11.4 C
Rome
mercoledì 8 Febbraio 2023
11.4 C
Rome
mercoledì 8 Febbraio 2023
FILLEA CGIL: una storia lunga 136 anni, vai alla landing page
HomemalapoliziaPortogallo, polizia aggredisce una famiglia di tifosi (video)

Portogallo, polizia aggredisce una famiglia di tifosi (video)

Episodio di violenza fuori dallo stadio di Guimaraes, dove un tifoso del Benfica è stato aggredito da un agente di polizia davanti al padre e ai suoi due figli

di Carlo Perigli

benficaGiornata di festa in Portogallo, con i tifosi del Benfica che festeggiano la vittoria dello scudetto a Guimaraes. Tuttavia, il video che sta facendo il giro del mondo ha ben poco a che vedere con l’atmosfera che si dovrebbe respirare in eventi del genere. Stando a quanto riportato dai giornali portoghesi, l’episodio registrato avviene durante la partita, quando una famiglia composta da due adulti, rispettivamente padre e figlio, e due bambini, escono dallo stadio e vengono avvicinati da un agente di polizia, successivamente identificato come il comandante della polizia giudiziaria Felipe Silva.

La situazione sembra calma, finchè da uno scambio di battute tra Josè Magallanes, il più giovane dei due e padre dei due bambini, e il poliziotto scaturisce un’improvvisa e brutale aggressione da parte di quest’ultimo, davanti agli occhi dei figli, uno dei quali viene gettato a terra insieme al padre. Di fronte all’intervento del padre di Magallanes, è sempre lo stesso agente ad allontanarlo colpendolo due volte al viso, mentre altri poliziotti bloccano Josè, gettato a terra e manganellato ripetutamente. Oltre che per l’assenza di motivazioni e la brutalità, l’aggressione risulta inaccettabile perchè compiuta di fronte a due bambini, che assistono sgomenti al pestaggio del padre da parte della polizia. Come si può ben vedere nel video difatti, il più piccolo dei due strilla e corre via impaurito, per poi essere raggiunto e consolato da alcuni poliziotti, mentre l’agente Silva continua a colpire il padre, allontanando i presenti che protestavano per la violenza.

FILLEA CGIL: una storia lunga 136 anni, vai alla landing page

Ai giornali portoghesi Josè Magallanes ha dichiarato che stava facendo bere il figlio quando il poliziotto si è avvicinato, e di non aver provocato in alcun modo una reazione del genere. Oltre al danno la beffa, su di lui pendono le accuse di ingiuria aggravata e minaccia aggravata, entrambe smentite dall’uomo, che ha incontrato la stampa di fronte al tribunale al termine di un incontro con la Procura di Guimaraes. Secondo quanto riportato da Sol.pt, nei confronti di Felipe Silva è stato aperto un procedimento disciplinare, che accerterà le dinamiche dell’accaduto e le eventuali, ma tutto sommato piuttosto probabili, responsabilità dell’agente.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento, prego!
Inserisci il tuo nome qui, prego

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ultimi articoli

Gli architetti della Resistenza

Fino al 26 febbraio, a Milano, la mostra Progettare la memoria. Lo studio BBPR: i monumenti, le deportazioni

Parla come te l’Intelligenza Artificiale di Microsoft

Dopo ChatGPT, la controversa IA di Microsoft che imita le voci. Il suo nome: Vall-E. IA sempre più realistiche e pericolose per la democrazi...

Che cosa ha prodotto l’Olocausto

Un saggio di Ernest Mandel: Premesse materiali, sociali e ideologiche del genocidio nazista

UK, successo dello sciopero di solidarietà e scuole chiuse

UK, sciopero nel settore pubblico e nelle scuole contro l'inflazione. La più grande mobilitazione dal 2011 [Marie Billon]

Francia, contro Macron le piazze più piene di sempre

I sindacati, sempre uniti, hanno vinto la loro scommessa martedì, dopo la prima mobilitazione del 19 gennaio. La battaglia continuerà il 7 febbraio