18.7 C
Rome
lunedì 16 Maggio 2022
18.7 C
Rome
lunedì 16 Maggio 2022
si fa di carta grazie a te! Arriva
Libro-rivista di racconti, inchieste, riflessioni

Il primo numero, ottimo anche come idea regalo, è già pronto e si intitola Cocktail partigiani. Parole in fondo al bicchiere, un volume di Gabriele Brundo, scrittore-barman genovese corredato da illustrazioni di una dozzina di disegnatori, da un ricettario di cocktail a base di Amaro Partigiano e da alcune riflessioni su produzione e consumo di alcol e letteratura.

OLTREPOP

E SAI COSA BEVI!!!
HomeculturePiksi non aver paura di non tirare il calcio di rigore

Piksi non aver paura di non tirare il calcio di rigore

Quella volta che Stojkovic giocò dalla parte sbagliata e rinunciò a tirare un rigore contro la sua squadra, la Stella Rossa di Belgrado

di Carlo Perigli

108385_983_f

29 maggio 1991, al San Nicola di Bari va di scena la finale della Coppa dei Campioni. Di fronte all’Olympique Marsiglia, l’armata francese guidata da un “killer” come Jean-Pierre Papin, c’è la Stella Rossa di Belgrado, un gruppo di ragazzini terribili, folli, guidati ad un mix di tecnica e incoscienza che li porterà dritti nell’Olimpo del calcio. È la generazione di Savicevic e Mihajlovic, di Prosinecki, Jugovic e Pancev, ma è sopratutto la squadra segnata dal mito di Dragan ‘Piksi’ Stojkovic, il giocatore più amato della storia del club belgradese.

DALLA PARTE SBAGLIATA – Ironia della sorte però, quella sera Stojkovic è incredibilmente dalla parte sbagliata, seduto in panchina, con in dosso l’imponente tuta dell’Olympique Marsiglia. L’estate precedente ha ceduto all’allettante offerta presentatagli da Bernard Tapie, presidente del club francese nonchè proprietario dell’Adidas ed è partito, insieme alla speranza di poter raggiungere quel trofeo sfuggitogli pochi anni prima in semi-finale. Ora però gli eventi hanno preso una piega imprevista, perchè i suoi vecchi compagni di squadra, i suoi amici, quelli che erano, sono e saranno ancora i suoi fratelli, ora sono i suoi avversari ed in mezzo c’è il trofeo più ambito del calcio continentale. Stojkovic è lì, quasi a “ringraziare” la cattiva sorte per quell’infortunio che gli ha rovinato la stagione e che gli ha impedito di essere tra i titolari.

TOCCA A TE PIKSI – A nove minuti dalla fine dei supplementari però, Stojkovic viene gettato nella mischia, l’ultima carta giocata da Goethals per portare in Francia la coppa dalle grandi orecchie. Al suo ingresso in campo, un boato esplode nello stadio. No, non sono i tifosi francesi ad accogliere un fenomeno dai piedi impareggiabili, ma la Jugoslavia che torna ad abbracciare un figlio, senza rancore, senza rabbia, senza pensare che proprio quei piedi fatati, prima ancora delle diplomazie occidentali, avrebbero potuto spegnere il sogno che abbracciava tre dei popoli jugoslavi.

UNA SCELTA DI CUORE – Nemmeno i supplementari riescono a decretare un vincitore, così si arriva alla lotteria dei rigori. Ma mentre Goethals richiama i suoi per stilare la lista dei tiratori, Stojkovic gli si avvicina e gli comunica la sua volontà: non tirerà nessuno dei cinque rigori. Fermiamoci a riflettere Diksi, è una carriera intera che insegui quel trofeo. Tu, che alla pari di Savicevic sei la massima espressione del calcio jugoslavo, tu, genio e sregolatezza, sei ad un passo dalla Coppa Campioni, quel trofeo che due anni prima hai sfiorato a causa di quella maledetta quanto improbabile nebbia di Belgrado. Te la ricordi? Voi, un gruppo di ragazzini terribili, avevate schiantato il Milan di Sacchi, quello dei campioni ultra miliardari, salvato solo dalla sospensione decretata dall’arbitro. E ora sei qui, ad un passo dal successo, devi fare solo quello che ti riesce meglio, il resto passerà e le ferite si rimargineranno. No, non si può, perchè di fronte a te c’è “Dika” Stojanovic, che a Belgrado ti ha accolto come un fratello, tra un allenamento e un bicchiere di rakija e dietro di lui la sua gente, la tua gente. Nella testa di Stojkovic i pensieri si rincorrono, veloci come i dribbling con i quali il talento jugoslavo ha ubriacato centinaia di difensori, ma nè la tecnica nè il prestigio quella sera ebbero una parte nella decisione di Diksi. Al cuor non si comanda.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento, prego!
Inserisci il tuo nome qui, prego

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ultimi articoli

Besancenot: la sinistra e la guerra in Ucraina

Di ritorno dall'Ucraina, Besancenot ritiene che la sinistra europea debba sostenere più apertamente le vittime dell'imperialismo russo [Geslin e Goanec]

La commedia delle risorse umane. Lavoretti a teatro

In scena al Teatro Nazionale di Genova, Il mercato della carne di Bruno Fornasari 

«Un metodo e un processo per uscire dal grande riflusso italiano»

Intervista a Dario Salvetti alla vigilia dell'assemblea nazionale convocata dal collettivo Gkn a Campi Bisenzio

Fumetti, ritorna ARF! e si porta Paco Roca

Tra gli eventi di ARF!, il festival dei fumetti in programma dal 13 al 15 maggio, c'è una mostra sul disegnatore spagnolo Considerato all’u...

“Né a Coltano, né altrove”. I NoBase fanno tappa a Roma

Verso la manifestazione del 2 giugno. Il 12 maggio, a Roma e Pisa, un presidio contro la nuova base militare a Coltano