18.1 C
Rome
lunedì 19 Aprile 2021
18.1 C
Rome
lunedì 19 Aprile 2021
HomecultureKobane è libera!

Kobane è libera!

Un tweet annuncia la liberazione. I mercenari dell’Isis sarebbero confinanti in sole quattro strade a est della città. Ypg: appena le sgomberiamo dichiareremo libera Kobane

di Ercole Olmi e Carlo Perigli

B8OAD1uCAAAjmt0
L’annuncio su un tweet: #Kobane is liberated, tonight in control of Kurdish #YPG pic.twitter.com/p69lRydcdj #Twitterkurds

— #Kobane (@YoungKurds) January 26, 2015.

La città sotto assedio da mesi, da parte dei mercenari del Califfo Neri, è stata liberata dai combattenti kurdi e dai loro alleati.
Mazlum Kobanê, un comandante YPG sul fronte orientale, ha detto che le bande ISIS sono state ora confinate solo in quattro strade nella zona Kaniya Kurda, e che la vittoria sarà dichiarata una volta che queste quattro strade siano state liberate. Lo riferisce firatajans.com. Mazlum Kobanê ha detto che lo YPG dopo la liberazione di Mistenur Hill, aveva intensificato le operazioni per pulire la città dalle restanti bande. L’offensiva è partita nel mese di dicembre per ribaltare gli attacchi che Isis conduceva dal 15 settembre senza tuttavia ottenere mai l’accesso alla città da ovest. Dopo la liberazione di Mistenur Hill era stato cacciato dal fronte meridionale.
Il 23 gennaio le forze YPG / YPJ hanno liberato una scuola in via Seyda dove c’è la moschea. Le bande ISIS sono allo sbando e molti fascisti islamici sono stati uccisi o costretti a fuggire.
“Stiamo avanzando con cautela a causa delle mine lasciate dalle bande che fuggono”.

L’ufficialità che si aspettava è arrivata dopo poche ore: Kobane è libera, grazie alla resistenza eroica dei/lle combatenti di Ypg e Ypj, che per 134 giorni hanno resistito di fronti agli assalti compiuti dall’Isis. La conferma è arrivata dal portavoce delle Unità di Difesa Popolari, Polat Can e ora la notizia sta venendo trasmessa in tutti i maggiori network mondiali. Uomini e donne, troppo spesso dimenticati anche nell’ambito del conflitto siriano, hanno difeso la Rojava contro un esercito equipaggiato (da chi?) molto meglio di loro, ritrovandosi bersaglio della coppia Erdogan-Davutoglu all’attraversamento della frontiera con la Turchia. Al momento, risulta che anche la parte orientale della città sia stata liberati, con i jihadisti costretti alla fuga.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento, prego!
Inserisci il tuo nome qui, prego

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ultimi articoli

San Didero, situazione critica: «Non lasciateci soli»

Aggiornamenti da San Didero. Il movimento No Tav, intanto, diffonde video sull'usanza poliziesca di lanciare lacrimogeni ad altezza d'uomo

Nel mondo vincono gli autocrati, ma le resistenze continuano

Il 68% dell'umanità vive in regimi autoritari. Un rapporto indica un nuovo anno nero per la democrazia liberale ma... [Fabien Escalona]

Val Susa, lacrimogeni ad altezza d’uomo, grave un’attivista No Tav

Giovanna dovrà essere operata. La polizia: ferite incompatibili con un lacrimogeno. Perché la protesta a San Didero

Il virus della stanchezza

Il Covid-19 ci spinge verso una stanchezza collettiva. Perché ci sentiamo così stanchi? [Byung-Chul Han]

Che cosa abbiamo imparato dalla pandemia

Da oggi a domenica La lezione del 2020. Spunti per il futuro, cento voci on line per un "quasi festival" della sinistra