24.7 C
Rome
domenica 16 Maggio 2021
24.7 C
Rome
domenica 16 Maggio 2021
Homequotidiano movimentoRoma, un'agorà dell'acqua e dei beni comuni

Roma, un’agorà dell’acqua e dei beni comuni

Appuntamento a Roma, il 7 e l’8 novembre per l’Agorà dell’acqua e dei beni comuni lanciato dal dal Forum Italiano dei Movimenti per l’Acqua

images

Durante gli ultimi 4 anni abbiamo visto cambiare 4 governi, di diverse sfumature, ma pur sempre tendente al grigio. Il grigio che in questo paese, come nel resto d’Europa, sta a rappresentare un muro che divide la società, da una parte le grandi aziende, i mercati finanziari ed istituti bancari, dall’altra la cittadinanza.

All’interno di questa divisione continua a rimanere evidente come le istituzioni, italiane e europee, svolgano diligentemente i compiti che vengono loro assegnati attraverso le politiche di austerità che si traducono in tagli al welfare e ai diritti, in cessione al mercato di servizi pubblici, risorse naturali e beni comuni.

In questi anni, come movimento dell’acqua, abbiamo combattuto quotidianamente per affermare il diritto all’acqua pubblica, avendo la massima attenzione al ciclo integrato di questo bene. Abbiamo costruito un referendum in cui la cittadinanza si è espressa contro la privatizzazione e per una gestione pubblica dell’acqua e dei servizi pubblici locali. Una prima e chiara risposta all’ineluttabilità delle ricette delle politiche economiche e sociali che si vogliono imporre nel nostro continente.

Come quell’esperienza, altre in Italia, come in Europa, continuano ostinatamente ad affermare quei principi, costruendo nuovi legami e relazioni sui territori, costruendo una conoscenza diffusa, studiando e progettando modelli alternativi, ponendo le basi per un modello che superi la dicotomia tra pubblico e privato.

Per questo abbiamo immaginato questo appuntamento che sappia partire dalla battaglia per l’acqua, dai ragionamenti che abbiamo sviluppato in questi anni, per arrivare alle connessioni con altre battaglie, esperienze ed intelligenze. Un appuntamento che sappia essere presa di parola e, allo stesso momento, formazione di strumenti utili a tutte/i, una volta tornati nei propri territori.

Abbiamo imparato in questi anni che i movimenti, molto spesso, sono in grado di produrre ragionamenti e praticare una buona gestione dei beni comuni.

Immaginiamo che in un confronto collettivo si possano condividere esperienze, costruire strumenti collettivi e tracciare l’avvio di un cammino comune, in cui affermare un’alleanza sociale, basata sui contenuti per l’affermazione di una nuova sfera del Comune.

Immaginiamo questo incontro come un passaggio utile a focalizzare le tematiche e la definizione del diritto all’acqua e la difesa dei beni comuni mediante una loro gestione diretta e partecipativa; a capire dove i beni comuni, naturali ed immateriali, costruiscono una connessione con un nuovo welfare; ad affermare la necessaria fuoriuscita dalla finanziarizzazione dell’economia e della società; ad intendere un sistema naturale in maniera olistica, di cui siamo parte e che va tutelato, trovandoci di fronte ad una crisi ambientale senza precedenti.

In conclusione vorremo che questo incontro, a partire da una condivisione di percorsi ed esperienze, producesse delle proposte volte all’attivazione che permettano di riprendere un cammino per un altro futuro possibile.

