4.7 C
Rome
sabato 23 Gennaio 2021
4.7 C
Rome
sabato 23 Gennaio 2021
Home culture Tiburtina, la polizia sgombera i migranti

Tiburtina, la polizia sgombera i migranti

Nel pomeriggio la polizia è intervenuta per sgomberare un gruppo di migranti accampati da giorni di fronte alla stazione Tiburtina. Molti sono fuggiti, mentre diciotto sono stati portati via

Di Giuseppe Bozzo

sgomberoAlcuni scappano via, altri vengono caricati di peso sui pullman. La polizia oggi è intervenuta nei pressi della stazione Tiburtina di Roma, dove da giorni centinaia di migranti erano accampati nella strada antistante. Provengono perlopiù dall’Africa sub-sahariana, la maggior parte sono eritrei e scappano dalla guerra. Hanno affrontato il Mediterraneo, e ora attendono di poter proseguire il loro viaggio verso il nord. Un percorso momentaneamente bloccato, oltre che per la scarsità di soldi a disposizione, anche dalla chiusura delle frontiere decretata all’ultimo G7 fino al prossimo 15 giugno. Così, dopo lo sgombero dell’insediamento di Ponte Mammolo, avvenuto l’11 maggio scorso, molti migranti non hanno più avuto un posto dove appoggiarsi, e si sono accampati, senza acqua nè cibo sull’asfalto davanti alla stazione. Nei giorni passati i migranti, tra i quali diversi bambini e donne incinte, hanno ricevuto assistenza da parte della Croce Rossa Internazionale, che aveva distribuito kit sanitari e pasti, e di alcuni residenti.

Appena i migranti hanno capito che sarebbero stati portati via, hanno cercato di opporre resistenza e di fuggire. Alla fine, sembra che circa circa diciotto persone siano state trasferite a forza sui pullman, destinati, secondo quanto riportato da Il Messaggero, all’ufficio immigrazione di Via Patini.

Una vera e propria caccia all’uomo” – ha raccontato Daniele, operatore sociale, la cui testimonianza è stata raccolta dagli inviati di Fanpage. “Quando hanno visto quella che accadeva fuori quelli saliti sul pullman  hanno iniziato ad urlare e a dimenarsi – prosegue – intanto gli agenti inseguivano le persone, quando le prendevano venivano poi portate via di peso, strattonate o immobilizzate con il peso”.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento, prego!
Inserisci il tuo nome qui, prego

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ultimi articoli

NoTav, la protesta di Dana alle Vallette, 32 condanne al maxiprocesso

Dana Lauriola, portavoce No Tav in sciopero della fame a oltranza con altre due detenute per rivendicare i diritti negati nel carcere delle Vallette

Di cosa è davvero fatta la democrazia più grande del mondo

Usa, fascismo, cortine fumogene e alternative. I fatti del 6 gennaio a Washington funzionano come rivelatore [Daniel Tanuro] 

L’altra faccia della crescita cinese

Cina. 503 scioperi in sei mesi. I lavoratori non si compiacciono che vengano compressi i loro salari [Francisco Louçã]

Assunto per un pezzo di pane, licenziato per un pezzo di pane

Ha preso del pane destinato al macero: licenziato. A segnalare il "furto" lo stesso panificatore, allergico al sindacato, già condannato una volta

Cucchi, l’appello potrebbe costare caro ai carabinieri

Chieste pene più severe per chi pestò Stefano Cucchi e per il maresciallo che, secondo la prima sentenza, organizzò il depistaggio