-0.5 C
Rome
venerdì 28 Gennaio 2022
-0.5 C
Rome
venerdì 28 Gennaio 2022
si fa di carta grazie a te! Arriva
Libro-rivista di racconti, inchieste, riflessioni

Il primo numero, ottimo anche come idea regalo, è già pronto e si intitola Cocktail partigiani. Parole in fondo al bicchiere, un volume di Gabriele Brundo, scrittore-barman genovese corredato da illustrazioni di una dozzina di disegnatori, da un ricettario di cocktail a base di Amaro Partigiano e da alcune riflessioni su produzione e consumo di alcol e letteratura.

OLTREPOP

E SAI COSA BEVI!!!
Homein genereDal Sinodo valdese la liturgia ad hoc per le coppie gay

Dal Sinodo valdese la liturgia ad hoc per le coppie gay

Famiglie gay, la pastora Manocchio: “Nessuna equiparazione al matrimonio, ma un’inclusione delle nuove forme di famiglia nella società

Redattore sociale

192157888-24975477-3243-4a88-934c-220314a64b5f

MILANO – Il Sinodo delle Chiese valdesi e metodiste approva la liturgia per la benedizione delle unioni di persone dello stesso sesso. Non si sostituiscono al matrimonio, spiegano i redattori del documento. “Non si vuole né equiparare, né sostituire al matrimonio, ma semplicemente includere altre forme di famiglia”, spiega la pastora Mirella Manocchio, coordinatrice della della Commissione culto e liturgie delle chiese battiste, metodiste e valdesi. Il documento è la versione finale della liturgia elaborata in modo spontaneo dalle comunità che hanno deciso, dal 2010, di includere e riconoscere all’interno del loro gruppo, le coppie omosessuali. Il dibattito sull’argomento nella Chiesa valdese è iniziato infatti cinque anni fa: “Il nostro è stato un percorso teologico e liturgico. Abbiamo pensato fosse necessario riconoscere una liturgia ad hoc per benedire le unioni omosessuali e così abbiamo individuato due schemi per le invocazioni”, aggiunge Manocchio.

Il percorso fa parte di una più ampia riflessione sulle nuove famiglie, pezzo importante del Sinodo in corso dal 23 al 28 agosto a Torre Pelice (Torino). Infatti il consesso della comunità valdese ha redatto un documento che apre alle altre famiglie. Per essere definitivo, però, si aspetta un ulteriore passaggio nelle comunità, che ne potranno discutere ed eventualmente correggere i contenuti. “Abbiamo voluto includere importanti categorie di persone che ora non hanno diritti”, afferma la pastora Manocchio.

“Speriamo che il nostro contributo, seppur proveniente da una minoranza, possa contribuire al dibattito sulle unioni civili – prosegue la pastora – Già il fatto che il Governo Renzi ne parli è un passo avanti: la società civile è pronta da tempo, non l’esecutivo che fino adesso ha rinviato”. (lb)

© Copyright Redattore Sociale

TAG:

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento, prego!
Inserisci il tuo nome qui, prego

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ultimi articoli

Manganellate sugli studenti dopo l’omicidio di Lorenzo

Mobilitazioni in molte città per ricordare Lorenzo Parelli, studente ucciso mentre era in alternanza scuola lavoro

Ian Anderson: «Travestirsi era divertente ma…»

Esce The Zealot Gene, il nuovo disco dei Jethro Tull. Graham Fuller ha intervistato Ian Anderson per The Guardian

La mappatura del nazi

Antifascist Europe , una mappa dei nazi-fascisti di tutta Europa, i loro collegamenti internazionali e le risorse finanziarie 

I nazisti ucraini nei giochi di guerra tra Putin e Biden

La CIA sta segretamente addestrando gruppi nazisti anti-russi in Ucraina dal 2015 [Branko Marcetic]

A #BlackLivesMatter serve un programma economico

In un paese che ha sempre usato la razza per giustificare la disuguaglianza, porre fine alla brutalità della polizia è solo l'inizio