21.5 C
Rome
sabato 13 Agosto 2022
21.5 C
Rome
sabato 13 Agosto 2022
FILLEA CGIL: una storia lunga 136 anni, vai alla landing page
Homepadrini & padroniCinque stelle, due leader

Cinque stelle, due leader

Il grillismo dopo Grillo: Di Maio e Di Battista leader del M5S che verrà. Le sfide di un partito che muta pelle, aspettando le politiche

di Maurizio Zuccari

Lavoro: ddl delega; 24/6 emendamenti in commissione Senato

Hanno avuto l’occhio fino gli imprenditori che, nel maggio napoletano di un anno fa, gli hanno affibbiato la pecetta di politico dell’anno. Ora che Luigi Di Maio è ufficialmente al centro della pentastella del M5S, Beppe Grillo potrà – chissà – lasciare a lui e ad altri stellone e timone della nave corsara messa in mare nel 2009. Il sondaggio dei cinquestelle che ha spodestato l’ex capocomico genovese dall’essere nomen omen del movimento, relegandolo in terza posizione, dietro ai bei volti del napoletano Di Maio e del romano Di Battista, parla chiaro.

FILLEA CGIL: una storia lunga 136 anni, vai alla landing page

Per i grillini il volto nuovo che li porterà fuori dalle secche della protesta fine a sé stessa e alla conquista del palazzo d’inverno è quello, impomatato e compassato, del vicepresidente della Camera. L’opposto del capo, vulcanico e sbraitante, per non dire dell’altro socio fondatore, capelluto e canuto. È presto per dire se la coppia Di Maio-Di Battista – i due già scootereggiano insieme nel centro di Roma, per la gioia dei fan – possa o voglia spodestare il duopolio della premiata ditta Grillo & Casaleggio, ma il dado è tratto, avrebbe detto un tal Cesare.

Il sondaggio interno conforta e rafforza la volontà dei fondatori d’uscire dal cono di luce per offrire ai cavalli di razza del movimento (Di&Di, appunto), l’opportunità di correre – non certo a briglia sciolta – in vista del gran balzo alle prossime politiche. La decisione di Grillo d’abbassare la soglia della propria visibilità mediatica, costituire un direttorio e togliere il nome dal logo del M5S, pur mantenendo proprietà e presidenza, è funzionale alla crescita di una nuova leadership, nella logica del padre che dà al figlio le chiavi della macchina nuova e prega che non gliela sfasci sul primo paracarri.

Nell’arco di cinque anni, che per un movimento politico possono essere un’inezia come un’eternità, i pentastellati hanno avuto la forza di alloggiarsi in parlamento con un pattuglione di 150 tra deputati e senatori, al saldo degli espulsi. I sondaggi lo danno oltre il 27%, un pelo sotto al Pd. A Roma e Napoli potrebbe vincere proprio grazie al duo Di&Di che si guarda bene dal candidare – accampando inderogabili regole – per non azzoppare i cavalli vincenti prima della gara vera, alle politiche del 2018. A Roma come altrove, la paura di cadere è più forte della voglia di volare, ma il M5S muta pelle e può sopravvivere al padre anche se lo divorerà.

Ma non si tratta tanto di scalzare la coppia Beppe & Gianroberto, il guru e l’eminenza, dall’essere figure guida e chiave dell’ennesimo miracolo politico italiano, cosa che nessuno dei 5S si sogna manco alla lontana, quanto di passare attraverso prove che al paragone la cruna dell’ago è per il cammello una passeggiata di salute. Passaggi dove ai nuovi leader non basterà reificare la controdemocrazia tematizzata da Pierre Ronsevallon, cioè fungere da guardiani della democrazia insufflandole dosi massicce di clic perché risorga dalle sue finzioni, ma sarà necessario strutturarsi in una qualche forma partito e radicarsi sul territorio come forza di (buon)governo e non di mera opposizione.

Un compito e un destino – la costruzione delle elite e il passaggio dalla contestazione alla gestione della cosa pubblica – contro cui sono naufragati progetti storici di ben altro spessore ideologico, nel Belpaese. En passant, i pentastelle dovranno mostrare che non sono gli acchiappanuvole incompetenti di cui ciancia chi il paese l’ha affossato davvero e alza steccati bipartisan per tema d’essere scalzato dal nuovo che avanza. E dovranno dimostrare nei fatti che non sono i qualunquisti parafascisti di cui cianciano tante teste fine tra le macerie della sinistra e nei salotti buoni. Ben sapendo che alla bisogna tutti faranno muro, e non basterà loro la maggioranza dei voti o l’essere puri e duri per risuolare lo Stivale.

estratto online su Metro; www.mauriziozuccari.net

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento, prego!
Inserisci il tuo nome qui, prego

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ultimi articoli

Il futuro si può riscrivere, la storia no

Ritorna Fino al Cuore della Rivolta, il festival della Resistenza di Fosdinovo [Chiara Nencioni]

Il lavoro avvelenato dell’Agenda Draghi

Occupazione. La nota Istat sulle tendenze dell’occupazione tratteggia un quadro ben più fosco [Cristina Quintavalla]

Rosa oltre il mito

Rosa Luxemburg, il nostro tempo ha molto da imparare dagli scritti della grande rivoluzionaria assassinata nel 1919 [Romaric Godin]

Perché amare Garcia Marquez e Cent’anni di solitudine

In occasione del cinquantacinquesimo anniversario di Cent'anni di solitudine, il capolavoro di Gabriel Garcia Marquez [Ariel Castillo Mier]

Cina nella trappola della crisi immobiliare

La Cina è incapace di un nuovo modello economico per questo Pechino potrebbe sfruttare la questione Taiwan [Romaric Godin]