27.9 C
Rome
lunedì 22 Luglio 2024
27.9 C
Rome
lunedì 22 Luglio 2024
Homein genereGay, Pride 2016, tutti a Venezia, Elton John apra il corteo

Gay, Pride 2016, tutti a Venezia, Elton John apra il corteo

Una sfida al sindaco Luigi Brugnaro che, dopo la censura sui libri ‘gender’, oggi dice che non autorizzerà mai un Pride a Venezia

da Redattore sociale

il Pride di venezia del 2014
il Pride di venezia del 2014

Roma – Una sfida a Luigi Brugnaro, il Sindaco di Venezia che dopo la censura sui libri ‘gender’, oggi dice che non autorizzera’ mai un Pride nel capoluogo veneto. A lanciarla e’ Fabrizio Marrazzo, portavoce di Gay Center. “Il Pride del 2016 non puo’ che tenersi a Venezia. Brugnaro ne vuole fare il simbolo delle citta’ off limits per i diritti civili lgbt. Serve una risposta. Non si puo’ accettare una cosi’ evidente discriminazione. Tutti a Venezia per un Pride nazionale che affermi visibilita’ e diritti”. E l’invito va anche a Elton John che aveva contestato Brugnaro: “Elton John potrebbe aprire il corteo” e’ l’auspicio di Marrazzo. (DIRE)

© Copyright Redattore Sociale

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento, prego!
Inserisci il tuo nome qui, prego

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ultimi articoli

Dietro lo stallo del Nuovo Fronte Popolare, due strategie opposte

Francia, la sinistra è lacerata su un governo destinato a durare poco. I socialisti stanno inviando segnali di apertura al campo macronista [Mathieu Dejean]

E’ sbagliato tifare per la Nazionale? Noi compagni e il calcio

Europei: football, politica e società. Uno sguardo con gli occhi di un socialista inglese [Dave Kellaway]

Francia, la gauche in stallo, cresce l’impazienza popolare

Duello Ps-LFI per chi guiderà il governo del NFP. Ma intanto Macron punta a dividerlo. Se resisterà sarà solo per la pressione dei movimenti

Il passepartout del sionismo

L'accusa di antisemitismo e altre sfumature retoriche per negare le responsabilità di Israele nel massacro di Gaza

Strega, storie di donne sull’orlo d’una crisi d’identità 

Donatella Di Pietrantonio vince il premio Strega 2024. La famiglia come filo conduttore della sestina