11.8 C
Rome
venerdì 24 Settembre 2021
11.8 C
Rome
venerdì 24 Settembre 2021
HomecultureXKeyscore, la NSA spia il mondo con un click

XKeyscore, la NSA spia il mondo con un click

‘The Intercept’ rivela come funziona Xkeyscore, il sistema informatico usato dalla NSA per la ricerca e l’analisi di dati internet in tutto il mondo

di Carlo Perigli

XKeyscoreXKeyscore, uno degli strumenti più potenti posseduti dalla NSA – National Security Agency – statunitense, in grado di controllare le comunicazioni private di chiunque su internet, ha la stessa facilità di utilizzo di Google. Questo è ciò che emerge da un articolo apparso ieri su The Intercept, che ha pubblicato 48 documenti – tra top secret e classificati – risalenti al 2013, in grado di fare chiarezza su portata e funzionamento di questo sistema di spionaggio.

Xkeyscoree era stato uno dei primi programmi trattati dal Guardian nel 2013, quando Edward Snowden iniziò a far filtrare notizie relative alla NSA. Grazie al lavoro svolto dalla redazione di The Intercept, con il quale attualmente collabora anche Glenn Greenwald, ex reporter del quotidiano britannico, è stato possibile analizzare il programma in maniera approfondita, rivelando altresì i metodi di formazione attraverso i quali gli analisti vengono messi nelle condizioni di setacciare miliardi di file. Si tratterebbe, secondo un documento pubblicato da The Intercept, di un sistema particolarmente complesso, concepito per funzionare  su una serie di computer sparsi per il mondo, caratteristica che gli dà la possibilità di suddividere su più macchine la mole di lavoro richiesta, aumentando così l’efficienza.

Ebbene, dai documenti relativi alla formazione del personale si evincerebbe che XKeyscore è particolarmente semplice da utilizzare, richiedendo soltanto un qualsiasi dato in grado di identificare una persona, come una casella mail o un numero di telefono, per avviare una ricerca approfondita su di essa.«Chiunque può essere formato per svolgere questo tipo di attività – ha dichiarato Jonathan Brossard, CEO di Toucan Systems a The Intercept – semplicemente inseriscono il nome del server che vogliono violare in XKEYSCORE, premono invio, e si ritrovano nome utente e password per accedere alla macchina. Fine».

«La NSA ha costruito un sistema eccezionalmente completo di strumenti automatici per la violazione di dati che i loro analisti possono utilizzare – ha proseguito Brossard – Il carico di lavoro che un’analista deve sbrigare per entrare in un computer remoto tramite internet è drasticamente ridotto, parliamo di minuti, se non di secondi. Facile, come digitare poche parole su Google». Infine, stando alle ricerche compiute da Greenwald, Marquis-Boire e Lee, i documenti analizzati non indicherebbero l’obbligo per i dipendenti di richiedere autorizzazioni al fine di svolgere ricerche tramite XKEYSCORE, prevedendo soltanto l’obbligo in capo agli analisi di «rispettare lo USSID-18 – la direttiva statunitense che tutela i diritti costituzionali dei cittadini statunitensi in questo campo – e le altre norme in materia».

 

 

 

 

 

 

1 COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento, prego!
Inserisci il tuo nome qui, prego

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ultimi articoli

GKN, il tribunale cancella il licenziamento

Condotta antisindacale: i lavoratori Gkn riescono a inceppare la macchina della delocalizzazione. Ora dovrebbe agire il governo

«Non ci ammaleremo di paura». Gkn si prende Firenze

Firenze, è il giorno del corteo nazionale indetto dal Collettivo di Fabbrica Gkn contro i licenziamenti

Assemblea Gkn: ecco come bloccare le delocalizzazioni

Perché è illegittimo il comportamento dell'azienda nella delocalizzazione della Gkn. Un documento dell'assemblea permanente

Big Pharma, profitti alle stelle e quasi niente tasse

Denuncia di Oxfam ed Emergency: il monopolio sui vaccini anti Covid è una manna per le multinazionali e un genocidio per i paesi poveri

Gkn, gli operai che non rispettano il copione

Gkn. Marco Bersani spiega perché quella lotta parla a tutti noi , un appello della società della cura e un articolo di Francesco Locantore