21.9 C
Rome
mercoledì 17 Luglio 2024
21.9 C
Rome
mercoledì 17 Luglio 2024
Homequotidiano movimentoRoma: occupato ex Cinema Pasquino

Roma: occupato ex Cinema Pasquino

Per il diritto alla cultura contro degrado e abbandono, occupato a Trastevere l’ex cinema Pasquino, non prima di un blitz al Campidoglio, in Commissione Cultura

di Mirna Cortese

"Prossimamente nelle sale 'Marino, il cinedistruttore'" (Albix Foto)
“Prossimamente nelle sale ‘Marino, il cinedistruttore'” (Albix Foto)

Al grido di “Cultura indipendente, cultura resistente” questa mattina a Roma è stato temporaneamente occupato il Cinema Pasquino abbandonato da anni e, come tanti altri luoghi della cultura della capitale, ridotto in macerie della cultura e nelle mire di speculatori e palazzinari.

Il nome stesso, Paquino, a Roma è simbolo della critica feroce contro il potere, e questo pomeriggio a Trastevere, il cinema abbandonato di Vicolo del Piede 12, che porta il nome, è stato occupato da attivisti e attiviste delle reti Cinema Off e Diritto alla Città, a cui si sono uniti occupazione cinema pasquino romaanche alcuni centri sociali. L’ex Cinema Pasquino, come tanti altri cinema, teatri e luoghi di cultura presenti a Roma, è chiuso e la struttura abbandonata da anni, così almeno altre 43 sale su tutto il territorio capitolino.

Delle 43 sale dismesse, 28 sono chiuse da più di 10 anni, 8 da più di 5, 5 da 2 e 1 sala è inattiva da un anno (leggi elenco a fine articolo o visita la mappa di Off Festival Cinema Chiuso).

L’obiettivo dell’azione è rivendicare il diritto alla cultura contro il degrado e l’abbandono in cui le istituzioni hanno lasciato per anni molti spazi che potrebbero invece essere luoghi di confronto, discussione e di crescita comune per la cittadinanza di Roma. All’entrata del cinema occupato uno striscione recita “Prossimamente nelle sale: Marino il cinedistruttore”. “Siamo qui per riaccendere gli schermi” dichiara uno degli attivisti aggiungendo che “Oggi in Commissione cultura è stato presentato il bando del Comune sui cinema di Roma, si parla di rigenerazione ma in realtà si dà il via libera alla loro distruzione”.

Rispetto al bando del Comune l’occupazione temporanea e simbolico del cinema Pasquino è infatti successiva ad un’altra azione che la stessa rete di attivisti e attiviste hanno portato a segno in mattina proprio al Campidoglio, mentre la Commissione Cultura capitolina era in riunione per discutere una delibera sul futuro di alcuni cinema chiusi. Il timore non peregrino degli attivisti, entranti in sala indossando t-shirt con la scritta ‘La cultura non si vende‘, è che dietro la delibera si nascondano interessi di speculatori e palazzinari che, con la complicità dell’amministrazione locale, ristruttureranno sì molte sale abbandonate ma per trasformarle in centri commerciali, parcheggi o, come già accaduto per molti una volta cinema, in Sale Bingo.

Giovani della rete Cinema Off entrano in Commissione cultura  indossando t-shirt con la scritta 'La cultura non si vende'
Giovani della rete Cinema Off entrano in Commissione cultura indossando t-shirt con la scritta ‘La cultura non si vende’

I cinema, per gli attivisti, devono continuare ad essere presidi culturali nei quartieri. “Noi vogliamo creare cultura dal basso, mentre palazzinari, costruttori e amministrazione vogliono spegnere la città sotto il grigiume” dichiarano. L’occupazione, simbolica e temporanea, si risolverà in serata, dopo la proiezione del film Nuovo Cinema Paradiso.

Elenco delle sale di cinema o teatri abbandonati a Roma. Delle 43 sale dismesse, 28 sono chiuse da più di 10 anni, 8 da più di 5, 5 da 2 e 1 sala è inattiva da un anno:

1 – Academy Hall, via Stamira-Nomentano

2 – Airone, via Lidia-Appio Latino

3 – America, via Natale del Grande-Trastevere

4 – Apollo, via dei Galla e Sidama-viale Libia

5 – Archimede, via Archimede-Parioli

6 – Astor, via Baldo degli Ubaldi-Aurelio

7 – Astra, viale Jonio-Montesacro

8 – Aureo, via delle Vigne Nuove-Montesacro

9 – Augustus, corso Vittorio Emanuele II-Centro storico

10 – Avorio, via Macerata-Pigneto

11 – Belsito, piazza Medaglie D’Oro-Trionfale

12 – Capitol, via Giuseppe Sacconi-Villaggio Olimpico

13 – Capranichetta, piazza Montecitorio-Centro storico

14 – Cinestar Cassia, via Vibio Marino-Cassia

15 – Cinestar-Nuovo star, via Michele Amari-Appio

16 – Delle Arti, via Sicilia-Centro storico

17 – Diamante, via Prenestina-Prenestino

18 – Embassy, via Stoppani-Parioli

19 – Empire, via Regina Margherita-Castro Pretorio

20 – Excelsior, via Beata Vergine del Carmelo-Cristoforo Colombo

21 – Gioiello, via Nomentana-Porta Pia

22 – Gregory, via Gregorio VII- Aurelio

23 – Holiday, largo Benedetto Marcello-Salario

24 – Horus, piazza Sempione-Montesacro

25 – Impero, via Acqua Bullicante-Prenestino

26 – Metropolitan, via del Corso-Centro storico

27 – Missouri, via Ercole Bombelli-Portuense

28 – New York, via delle Cave-Tuscolano

29 – Palazzo, piazza dei Sanniti-San Lorenzo

30 – Paris, via Magna Grecia-Appio

31 – Pasquino, Vicolo del Piede, Trastevere

32 – Piccolo Apollo, via Conte Verde-Termini

33 – Preneste, via Alberto Da Giussano-Prenestino

34 – Puccini, via Baldassarre Orero- Casalbertone

35 – Quirinale, via Nazionale-Centro storico

36 – Quirinetta, via Marco Minghetti-Centro

37 – Rialto, via IV Novembre-Centro storico

38 – Ritz, viale Somalia-Africano

39 – Rivoli, via Lombardia-Centro storico

40 – Roma, piazza Sonnino-Trastevere

41 – Sala Troisi, via Induno-Trastevere

42 – Tristar, via Grotte di Gregna-Collatina

43 – Uisse, via Tiburtina-Tiburtina.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento, prego!
Inserisci il tuo nome qui, prego

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ultimi articoli

Dietro lo stallo del Nuovo Fronte Popolare, due strategie opposte

Francia, la sinistra è lacerata su un governo destinato a durare poco. I socialisti stanno inviando segnali di apertura al campo macronista [Mathieu Dejean]

E’ sbagliato tifare per la Nazionale? Noi compagni e il calcio

Europei: football, politica e società. Uno sguardo con gli occhi di un socialista inglese [Dave Kellaway]

Francia, la gauche in stallo, cresce l’impazienza popolare

Duello Ps-LFI per chi guiderà il governo del NFP. Ma intanto Macron punta a dividerlo. Se resisterà sarà solo per la pressione dei movimenti

Il passepartout del sionismo

L'accusa di antisemitismo e altre sfumature retoriche per negare le responsabilità di Israele nel massacro di Gaza

Strega, storie di donne sull’orlo d’una crisi d’identità 

Donatella Di Pietrantonio vince il premio Strega 2024. La famiglia come filo conduttore della sestina