venerdì 21 settembre 2018

Saremo tutti greci

Saremo tutti greci

Bisogna scegliere però se stare con Tsipras o con i governi della Troika come quelli che hanno affamato la Grecia. Venerdì mobilitazione europea a fianco del No al referendum di Atene

di Checchino Antonini

tsipras-smalll

Sta per arrivare una petizione europea in molte lingue da firmare a valanga. Da Atene, dove hanno preso parte a una riunione dell’Altersummit, gli attivisti italiani vicini alla Lista Tsipras fanno sapere che venerdì, 3 luglio, sarà una giornata europea di mobilitazione dappertutto si possa. L’idea è di fare centinaia di piazza la sera, in collegamento con Atene dove la domenica successiva si terrà il referendum – appena ratificato dal parlamento – che scandalizza i partiti dell’austerity e i loro governi.

Mai come ora la solidarietà concreta con la Grecia è solidarietà con noi stessi, vittime della medesima austerità. C’è chi dice, come Draghi, che siamo nel mare inesplorato di un possibile default e della Grexit. Anche la solidarietà internazionalista è un mare in gran parte sconosciuto da tempo. E del tutto opportuniste e fasulle suonano le parole del noto telepredicatore populista Grillo di appoggio a Tsipras. L’Europa dell’uno è solidale, quella dell’ex comico è xenofoba e rancorosa.

Dalla Francia, il premier Valls recita la versione delle porte aperte ai microfoni di ‘Europe 1-iTélé-Le Monde. La stessa di molti suoi colleghi: «Abbiamo fatto tutto il possibile affinché si potesse trovare un accordo. E’ il Governo greco ad aver deciso di interrompere in modo unilaterale il negoziato. Le trattative non erano terminate». Tuttavia «continuiamo di pensare che un accordo è ancora possibile e invitiamo il Governo greco a tornare al tavolo delle trattative». «Non eravamo lontani da un accordo. Sono convinto che sia sempre possibile trovare una soluzione».

L’appello europeo per la settimana di mobilitazione straordinaria servirà a dire NO ALL’AUSTERITÀ. SÌ ALLA DEMOCRAZIA!

“L’Europa è a un bivio. Non stanno solo cercando di distruggere la Grecia, stanno cercando di distruggere tutti e tutte noi. È il momento di alzare la nostra voce contro i ricatti delle oligarchie europee. Domenica prossima il popolo greco potrà decidere di rifiutare il ricatto dell’austerità votando per la dignità, con la speranza di un’altra Europa. Il momento storico impone a ciascuno in Europa di schierarsi.

Diciamo NO all’austerità, ad ulteriori tagli alle pensioni, ad altri aumenti delle imposte indirette.

Diciamo NO alla povertà e ai privilegi.

Diciamo NO ai ricatti e alla demolizione dei diritti sociali.

Diciamo NO alla paura e alla distruzione della democrazia.

Diciamo insieme SÌ alla dignità, alla sovranità, alla democrazia e alla solidarietà con il popolo greco.

Ma questa non è una questione tra la Grecia e l’Europa.

Riguarda due visioni contrapposte di Europa: la nostra Europa solidale e democratica, costruita dal basso e senza confini. E la loro versione che nega la giustizia sociale, la democrazia, la protezione dei più deboli, la tassazione dei ricchi.

Basta!

È troppo!

Un’Altra Europa è possibile ed è davvero necessaria.

Costruiamo un forte OXI, un chiaro NO europeo e partecipiamo al nostro referendum, on line e fisicamente nelle piazze di tutta Europa.

In questo momento storico, facciamo appello al popolo europeo, ai sindacati, alle forze politiche, alle organizzazioni e movimenti sociali a esprimere il loro NO visibile alla austerità venerdì 3 luglio in tutta Europa.

Troviamo il nostro modo per dire NO in tutte le lingue d’Europa!

Troviamo il nostro modo per dire OXI!

Domenica sarà un giorno decisivo per l’Europa. Per noi, popolo europeo. Per i nostri sogni, per le nostre speranze. Ma non dobbiamo dimenticare che non sarà l’ultimo nella strada della lotta comune per un’altra Europa, fatta dalle persone e al loro servizio. Continueremo a difendere la democrazia.

tsipras-smalll

atene, grecia, troika, fmi, referendum, democrazia, diritti, syriza, sinistra, altersummit, europa, eurogruppo, atene, dignità

Related posts

1 Comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.