I lavori si svolgeranno presso Millepiani Coworking (Via Nicolò Odero, 13 – zona Garbatella)

******

PROGRAMMA

Sabato 7 Novembre

Contesto e crisi: “l’acqua come paradigma e nuove pratiche del comune” (10.00 – 11.00)

Paolo Carsetti – Forum Italiano dei Movimenti per l’Acqua

Eloy Badia Casas – Barcelona en Comu (*)

Vincenzo Miliucci – Confederazione Cobas

Severo Lutrario – Forum Italiano dei Movimenti per l’Acqua

Dal ciclo integrale dell’acqua alla difesa dei territori: verso la COP21 di Parigi (11.30 – 13.00)

Augusto De Sanctis – Forum Italiano dei Movimenti per l’Acqua

Alberto Di Monte – Laboratorio Off Topic (Aderente Rete No Expo)

David Sánchez Carpio – Food and Water Watch Europe

Antonio Lupo – Comitato Amigos Sem Terra Italia

Dibattito

Nuovi strumenti di profitto: le multiutility (14.30 – 16.00)

Corrado Oddi – Forum Italiano dei Movimenti per l’Acqua

Remo Valsecchi – Forum Italiano dei Movimenti per l’Acqua

Guido Lutrario – USB

Emilio Molinari – Comitato Italiano Contratto Mondiale per l’Acqua

Diritto umano all’acqua: Water poverty, privatizzazione e processi di resistenza (16.30 – 18.30)

Emanuele Lobina – Ricercatore di PSIRU (Public Service International Research Unit)

Alex Zanotelli – Missionario Comboniano

Lynn Boylan – Europarlamentare, membro della Commssione Ambiente – ENVI, membro dell’Integruppo Europarlamentare sui beni comuni

Simona Savini – Forum Italiano dei Movimenti per l’Acqua

Dibattito

Domenica 8 Novembre

Processi e strumenti legislativi: costituzionalizzazione del diritto all’acqua e dei diritti della natura (10.00 – 11.30)

Alice Cauduro – Forum Italiano dei Movimenti per l’Acqua

Gaetano Azzariti – Ordinario di Diritto costituzionale presso l’Università di Roma “La Sapienza”

Marco Iob – Comitato Italiano Contratto Mondiale per l’Acqua

Dibattito

Processi di rimunicipalizzazione (12.00 – 13.30)

Dorothea Härlin (Berlino) – Berliner Wassertisch (Movimento per l’acqua berlinese)

Maurizio Montalto – Presidente ABC Napoli

Bengasi Battisti – Sindaco di Corchiano (VT), Coordinamento Nazionale Enti Locali per l’Acqua Bene Comune

Anne Le Strat – Ex Presidente Eau de Paris, Ex Vicesindaco di Parigi con delega alla politica municipale dell’acqua

 I movimenti possono scrivere il futuro (14.30 – 17.00)

Renato Di Nicola – No Sblocca Italia

Marina Boscaino – Movimento contro la buona scuola

Maurizio Landini – FIOM

Giulia Bucalossi – Laboratorio Sciopero Sociale

Marco Bersani – Forum Italiano dei Movimenti per l’Acqua

Dibattito

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento, prego!
Inserisci il tuo nome qui, prego

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ultimi articoli

Zona Letteraria, tutta un’altra musica

Imparare ad ascoltare. Anteprima del nuovo numero della rivista Zona Letteraria dedicato a musica e impegno [Alberto Sebastiani]

Perché quello che accade ai palestinesi riguarda anche noi

Vita, terra e libertà. I diritti fondamentali della popolazione palestinese ci riguardano Le notizie sempre più drammatiche che giungono d...

Il peggiore Israele di sempre

Mentre gli estremisti israeliani linciano i palestinesi, e i loro caccia bombardano Gaza, è essenziale capire come siamo arrivati a questo  [Yousef Munayyer]

Gaza: il “giallo” dell’invasione. Tutte le piazze di oggi in I...

Israele aveva detto di essere entrato nella Striscia poi ha smentito. Il bilancio delle vittime palestinesi è salito a 122 morti e più di 800 feriti

Soldati israeliani penetrano nella Striscia di Gaza

Intanto a Gerusalemme: cresce la violenza dell'estrema destra. Finora Israele ha trucidato 83 persone, di cui 17 bambini a Gaza. -20210513&a...