Per Silvio, mugnaio buono ammazzato dalle banche

Per Silvio, mugnaio buono ammazzato dalle banche

Una comunità di contadini piange per il suicidio di uno di loro, un mugnaio, anzi il “mugnaio buono”, al quale le banche hanno pignorato il mulino

di Pino Di Maula

11041744_830895913671530_5868153915238355742_n
Un suicidio che ha gettato nello sconforto intere comunità nel reatino e tra i produttori dei mercati contadini dei Castelli romani. Lunedì i funerali a Rieti dove è scattata la caccia ai responsabili del pignoramento del suo mulino. Pronta anche una class action per denunciare quel che viene considerato un crimine di stato. Domenica mattina all’interno dell’ippodromo romano le Capannelle continua la protesta silenziosa con raccolta fondi. I produttori a mezzogiorno cospargendosi il volto di farina isseranno cartelli per ricordare Silvio Paoselli, il mugnaio buono.

Può un uomo considerato unanimemente umile e buono togliersi improvvisamente la vita gettando tutti nello sconforto? E chissà cos’altro. Sicuramente in confusione anche se viene prontamente dissipata identificando il nemico nella banca e nel sistema disumano che pignora quella pietra con cui l’uomo aveva edificato un’identità professionale che come spesso capita s’impasta, purtroppo, con quella umana: identità da mugnaio che macina con i suoi asinelli grano e cordialità. Un’espropriazione forzata della sopravvivenza, che è anche immagine, da offrire al migliore offerente.

È la cronaca di questi giorni che vede intere comunità perse nella tela prima tessuta e poi crudelmente strappata dal personaggio da fiaba che l’uomo, forse perduta una più intima pietra miliare, interpretava fino a martedì scorso. Pensieri che viaggiano su un binario a senso unico con la motrice alimentata dai sensi di colpa e i vagoni trainati dal rancore. Tutto muove dunque da un inganno. Un inganno che forse solo Shakespeare poteva immaginare: non c’è persona, amico parente o conoscente, che non si sia chiesto almeno per un attimo: “Avrei dovuto capire, mi sarei dovuto accorgere di quel disagio e fermarmi quel giorno ad ascoltarlo per sapere capire prevenire?”. Ora dolore e smarrimento fanno spazio, senza trovare vero conforto, alla rabbia contro la burocrazia, lo Stato, i banchieri. Contro tutti quelli che non hanno consentito al mugnaio buono di entrare nel suo mulino per recuperare una pietra, una piccola pietra che sarebbe servita per macinare il grano e portare così la farina al mercato.

Tutto intorno il silenzio. Silenzio sulle lame di ghiaccio della parola che getta nel panico. Termine impronunciabile. Non si pensa e, soprattutto, non si scrive. Lo sanno bene i cronisti coscienziosi che non amano quella parola che dice di un vuoto possibile solo all’essere umano. Anche al sottoscritto trema la mano, avendo peraltro conosciuto da vicino il mugnaio buono, nell’evocare quell’assurdo genere di delitto. Peraltro, per fortuna, adesso non va più neanche tanto di moda nei tg. E quindi, silenzio. “Essere” perde il fratello gemello “Umano”. E nessuno sa più cosa dire fuorché l’ovvio: una vita non può essere messa all’asta.

Related posts

8 Comments

  1. eugenia

    non c’è speranza per i piccoli produttori indipendenti, è il capitalismo anche bio ad essere nocivo ai fratelli gemelli essere e umano, questo fino a quando la coscienza di classe non tornerà “pane comune” …

    Reply
  2. Andrea

    Silvio era un contadino vero. Mani di terra, sguardo umile e generoso sotto un cappello di paglia. Macinava il grano a pietra. Un agricoltore del cibo buono, quel cibo sempre più raro, che alza la qualità delle nostre vite. Perchè il buon cibo è salute, è benessere. Lontano dalla logica del profitto e della massimizzazione, lontano dagli scaffali dei supermercati. Lontano dalla chimica, dal marketing.

    Buon viaggio nelle terre sconosciute Silvio.

    Reply
  3. maurizio

    non si trova traccia di questa storia altrove nel web… possibile che l’abbiano censurata tutti ??

    Reply
  4. eugenia

    se son riusciti a cancellare la manifestazione a Milano del 28 febbraio 2015, penso che possano fare di tutto, e poi se questo sito è così sconosciuto perché lo leggi anche tu?

    Reply
  5. Romano

    Ma in che Stato viviamo? Ho sempre guardato allo Stato come a un buon padre di famiglia, quello che si prende cura dei suoi figli, ma la cronaca attuale ci fa capire che forse questa figura non è più di moda’ sostituita da ben altro. E’ una ben triste vergogna per il nostro Paese, culla di civiltà millenaria e Patria di Grandi Uomini che hanno dato all’Italia fama e gloria imperitura.
    Questi avvilenti episodi ci fanno capire l’urgente necessità di riportare “il benessere primario dell’ UOMO ONESTO” al centro degli interessi nazionali.

    Reply

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.