domenica 18 novembre 2018

La Liberazione è come Aria

La Liberazione è come Aria

La storia di Mario, nome di battaglia Aria, al Festival pop della Resistenza. Torna il teatro canzone di Gian Piero Alloisio

di Francesco Ruggeri

«Per essere trasmessi alle nuove generazioni – dice Gian Piero Alloisi, annunciando il Festival Pop della Resistenza 2015 – i contenuti storici e valoriali devono essere veicolati attraverso storie in cui i ragazzi possano riconoscersi. Per questo, per celebrare il 70° Anniversario della Liberazione, ho scelto di trasformare in un testo di teatro-canzone il libro di Federico Fornaro “Aria di libertà”. La vicenda di un  ragazzino di dodici anni che trova in sé, senza l’aiuto della famiglia, gli strumenti critici per comprendere il regime fascista e combatterlo, affascinando i giovani, unisce varie generazioni. Fruito fino ad ora, fra Liguria e Piemonte, da migliaia di spettatori d’ogni età, “Aria li libertà” si dimostra un validissimo strumento didattico». Appuntamenti stasera, 24 aprile, al Ducale di Genova, domani ad Ovada e il 28 ad Alessandria.

Nell’estate del 1944, a soli quindici anni, Mario, giovanissima staffetta partigiana, sale in montagna tra i ribelli del Monte Tobbio, ai confini tra Liguria e Piemonte. Sceglie un nome di battaglia che esprime tutto il senso liberatorio della sua scelta: “Aria”. La storia di Aria è l’avventura semplice e naturale di un adolescente alle prese con un mondo sconvolto dalla guerra e una patria dominata dall’odio politico e razziale. La sua famiglia non si occupa di politica, non è schierata contro il fascismo, eppure Aria matura lo stesso la sua scelta, creando in sé il pensiero critico che gli permette di ribellarsi alla grande bugia del regime in cui è stato educato. Durante il rastrellamento nell’Ovadese viene fatto prigioniero, picchiato a sangue e costretto ad assistere all’impiccagione del suo migliore amico. Miracolosamente scampato all’esecuzione, viene rinchiuso in un castello-carcere da cui riesce a fuggire grazie all’aiuto di tre ragazzine e fa in tempo a prendere parte alla liberazione di Alessandria. Il motore della scelta di libertà di “Aria” non è l’ideologia ma la gioventù.

Gian Piero Alloisio, figlio e nipote di partigiani, racconta la storia del partigiano “Aria” con monologhi drammatici, poetici, a volte divertenti, e canzoni. Fra queste c’è “La mia infanzia” di Jacques Brel, tradotta dallo stesso Alloisio, “Tanto pe’ canta’” di Ettore Petrolini, un artista che sfuggì all’omologazione del pensiero unico fascista attraverso la sua scrittura surreale, “Siamo i ribelli della montagna”, scritta dai partigiani “Lanfranco” e “Cini” della III brigata Garibaldi “Liguria”, “Lager” scritta da Francesco Guccini per l’Assemblea Musicale Teatrale, “Ogni vita è grande” e “Non c’è lavoro”, due brani ormai classici di Alloisio, e la canzone di Gaber-Luporini “La libertà”.

Durante la serata interverranno lo storico Federico Fornaro e lo stesso partigiano Mario “Aria” Ghiglione (recentemente insignito del titolo di “Cavaliere della Repubblica”). La serata si concluderà con i contributi degli studenti delle scuole genovesi dedicati alle Resistenza, con l’intervento del Coro Daneo diretto da Gianni Martini e di altri Ospiti.

11182348_624209884347855_8724202151699745138_n

FESTIVAL POP DELLA RESISTENZA/ ARIA DI LIBERTA’

teatro-canzone scritto e diretto da Gian Piero Alloisio in collaborazione con Giorgio Alloisio

ispirato al libro omonimo di Federico Fornaro con GIAN PIERO ALLOISIO

GIANNI MARTINI e CLAUDIO ANDOLFI

INGRESSO LIBERO

venerdì 24 aprile ore 21

Genova Palazzo Ducale, Salone del Maggior Consiglio

martedì 28 aprile ore 9.30

Alessandria, Teatro Ambra

 

Il Festival Pop della Resistenza sarà anche ad Ovada sabato 25 aprile alle 21, al Teatro Splendor:

FESTIVAL POP DELLA RESISTENZA/ LUIGI E’ STANCO

sabato 25 aprile ore 21

Ovada, Teatro Splendor

teatro canzone dedicato alla storia del partigiano Giovanni “Luigi” Alloisio e della sua famiglia

a cura di Gian Piero Alloisio

con GIAN PIERO ALLOISIO, ROBERTA ALLOISIO, CLAUDIO ANDOLFI, GIANNI MARTINI

e gli interventi di studenti dell’Ovadese

Related posts

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.