13.5 C
Rome
giovedì 28 Ottobre 2021
13.5 C
Rome
giovedì 28 Ottobre 2021
HomemalapoliziaLe celle zero sono in ogni carcere

Le celle zero sono in ogni carcere

Si vive in una tomba. Questo è il sistema carcerario italiano. Bisogna raccontare tutto perché il silenzio é il loro miglior alleato

di Davide Rosci

cella

La rivista Internazionale racconta la cella zero di Poggioreale. Purtroppo non si tratta di una realtà circoscritta a quel carcere. Io sono stato messo in isolamento al famigerato Mammagialla di Viterbo dove la cella era di 6 mq scarsi sotto uno scantinato buio stile film Saw (per intenderci la finestra era all’altezza della strada), l’ambiente era sudicio al massimo, lo sporco ovunque, il materasso in spugna puzzava di piscio ed era tutto rotto, il cuscino sempre in spugna mi è stato dato a metà perchè bruciato, la porta del bagno non c’era, l’acqua non era potabile e in 5 giorni non me l’hanno detto, i termosifoni non funzionavano e dalle finestre entravano gli spifferi d’aria gelata. Si stava ad una temperatura di 2 gradi. La notte ho dormito all’addiaccio con indosso tutti i vestiti che mi avevano lasciato, compreso il giubbotto, perchè le mie cose erano in un altro stanzino. Ho sofferto il freddo come non mai. Il cibo che mi veniva passato era scondito e la carne puzzava di morto. Per un mese ci hanno fornito due rotolidi carta igenica della peggiore qualità. L’acqua c’era solo in determinate ore della giornata e come detto non era potabile perchè contenente l’arsenico. Il passeggio ci veniva negato e comunque era da soli in un tugurio/corridoio di 10 mq. Le doccie non avevano la luce e ci era consentito farla per poco tempo, tutto era allagato e pieno di muffa. Ricordo sui muri il sangue ovunque e le frasi di misericordia, rabbia e preghiere dei poveri cristi che come me avevano avuto la sventura di entrare lì sotto. Nella cella vicino alla mia c’erano due ragazzi che stavano scontando il 14 bis e per loro il mio cuore ancora piange. Praticamente dovevano passare 6 mesi li sotto nelle condizioni che vi ho descritto perdipiù senza tv e possibilità di uscire e avere colloqui regolari con i propri cari. Vivevamo in una tomba. Questo è il sistema carcerario italiano…bisogna raccontare tutto perche’ il silenzio e’ il loro miglior alleato.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento, prego!
Inserisci il tuo nome qui, prego

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ultimi articoli

E noi come stiamo? Tuttə a Roma contro Draghi e il G20

Crescono le adesioni al corteo del 30 ottobre mentre il governo Draghi blinda la città per "proteggere" il suo G20

Inquinamento da plastica: Coca-Cola batte tutti

Seguono i "soliti noti": Pepsi, Nestlé, Procter & Gamble, Mondelēz, Philip Morris, Danone, Mars e Colgate. Il Brand Audit 2021

Cambiamento climatico: Total sa tutto dal 1971

Una ricerca rivela il negazionismo climatico e la narrativa greenwashing del colosso petrolifero francese Total [Mickaël Correia]

Amico Rom, l’arte romanì patrimonio dell’umanità

"Amico Rom", il più importante e longevo concorso al mondo che riguarda la popolazione romanì [Chiara Nencioni]

Ilaria Cucchi: «Leggete bene quella sentenza»

Ilaria Cucchi commenta la sentenza d'appello del processo per l'omicidio di suo fratello Stefano. Il 22 la VII edizione del memorial