domenica 16 dicembre 2018

Robe da Mattarella, il padre della patria di Renzi

Robe da Mattarella, il padre della patria di Renzi

Ministro della guerra di Amato e D’Alema, Mattarella disse di non sapere dell’uranio impoverito. Creò l’esercito di professionisti e rischia di diventare l’inquilino del Colle

di Checchino Antonini

sergio-mattarella2-620x372

«In Bosnia non vi è mai stato l’uso di uranio impoverito». Una panzana del genere fu pronunciata da Sergio Mattarella, ministro della Guerra del governo dei governi Amato e D’Alema. Ora rischia di diventare presidente della Repubblica. Il 29 gennaio l’Assemblea dei grandi elettori del Pd ha deciso all’unanimità di votare il nome di Mattarella nella quarta votazione delle elezioni del Presidente della Repubblica. A vederlo con gli occhi di Renzi è un padre della Patria perfetto: disinvolto nei rapporti col Parlamento, tenne a battesimo l’esercito professionale (quello che semina morte in giro per il mondo) e perdipiù ha scritto di uno dei famigerati sistemi elettorali della Seconda Repubblica, il mattarellum. Una bravissima giornalista lo ricorda così: «Me lo ricordo il bugiardo Mattarella che disse alle Camere di non aver avuto mai informazioni dalla Nato su uranio impoverito. Era dicembre 2000. Poi fu smentito dalla Nato. Quindi nominò commissione medica con dati sbagliati. Una commissione di affossamento. Mentre molti soldati e amici morivano. Mattarella non sarà mai il mio presidente».

Di proiettili avvelenati ne furono sparati 10800, molti dei quali missili Tomahawk da 750 libbre.

Era un question time, il 27 settembre del 2000. L’Italia era partecipe della mattanza di una popolazione civile, quella jugoslava, e attivissima nelle cosiddette operazioni di polizia internazionale o missioni umanitarie. I “nostri” ragazzi si ammalavano come le mosche dopo aver prestato servizio in certe location bosniache, somale, oppure nei poligoni sardi dove le armi all’uranio impoverito venivano testate. Lì e qui, senza alcuna misura di protezione. A scoprire questa clamorosa bugia al Parlamento fu Falco Accame, ex ammiraglio, militare di altri tempi, quando chi indossava la divisa riusciva anche a sentirsi fedele alla Costituzione. Accame, negli anni 70, telegrafò dalla sua nave, l’adesione al movimento per la democratizzazione delle forze armate. Scese dalla nave e cominciò a far politica. Socialista prima del craxismo, presidente della Commissione difesa della Camera, divenne punto di riferimento per la sua attività in difesa dei diritti dei militari e delle loro famiglie.

Quel 27 settembre 2000, in seguito ad interrogazioni parlamentari sulla morte dei militari Vacca e Pintus in Sardegna, Mattarella pronunciò un fatidico, liberatorio, niet: “In Bosnia non vi è mai stato l’uso di uranio impoverito”. Poche settimane dopo venne clamorosamente smentito. Il 23 novembre il centro studi della difesa, il Cisam, spergiurava che non c’era contaminazione in Kosovo. «Nessun pericolo per i 5mila militari, per i civili e per l’agricoltura». E Mattarella andò a Pec e Pristina a ripeterlo ai “nostri” ragazzi.

Nel dicembre 2000 il Ministero della Difesa, incalzato da una parte dell’opinione pubblica e dalla sinistra radicale (che allora esisteva), chiese ufficialmente alla NATO se erano state usate armi all’uranio nei Balcani. E gli dissero, all’incirca, “sì, certo, davvero non ne sapevi nulla?

La diramazione di un documento della NATO SHAPE

(Supreme Headquarters Allied Power Europe) risaliva al 1° luglio 1999, con la descrizione dei rischi associati all’esposizione all’uranio impoverito e delle precauzioni consigliate per il personale

militare in presenza di siffatti rischi. Vi sembra verosimile che la Difesa ignorasse la comunicazione di SHAPE? «Certo è che in Bosnia, nonostante il suddetto messaggio, almeno fino al 22 novembre 1999, i nostri reparti hanno operato senza misure di protezione», ricorda Accame, ancora attivo con la sua Anavafaf.

