3.2 C
Rome
sabato 16 Gennaio 2021
3.2 C
Rome
sabato 16 Gennaio 2021
Home malapolizia Genova, niente piazza per il Coisp

Genova, niente piazza per il Coisp

La Questura vieta la messinscena del Coisp. Il 20 luglio in piazza Alimonda solo il ricordo di Carlo Giuliani. Il Silp: democratizzazione ancora da fare

di Checchino Antonini

RE_18

Vietata formalmente dalla questura di Genova, lo comunica il Silp, sindacato di polizia legato alla Cgil, la truce messa in scena, annunciata per il 20 luglio, di un noto sindacatino di polizia, il Coisp, che ogni anno cerca pubblicità rivendicando i fatti di piazza Alimonda che videro nel 2001 la morte di un ragazzo di poco più di vent’anni al termine di ore di cariche illegittime di un plotone di carabinieri – guidati da vecchie volpi della Guerra di Somalia – che usò ogni tipo di armamento, anche fuori ordinanza – ai danni di un corteo regolarmente autorizzato. Finché un carabiniere non pensò bene di piazzare un proiettile nella fronte di Carlo Giuliani. E un giudice avrebbe arricchito il catalogo negando un pubblico processo. E la politica non sarebbe stata capace nemmeno di un’inchiesta parlamentare.

Ogni anno il conducente di questo sindacatino di poliziotti annuncia un grottesco convegno dal titolo “L’estintore come strumento di pace” senza capire/sapere che Carlo raccolse l’estintore dopo che il carabiniere gli aveva puntato il revolver. Dettagli che non interessano il noto conducente di sindacatino molto attento a rivendicare la giustezza di ogni abuso commesso da persone con la divisa specie quando qualche pm ha l’ardire di discutere la questione in tribunale. Chiedere, per credere, ai genitori di Federico Aldrovandi. Ogni anno c’è un Fuffingtonpost che rilancia la finta notizia. Che cosa non si fa per un clic, e che cosa non si fa per un bang.

Ma ogni anno decine e decine, talvolta centinaia e centinaia di persone, tornano in Alimonda – e noi di Popoff fra loro – per non dimenticare, assieme ad Haidi, Giuliano, Elena. Non dimenticare che quello fu un omicidio, che c’erano (e forse da qualche parte ci sono ancora) milioni di persone che credono che questo non sia l’unico mondo possibile.

“La suddetta manifestazione – spiega il Silp – e la concomitante raccolta di firme per far rimuovere la targa dedicata a Carlo Giuliani sono provocazioni inaccettabili che dimostrano come il processo di democratizzazione, che deve coinvolgere tutte le forze dell’ordine, non sia ancora concluso”.

11709532_10206104991957890_2587927698251285634_n

 

polizia, malapolizia, coisp, silp, genova, carlo giuliani, g8, 2001, haidi, popoff, piazza alimonda, democratizzazione, omicidio

1 COMMENTO

  1. nessuna persona normale, senza entrature speciali, può conoscere l’inferno di piazza Arimonda, il cc che prende a manganellate un fotografo lo trascina sul cadavere, non ancora cadavere, del ragazzo egli schiaccia il viso su quello di Carlo, poi deliberatamente distrugge la Leika……questo è solo un dettaglio ma rimane l’ingiustizia dei manifestanti che languono in carcere………no pasaran

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento, prego!
Inserisci il tuo nome qui, prego

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ultimi articoli

Cucchi, l’appello potrebbe costare caro ai carabinieri

Chieste pene più severe per chi pestò Stefano Cucchi e per il maresciallo che, secondo la prima sentenza, organizzò il depistaggio

Cancellare il debito si può. Ce lo dice l’Europa

Il principio "pacta sunt servanda" - per cui uno Stato deve rispettare gli obblighi - non è assoluto. Importante sentenza europea [Eric Toussaint]

What’s Next for the Left? Qual’è il prossimo passo per la sinistra Usa

Mentre Biden si prepara a prestare giuramento il 20 gennaio, come si configura questa prospettiva per la sinistra statunitense? [Barry Eidlin]

Eshkol Nevo, la salvezza senza tragedia

La morte della tragedia nei "Tre Piani" di Eshkol Nevo, edito da Neri Pozza e messo in scena da un film di Nanni Moretti [Margherita Marchetti]

La distanza dalla scuola della Dad

Scuola, la Dad/Ddi non è la soluzione ma è parte del problema. L'intervento di tre collettivi: Ninand@, Castelliascuola, Cattive Ragazze