venerdì 19 ottobre 2018

Tunisi, il social forum nel vivo. Luci e ombre

Tunisi, il social forum nel vivo. Luci e ombre

Centinaia di seminari, costruzione di reti ma anche lo sciopero dei volontari del social forum e le provocazioni marocchine contro i Saharawi. La cronaca del Wsf

da Tunisi, Vittorio Agnoletto

11083629_10206250488049161_1586815626888640842_n

Il Forum con centinaia di seminari è entrato nel vivo dei contenuti.

La lotta contro i cambiamenti climatici è ormai uno dei grandi temi del social forum mondiale anche in preparazione della COP 21, il più grande summit mondiale sull’ambiente che si svolgerà a Parigi a dicembre.

Legambiente ha organizzato un incontro su “popoli del Mediterraneo e cambiamento climatico” dove ha lanciato insieme a due associazioni tunisine, Alternatives e Randet e alla francese FNE e alla spagnola Ecodes, l’“Alleanza ambientalista per un Mediterraneo solidale e sostenibile” che si dovrà allargare ad altre associazioni ambientaliste della penisola balcanica e del Mediterraneo orientale.

Un Mediterraneo che ha acquistato in questi anni una nuova centralità. È cambiato il volume commerciale tra il mondo asiatico e l’Europa, sono esplosi nuovi conflitti, non sempre ascrivibili nella guerra per il petrolio, è esploso il dramma dei migranti.

Ma nel Mediterraneo si giocano oggi anche le ultime resistenze del mondo del fossile, che insiste per inutili e dannose trivellazioni, mentre il volume di traffico delle petroliere già espone il Mare Nostrum a rischi di inquinamento altissimi. Senza dimenticare gli effetti dei cambiamenti climatici sulla pesca, sull’agricoltura, sulla sicurezza dei territori, sulla fragilità delle città, sui rischi di perdita di biodiversità. Tutte questioni collegate fra loro; oggi ci sono opportunità tecnologiche, politiche e sociali per contrastare i cambiamenti climatici riducendo le emissioni di CO2, sviluppando le rinnovabili e l’efficienza energetica.

Alternativa Mediterranea nel tentativo di avvicinare le due sponde di Mare Nostrum ha lanciato il progetto “Averroè'” dal nome del famoso filosofo e medico arabo del XII secolo. La proposta è molto semplice: considerato l’enorme successo ottenuto dal progetto Erasmus che permette ogni anno a studenti universitari di trascorrere un periodo di studio in un altro Paese europeo, l’idea è quella di chiedere ai governi e alle università l’avvio di un’esperienza simile tra tutte le nazioni affacciate sul Mediterraneo. Non c’è dubbio che si favorirebbe un forte intreccio di culture, rapporti di studio e amicali che ridurrebbero notevolmente le distanze. Vedremo come risponderanno le istituzioni.

Ma non di solo Mediterraneo si è discusso.

Il Pakistan è diventato, purtroppo per i suoi cittadini, un caso emblematico di un Paese consegnato alle multinazionali. La rete stradale, in particolare quella delle strade al alta percorribilità, è gestita dalla Corea, le imprese turche controllano le altre infrastrutture, quelle occidentali hanno il monopolio della sicurezza e della comunicazione, quelle cinesi controllano il mercato dell’edilizia. Un attivista argentino ha riconosciuto tale situazione simile a quella presente nel suo Paese nel 2000 quando vi fu la bancarotta argentina ed il Pakistan sembra indirizzato verso un destino simile. Il governo giustifica tale situazione con la necessità di attrarre capitali, ma le condizioni di vita di gran parte della popolazione peggiorano velocemente. Ma l’unica preoccupazione governativa sembra quella di sostenere l’apparato militare paventando una minaccia indiana.

Ma mentre discussioni simili coinvolgono migliaia di persone in centinaia di seminari, in un’altra parte dell’università dove si dovrebbe discutere di Maghreb si scatena un confronto, non solo verbale tra algerini e marocchini, la questione è ancora una volta il destino dal Saharawi, la regione che il Marocco ha occupato da decenni e che, nonostante l’indicazione dell’ONU, non ha alcuna intenzione di lasciare ad un processo di autodeterminazione. Purtroppo quanto accaduto al Forum dimostra in modo inequivocabile, quanto, almeno in questo caso, sia lontana la costruzione di un movimento unitario magrebino e come, anche tra gli attivisti sociali prevalga il richiamo all’identità’ nazionale. Certo il famoso appello “proletari di tutto il mondo unitevi” appare, almeno in questa situazione, come una lontana utopia.

Ma anche un’altra vicenda ha animato la giornata del Forum: lo sciopero dei volontari per protestare contro la mancanza degli strumenti di lavoro, a cominciare dai computer e da una connessione internet decente senza i quali e’ difficile rispondere alle esigenze delle migliaia di partecipanti.

Quanto più scorrono le ore l’attenzione si rivolge alla manifestazione di chiusura del Forum dedicata alla Palestina che dovrebbe svolgersi sabato pomeriggio e al corteo indetto per domenica dal governo per ricordare le vittime del Bardo. Ma di questo parleremo nella prossima corrispondenza.

 

 

*Vittorio Agnoletto, Libera/Flare, membro del Consiglio Internazionale del Forum Sociale Mondiale

Related posts

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.