22.9 C
Rome
domenica 19 Settembre 2021
22.9 C
Rome
domenica 19 Settembre 2021
Homein genereIl corpo delle donne bottino di guerra

Il corpo delle donne bottino di guerra

Di ritorno dai campi accoglienza in Kurdistan, una delegazione di donne anticipa a Roma la sua esperienza, che a giugno sarà un Rapporto presentato al Consiglio Diritti Umani dell’Onu

di Marina Zenobio

donne kurde anarkikka

Il corpo delle donne bottino di guerra e la loro strategia di resistenza è il titolo dell’evento che si terrà domani a Roma alle 18, presso il Centro antiviolenza Donna LISA (via Rosina Anselmi 41), e che darà voce all’esperienza diretta fatta lo scorso marzo da una delegazione internazionale di donne – in particolare giuriste accompagnate da una psichiatra, una videomaker, una giornalista e una farmacista – che ha visitato i centri, governativi e non governativi, che accolgono le popolazioni agli attacchi dell’Isis e che si trovano in Turchia, nel Kurdistan iracheno e nel Rojava, o Kurdistan siriano.

La delegazione era stata organizzata da IADL (Associazione Internazionale avvocati democratici), in collaborazione con AED-EDL (European Democratic Lawyers) e ELDH (European Association of Lawyers for Democracy and World Human Rights) al fine di verificare e documentare le violazioni dei diritti umani delle donne nel contesto del conflitto con Isis.

Tutta la documentazione raccolta nel corso della visita ai centri – interviste, video, foto, conclusioni – entrerà a far parte di un Rapporto in corso di elaborazione che sarà presentato nel corso della 29ma sessione del Consiglio dei diritti umani dell’Onu in programma a Ginevra per giugno prossimo. Le testimonianze raccolte dalla delegazione hanno confermato la brutalità dei crimini commessi da Isis: il femminicidio, nelle forme già rese note dai media internazionali, fa parte integrante delle tattiche di annientamento delle popolazioni colpite.

Della delegazione hanno fatto parte le avvocate Barbara Spinelli, Aurora D’Agostino e Simonetta Crisci (Italia), Aişe Acinkli e Gülşen Uzuner (Turchia), Özge Taş (Austria); le giuriste Sara Montinaro (Italia) e Leyla Boran (Germania); Assunta Signorelli (Psichiatra), Kader Karlidag (farmacista, Austria); Anarkikka (Grafic Journalis), Alice Corte (Videmaker), Martina Bianchi (Università di Pisa, Mezzaluna Rossa Italia).

L’evento organizzato dal Centro Donna LISA ha come ospiti tre di queste donne: l’avvocata Simonetta Crisci, la disegnatrice Stefania Spanò in arte Anarkikka e la videomaker Alice Corte. Un incontro che sarà l’occasione per approfondire quella che, dalla delegazione internazionale, è stata identificata come una priorità: l’urgenza di una maggiore attenzione alle esigenze specifiche di donne e bambini sopravvissute al conflitto con l’Isis. “Tutti i campi accoglienza – ha raccomando la delegazione nelle anticipazioni al Rapporto – dovrebbero ricevere fondi per garantire assistenza primaria a donne e bambini, quindi non solo quelli dove ci sono presidi internazionali” perché è stato notato favorevolmente che “là dove esistono luoghi di ascolto e di rappresentanza femminile all’interno dei campi, le donne hanno espresso una maggiore positività, nonostante le comuni difficoltà materiali”.

fb Centrodonna LISA

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento, prego!
Inserisci il tuo nome qui, prego

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ultimi articoli

«Non ci ammaleremo di paura». Gkn si prende Firenze

Firenze, è il giorno del corteo nazionale indetto dal Collettivo di Fabbrica Gkn contro i licenziamenti

Assemblea Gkn: ecco come bloccare le delocalizzazioni

Perché è illegittimo il comportamento dell'azienda nella delocalizzazione della Gkn. Un documento dell'assemblea permanente

Big Pharma, profitti alle stelle e quasi niente tasse

Denuncia di Oxfam ed Emergency: il monopolio sui vaccini anti Covid è una manna per le multinazionali e un genocidio per i paesi poveri

Gkn, gli operai che non rispettano il copione

Gkn. Marco Bersani spiega perché quella lotta parla a tutti noi , un appello della società della cura e un articolo di Francesco Locantore

Roma, chi fa cultura chiede buona politica

Un cartello di associazioni, in rappresentanza di migliaia di operatori e utenti, ha stilato un manifesto da sottoporre ai candidati