venerdì 18 Ottobre 2019

Il Brasile si sta disintegrando. Aiutateci!

Il Brasile si sta disintegrando. Aiutateci!

Lettera dal Brasile nel giorno in cui s’è aperto il procedimento per l’impeachment alla presidente Dilma Rousseff. La crisi economica, la povertà, l’arretramento dei diritti civili

da Sao Paulo, Solange Cavalcante

 bandeira

 

Cari amici di altri mondi, vi chiediamo aiuto. Ci sentite? Ci siete? Un uragano tropicale ci sta travolgendo quaggiù. Se mai un giorno non ci sarà più un posto al mondo chiamato Brasile, un po’ lo capirete (oppure no) da questo messaggio errabondo.

Questo mercoledì 2 dicembre il Congesso brasiliano ha approvato il processo per l’impeachment della presidentessa Dilma Rousseff. Fidatevi, non imparerete mai niente a riguardo se andate a cercarlo sui giornali locali, tutti in mano alle dieci famiglie dei soliti latifondisti. Non guardate neanche la tv – nè quella grossa che lo sapete già, nè quelle nane condotte da predicatori bruttini, ignoranti e vestiti male, impegnati a scacciare il demonio alla gente in cambio dei loro portafogli. Nel primo caso, sappiamo più o meno come costruiscono il consenso politico, la privatizzazione dell’immaginario e crisi economiche finte. Di come siamo diventati la mecca del gospel-business-fai-da-te-televisivo-spicciolo è una storia troppo lunga.

No, no chiedetemi di andare al sodo sul processo contro Dilma. Ne sarete curiosi, ma è impossibile, non c’è un “sodo”. Ci sono però quei tizi che scendono in piazza chiedendo il ritorno dei militari al potere. Inoltre, improvvisamente appaiono dei manifesti per strada in grosse lettere rosse strillanti: “Basta con i diritti ai disabili”. Ma vi pare proprio lo stesso paese di due anni fa, quando i ragazzi del movimento “questa Coppa non s’ha da fare” protestavano contro le grandi opere? Sarano stati gli squalidi risultati del Mondiale in Brasile a scombussolarci? Allora stati attenti. Se ci saremo ancora quando ci svolgerano le Olimpiade di Rio, sapiate che lì le analisi dell’acqua indicano altissimi rischi di contaminazione.

È impossibile. Ed è per questo che chediamo aiuto. Tipo, quest’anno gli insegnanti pubblici di San Paolo hanno scioperato ad oltranza. Tra marzo e giugno sono stati 91 giorni di seguito di lotta inutile al precariato e all’abbandono che i liberisti del PSDB hanno imposto alla scuola statale. Il governo e la stampa sono rimasti indifferenti finchè il governo ha annunciato, a sorpresa, che chiuderà delle scuole e “riorganizzerà” altre, spostando interi guppi di studenti verso non-si-sa-dove, e licenziandone gli insegnanti.

Aiuto, ancora! A San Paolo abbiamo bisogno di acqua. È da più di un’anno che i serbatoi dello Stato sono sotto tutti i livelli. Quando leggerete questo messaggio, mormai non ci saremo più, bisogna capire che i successivi governi del PSDB non hanno mai fatto gli investimenti giusti per un’emergenza simile. Ebbene, il governatore dello stato Geraldo Alckmin (lo stesso a chi non fa una piega la situazione delle scuole) ha appena vinto un premio per le risorse idriche. Stampa tutta invitata, opinione pubblica silenziata.

Non, tutto ciò non c’entra con l’impeachment della presidentessa. Siate pazienti con chi vi chiede una mano. Prima che spariamo tutti (perché ormai i segni ce lo indicano che spariremo), il 5 novembre scorso un intero paesino del sud ovest brasiliano è stato spazzato via, inghiottito dal fango tossico rilasciato dalla rottura di due dighe miniera. Via le persone, gli animali domestici, quelli selvatici, via gli alberi, via il fiume. Ne è responsabile l’azienda Vale (ex Vale do Rio Doce, oppure Valle del Fiume Dolce, il fiume che ora non esiste più). Una volta un’azienda statale fiorente, anni fa la Vale fu privatizzata dal presidente Cardoso, del PSDB. Mentre quel giorno succedevano gli attacchi a Parigi, qui da noi abbiamo avuto i nostri stessi terroristi. Non li hanno arrestati ancora perché, come dire… si è saputo che la Vale è socia in affari con la Rete Globo. Stampa invitata, opinione pubblica sotto choc.

Ci preoccupa che non piangerete per noi quando non ci saremo più, quelli del riso facile, del calcio e delle donne più calde. Guardate, quel riso è ormai un segno della nostra malattia. Il calcio megagalattico non ci rappresenta e riguardo le donne… mgari lo sapete. Oppure no. Nonostante la presidente donna, giorni fa il Congresso brasiliano ha votato che l’aborto non ci sarà mai e poi mai, e che tutte le brasiliane devono portare avanti persino le gravidanze risultanti dallo stupro. Riuscite a capire? Ci siete ancora?

Prima di essere spazzati via dal pianeta, diventeremo tutti pazzi. Eravamo diventati ricchi con la marea di petrolio che avevamo saputo di avere. Ci siamo comprati cellulari, SUV, ci siamo indebittati con la carta di credito. L’edilizia si è datta da fare con le grande opere. Ora la stampa dice che c’è la crisi più acuta mai esistita nella storia brasiliana (fa molto effetto dirlo a quelli di noi con la memoria corta). Ci sono la corruzione, gli scandali, i favoreggiamenti. I vecchietti si inervosiscono, gli evangelici si incazzano: “Basta, ce ne sono tanti di questi gay in giro”.

Aiuto, il Brasile si sta desintegrando. Se qualcuno ci legge, chedo che almeno cerchiate di capire, dato che non ci sarà niente pìu da fare. Mesi fa il Congresso brasiliano ha deciso di definire la famiglia come il papà maschio, la mamma femmina e i cuccioli nordici (ops, refuso). Prima aveva già deciso di ridurre l’età di imputabilità per i ragazzi neri (ops, refuso). Meno scuole, più carceri (refuso). Ma è lo stesso Congresso eletto dopo le barricate giovanili dappertutto in Brasile, nel 2013? Stronzi. Refuso, refuso.

Dopo il lungo sciopero fallito degli insegnanti di San Paolo, a inizio novembre, gli studenti si incavolarono con le riforme a sorpresa, e pian piano cominciarono ad occupare le scuole, roba mai vista in Brasile. Duecento scuole occupate! Ma subito il governo ha fatto scattare i pestaggi della polizia di pulizia etnica dello Stato. Da noi i ragazzi delle scuole pubbliche sono spesso i più poveri. Da noi i ragazzi più poveri sono spesso i ragazzi neri.

Ora stacco. Sembra che ormai tutto stia finendo. Mi sto ricordando di quando sono approdata in Italia la prima volta, con la gente giocava, contenta: “Guarda, Lula è il leader della sinistra italiana”.

Che cosa ci sarà di Dilma Rousseff? Ci siete ancora? Stamattina, 3 dicembre, mi sveglio che sento fuori gli elicotteri della polizia militare che sorvolano una scuola occupata vicina a casa mia. Leggo che stanotte della gente strana ci è entrata e ha pestato i ragazzi. Tipo “Una mattina/ Mi son svegliato… e ho trovato l’invasor”…

Related posts

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.