sgomberiamo dichiareremo libera Kobane

di Ercole Olmi e Carlo Perigli

B8OAD1uCAAAjmt0
L’annuncio su un tweet: #Kobane is liberated, tonight in control of Kurdish #YPG pic.twitter.com/p69lRydcdj #Twitterkurds

— #Kobane (@YoungKurds) January 26, 2015.

La città sotto assedio da mesi, da parte dei mercenari del Califfo Neri, è stata liberata dai combattenti kurdi e dai loro alleati.
Mazlum Kobanê, un comandante YPG sul fronte orientale, ha detto che le bande ISIS sono state ora confinate solo in quattro strade nella zona Kaniya Kurda, e che la vittoria sarà dichiarata una volta che queste quattro strade siano state liberate. Lo riferisce firatajans.com. Mazlum Kobanê ha detto che lo YPG dopo la liberazione di Mistenur Hill, aveva intensificato le operazioni per pulire la città dalle restanti bande. L’offensiva è partita nel mese di dicembre per ribaltare gli attacchi che Isis conduceva dal 15 settembre senza tuttavia ottenere mai l’accesso alla città da ovest. Dopo la liberazione di Mistenur Hill era stato cacciato dal fronte meridionale.
Il 23 gennaio le forze YPG / YPJ hanno liberato una scuola in via Seyda dove c’è la moschea. Le bande ISIS sono allo sbando e molti fascisti islamici sono stati uccisi o costretti a fuggire.
“Stiamo avanzando con cautela a causa delle mine lasciate dalle bande che fuggono”.

L’ufficialità che si aspettava è arrivata dopo poche ore: Kobane è libera, grazie alla resistenza eroica dei/lle combatenti di Ypg e Ypj, che per 134 giorni hanno resistito di fronti agli assalti compiuti dall’Isis. La conferma è arrivata dal portavoce delle Unità di Difesa Popolari, Polat Can e ora la notizia sta venendo trasmessa in tutti i maggiori network mondiali. Uomini e donne, troppo spesso dimenticati anche nell’ambito del conflitto siriano, hanno difeso la Rojava contro un esercito equipaggiato (da chi?) molto meglio di loro, ritrovandosi bersaglio della coppia Erdogan-Davutoglu all’attraversamento della frontiera con la Turchia. Al momento, risulta che anche la parte orientale della città sia stata liberati, con i jihadisti costretti alla fuga.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento, prego!
Inserisci il tuo nome qui, prego

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ultimi articoli

Scuola al freddo, linea dura della preside: sospesi in 66

Sospesi in 66 in un liceo artistico di Milano per aver rivendicato un diritto. Una storia in apparenza d'altri tempi

Pitti uomo e la giostra del lavoro di merda

Nel giorno dell'inaugurazione di Pitti Uomo la denuncia dei lavoratori precari. Gkn "disintossichiamoci da questi livelli di sfruttamento"

«Quel generale anima nera dei depistaggi su Cucchi»

«Chi ha pestato Stefano non si poteva permettere che vedesse un legale di fiducia». Fabio Anselmo ricostruisce il depistaggio

Francia, l’ultima pallottola di Mélenchon

Il leader di France Insoumise è il candidato meglio posizionato nella campagna presidenziale 2022 ma è una figura logorata [Enric Bonet]

Depistaggi Cucchi: «C’è un regista, non è indagato ma c’è»

Il processo ai carabinieri accusati di aver deviato le indagini sull'omicidio di Stefano Cucchi. Parlano le parti civili