-2.2 C
Rome
martedì 19 Gennaio 2021
-2.2 C
Rome
martedì 19 Gennaio 2021
Home culture A Genova è nata la fabbrica dei cloni

A Genova è nata la fabbrica dei cloni

Miniature di cose e persone in 3D in plastica o polvere di gesso, cloni perfettamente somiglianti. Il futuro è in un laboratorio a Genova: MyClone!

di Ludovica Schiaroli

Questa mattina ho deciso di clonarmi e l’ho fatto: sono andata da My Clone a Genova in via della Libertà 65r e in pochi secondi mi sono creata un alter ego. Uguale, spiccicata a me!

Da oggi è possibile realizzare una propria miniaturizzazione in 3D semplicemente sostando quindici secondi dentro lo scanner digitale formato due metri per tre con quattro sensori a disposizione presso MyClone e si potrà, in diretta, assistere alla rielaborazione del proprio avatar in 3D che verrà poi stampato in polvere di gesso nella dimensione che si desidera: da 9 a 20 cm, quattro le misure da scegliere. Per essere scansionati non basta una foto ma bisogna andare in loco. Il risultato finale è una miniatura in quadricromia perfettamente somigliante!

L’idea è venuta a Paolo Cartechini, fotografo navigante che durante un viaggio a Barcellona prova l’emozione della clonazione in loco e decide di aprire un negozio-laboratorio anche a Genova. Detto fatto: a fine giugno con la sorella Silvia, architetto e Ugo Roffi, videographer aprono MyClone.

“Siamo artigiani digitali – dice Roffi – la stampa 3D è il futuro, come lo fu la fotografia nel secolo scorso. Questo negozio è un po’ una sfida, quella di rendere l’hi-tech d’uso quotidiano, alla portata di tutti”.

“L’idea di utilizzare le stampati 3D con le persone è venuta al giapponese Masashi Kawamura tre anni fa e ha fatto il suo debutto in Europa a Barcellona – spiega Cartechini – in Italia siamo ancora in pochi. D’altronde ci vogliono diverse competenze oltre che un buon budget per iniziare”.

Il cliente tipo non c’è. La clonazione fa per tutti e ognuno interpreta liberamente se stesso: la prima è stata Camilla, che si è fatta immortalare con il microfono, poi Gianni il fotografo, mentre Carlo, il macellaio, in mano teneva una mannaia. E poi Lady Scarlett, performer del sesso che si è duplicato per fare felici i suoi “schiavi”.  Per quanto riguarda le glorie sportive ci sono Vanni Oddera e Max Bianconcini campioni di free style che si sono clonati in tuta da motocross. Mentre Gianni Miraglia, scrittore e performer post-genovese specializzato in missioni impossibili (è l’inviato di DMAX Discovery e ICON), l’ha messa sul filosofico: è come rinascere, partorire se stessi, senti proprio il rumore delle stelle!

Ma non di soli cloni è fatto MyClone!

Il laboratorio realizza anche oggetti 3D, come occhiali, custodie per telefoni, pezzi di ricambio introvabili e fuori mercato. All’occorrenza anche mezzi busti.

C’è un Myclone per ognuno di noi. E come le cose più preziose: è per sempre!

Per clonarsi è necessario andare nel laboratorio. I lettori di popoff.quotidiano usufruiscono di uno sconto del 10%. Basta contattare via mail o telefono MyClone e dire: “mi manda popoff”. Su richiesta è disponibile anche una Gift Card per chi volesse regalare un Myclone.

My Clone vi aspetta a Genova in via della Libertà 65R tel 010 7961893 info@myclone.it

www.myclone.it facebook: link

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento, prego!
Inserisci il tuo nome qui, prego

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ultimi articoli

Cucchi, l’appello potrebbe costare caro ai carabinieri

Chieste pene più severe per chi pestò Stefano Cucchi e per il maresciallo che, secondo la prima sentenza, organizzò il depistaggio

Cancellare il debito si può. Ce lo dice l’Europa

Il principio "pacta sunt servanda" - per cui uno Stato deve rispettare gli obblighi - non è assoluto. Importante sentenza europea [Eric Toussaint]

What’s Next for the Left? Qual’è il prossimo passo per la sinistra Usa

Mentre Biden si prepara a prestare giuramento il 20 gennaio, come si configura questa prospettiva per la sinistra statunitense? [Barry Eidlin]

Eshkol Nevo, la salvezza senza tragedia

La morte della tragedia nei "Tre Piani" di Eshkol Nevo, edito da Neri Pozza e messo in scena da un film di Nanni Moretti [Margherita Marchetti]

La distanza dalla scuola della Dad

Scuola, la Dad/Ddi non è la soluzione ma è parte del problema. L'intervento di tre collettivi: Ninand@, Castelliascuola, Cattive Ragazze