L’uso di armi all’uranio impoverito in Bosnia fin dal 1995, era noto alla base aerea di Aviano (la base è al comando di un colonnello dell’aeronautica italiana) perchè gli aerei che hanno effettuato i bombardamenti sono partiti per lo più da quella base. Ma, nonostante la comunicazione di SHAPE, i nostri reparti rimasero senza misure di protezione. Quelle norme per altro sono assai simili a quelle già emanate per la Somalia il 14 ottobre 1993 dai comandi militari USA, norme che dovevano essere a conoscenza dei comandi che hanno operato in Somalia durante la Restore Hope. Gli italiani, anche lì, agirono senza protezione, nonostante i loro colleghi Usa se ne andassero in giro bardati quasi come astronauti nonostante il caldo quasi equatoriale.

All’epoca di Mattarella, la Difesa cominciò il balletto macabro di bugie, omissioni e trucchi delle statitistiche sulla pelle dei soldati e del personale civile che era stato esposto all’uranio impoverito.

Oggi Renzi punta su di lui per la successione all’inventore dei centri di detenzione per migranti (Napolitano, il primo ex comiunista al Viminale dove provvide a insabbiare le testimonianze sulla Terra dei Fuochi) e i giornali normali descrivono questo politico democristiano (Dc, poi Ppi, Margherita e infine Pd), figlio d’arte, come un politico «dalla schiena dritta» (è il titolo della Repubblica, l’organo ufficiale del Partito Renziano della Nazione).

Ma non finisce qui. Un’associazione antimafia dedicata a Rita Atria, scrive papale papale che non gradisce Mattarella al Quirinale perché testimoniò a favore di Vincenzo Culicchia, Sindaco di Partanna per 30 anni. «Lo stesso sindaco denunciato dalla nostra Rita Atria».

Per carità, «Culicchia è stato assolto, dal punto di vista giudiziario non possiamo condannarlo, ma dal punto di vista politico e morale, SI», scrive l’associazione.

La Camera dei deputati autorizzò a procedere per l’arresto di Culicchia. «Ma riteniamo che un uomo si possa condannare politicamente. Non lo vogliamo come Presidente. E pensiamo che non dovrebbe volerlo nemmeno chi dice di fare Memoria di Rita Atria. Non dovrebbe volerlo nemmeno chi si presenta con la fascia tricolore davanti alla tomba di Rita o alle manifestazioni in Suo nome. Non dovrebbe volerlo nemmeno chi approva le leggi per il risarcimento dei testimoni nel nome di Rita Atria … e siamo certi che anche altre associazioni che ricordano puntualmente morte e compleanni di Rita sapranno prendere le dovute distanze.

L’associazione ricorda le parole di Rita: “Credo proprio che mai Culicchia andrà in galera. Ha ucciso, rubato, truffato ma mai nessuno riuscirà a trovare le prove che lo accusano e provino che dico la verità. Sono sicura che mai riuscirò a farmi credere dai giudici, vorrei che ci fosse papà, lui riuscirebbe a trovare le prove che lo facciano apparire per quello che veramente è, cioè Culicchia è solo un assassino truffatore, ma naturalmente le parole di una diciassettenne non valgono nulla. Io sono solo una ragazzina che vuol fare giustizia e lui un uomo che interpreta benissimo la parte del bravo e onesto onorevole. Io non potrò più vivere, ma lui continuerà a rubare, e a nascondere che è stato lui a far uccidere Stefano Nastasi. Già come sempre».

 

Related posts

5 Comments

  1. mario

    ‘….una giornalista disse…’ come si costruisce la ”MACCHINA DEL FANGO” ! Complimenti.
    Anche un altro giornalista disse……’che aveva le scarpe bucate perchè non si tagliava le unghia dei pe’…..!

    Reply
  2. Gianni Fraschetti

    Caro Antonini, sono venuto a leggere il tuo capolavoro che avrei copiato. Cosa avevi bevuto quando hai visto un….pari pari…tra questo pezzo è il mio? Al di là dei fatti (che sono quelli) non vedo altre parentele. Ma io l’ho letto da sobrio, stammi bene

    Reply
  3. Cristiano Roncuzzi

    Abbiamo un governo di dorotei demitiani ed ex scout. In particolare il secondo aspetto andrebbe approfondito, quanti ex scout sono arrivati in ruoli di potere in Italia negli ultimi anni?

    Reply
  4. alfredo ciano

    Complimenti per il Tuo Articolo Checchino ; peccato sia Stato Oscurato dalla Beatificazione ( anche a ” Sinistra “…) del Buon Sergio , non dubito pero’ che Chi Cerca la Verita’ leggera’ con Attenzione le Tue Parole.

    Reply

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.