24.7 C
Rome
mercoledì 5 Ottobre 2022
24.7 C
Rome
mercoledì 5 Ottobre 2022
FILLEA CGIL: una storia lunga 136 anni, vai alla landing page
Homein fondo a sinistraPortogallo, i socialisti svoltano a sinistra?

Portogallo, i socialisti svoltano a sinistra?

Portogallo, il Segretario Generale del PS contesta il presidente della Repubblica che ostacola un accordo con comunisti e Bloco de Esquerda

da Público, Nuno Sá Lourenço. Traduzione Vilma Gidaro per Popoff

images

La risposta del PS al Presidente è già decisa. La commissione del partito socialista ha votato, con solo due astensioni,  un allungamento del  termine al mandato per il suo segretario generale, ma deve essere rivolto a  sinistra. Da un lato, António Costa é autorizzato a “proseguire i negoziati e raggiungere un accordo con BE, PCP e PEV e approfondire i contatti cono il PAN “Inoltre, l’organo interno socialista ha anche deciso ” di dare l’indicazione gruppo parlamentare a presentare una proposta di rifiuto di qualsiasi programma di governo che propone di mantenere sostanzialmente le politiche precedenti “.
António Costa ha deciso di reagire alla “decisione grave” del Presidente,  criticando la “via vergognosa”  già durante le prime ore di Venerdì, con cui si era rivolto al PS. Costa ha assicurato che il PS è “rafforzato nella determinazione a concludere i negoziati in corso” per presentare “un governo all’altezza delle proprie funzioni”.
Per più di una volta Costa ha liquidato come “inaccettabile” l’intervento del presidente. Ad esempio, mettendo “in questione l’immagine internazionale del Portogallo” nei mercati.  O “escludere dal dialogo politico un certo numero di partiti che rappresentano circa un milione di portoghese.”
“E ‘inaccettabile che il Presidente cerchi di anticipare la valutazione del programma di governo, usurpando la competenza esclusiva del Parlamento, inoltre, facendo finta di confondere ciò che è il programma di governo con i programmi legittimi dei loro stessi partiti che consentono, o vogliano sostenere “, ha aggiunto Costa, accusando il presidente di aver creato” una crisi politica inutile”.
“I socialisti non prenderanno lezioni dal professor Aníbal Cavaco Silva sulla costruzione e la difesa dei fondamenti della nostra democrazia”, ​​ha inoltre aggiunto Costa.
Il risultato sembrava essere quindi esattamente l’opposto di quello che sta cercando Cavaco Silva nel discorso al paese. Invece di valorizzare le voci dissonanti all’interno sostenendo un PS in opposizione a lavorare per il condizionamento politico della coalizione, il Presidente anche accettare che alcuni di questi siano dalla parte di António Costa.  Ad esempio l’intervento dell’ex ministro Vera Jardim, che ha ammesso che l’intervento del capo dello Stato lo forzava a cambiare posizione.
Eppure, ci sono stati gli interventi critici alla linea corrente adottata dal segretario generale socialista. Durante l’assunzione di un atteggiamento meno bellicoso. Anche se ha ammesso quanto sia difficile un accordo con la sinistra su temi come l’economia, la finanza o l’Europa, delle assicurazioni sterzo ex membro Álvaro Bellezza ha ammesso come possibile una comprensione in altri settori come la sanità o l’istruzione.
Eurico Brilhante Dias, deputato neoeletto e anche un ex membro della segreteria, ha detto nel corso della riunione vedere il PS “un tunnel senza uscita”, e anche criticato la lettura presentata da Costa che potrebbe essere un “momento storico”,  nel caso di un vero e proprio un accordo a sinistra. Un possibile governo sostenuto dalla sinistra darebbe l’immagine che il PS non avrebbe bisogno di vincere le elezioni per governare in futuro.
I due astenuti approvando il doppio mandato sono stati l’ex membro della precedente gestione assicurativa António Galamba e leader parlamentare del PS / Azzorre, Berto Messia.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento, prego!
Inserisci il tuo nome qui, prego

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ultimi articoli

Il secondo turno sociale

L'assemblea nazionale delle convergenze, primo confronto tra i movimenti dopo la vittoria delle destre

E’ così che il “no al fascismo” è diventato impercettibile

L'estrema destra fa parte del panorama da decenni. Le responsabilità del "centro-sinistra" in questa banalizzazione [Ellen Salvi]

“Noi non paghiamo” contro il trucco delle bollette mensili

Il movimento contro l'aumento delle tariffe smonta la decisione di Arera sulla mensilizzazione delle bollette

La danza è la prosecuzione della politica. Con altri fini

A Genova riprende con Steve Reich, Resistere e creare, la rassegna di danza contemporanea Ripartiamo dal corpo. Soggetto (politico): prima ...

Massa: l’alberghiero a indirizzo oscurantista

Regolamento choc per studenti e insegnanti in una scuola di Massa, tra errori educativi e diritti negati