25.2 C
Rome
venerdì 6 Agosto 2021
25.2 C
Rome
venerdì 6 Agosto 2021
Homepadrini & padroniSiria, partita a scacchi con l'Apocalisse

Siria, partita a scacchi con l’Apocalisse

Nel braccio di ferro tra Mosca e Ankara, la Nato si schiera a protezione della Turchia e Israele bombarda Damasco. Nella narrazione occidentale, fuori dal coro solo le vignette

di Maurizio Zuccari

Patrick Chappatte

A raccontarla meglio sono le vignette. Quella di Patrick Chappatte, illustratore francese di base a Genova, dove un tank turco infila il cannone sotto la sabbia, a suggere petrolio, mentre Kobane brucia. O l’altra dove un Erdogan mascherato da ladro promette aiuti ai siriani mentre fa bottino dei loro beni. L’occasione per l’ultima messa in berlina del premier turco è data dalla documentata denuncia a Strasburgo e all’Aja fatta da Farés el-Chehabi, presidente della camera di commercio siriana, sulle razzie nell’ex polo industriale di Aleppo, smantellato e portato oltre confine turco dall’Is grazie ai padroni di casa.

Così, dopo il petrolio si scopre che anche quel che resta del disastrato patrimonio industriale siriano prende pezzo a pezzo la via di Ankara per essere svenduto con la connivenza dei famigli del premier turco e l’apporto delle mafie locali, ma l’Ue resta sorda e muta. Anzi, dopo i tre miliardi di euro graziosamente elargiti alla Turchia perché spranghi ai profughi siriani le porte d’Europa, la Bers (Banca europea per la ricostruzione e lo sviluppo) ha acquistato il 10% della Borsa di Istanbul, avviando un vasto programma di aiuti all’economia di regime.

Mentre l’Europa che conta punta sempre più sul nuovo Solimano, alla faccia di denunce e vignette e della ventilata lotta al Califfato che ha nella Turchia uno degli sponsor più inattaccabili, la Siria resta teatro della partita a scacchi tra Ankara e Mosca. Dopo l’abbattimento del Sukhoi russo, Erdogan ha ottenuto quella no-fly zone richiesta da anni, ma nel nord della Siria non volano più i suoi aerei, e neppure quelli della coalizione anti Isis a guida occidentale, dopo lo schieramento dei missili S-400 russi. E mentre continuano le schermaglie tra i due paesi (nell’Egeo un peschereccio turco è stato allontanato a cannonate), la Russia sperimenta nuove armi, dai missili balistici lanciati dai sottomarini nel Mar Caspio ai bombardieri Su-34. Da parte sua, Ankara muove i corazzati da Ninive a Mosul – con le proteste del governo iracheno – rilanciando in Kurdistan la partita in stallo nel Turkmenistan. Ma il tempo è dalla sua. L’impegno russo, rivelano al Rusi, un pensatoio dell’Intelligence britannica, stimato da Mosca in poco più di un miliardo di dollari per il 2016, sfora già i 3 miliardi. Un salasso che Putin non può permettersi, specie se l’Europa continuerà a mettersi di traverso. Mettendo testa e cannoni sotto la sabbia, come nella vignetta di Chappatte.

O meglio, mettendoli dalla parte sbagliata. Mentre i missili di Tel Aviv schiantavano a Damasco la vita di Samir Quntar (l’infame terrorista druso, come titolano i media israeliani, indicato tra i capintesta del terrorismo internazionale dal Dipartimento di stato Usa solo due mesi fa), la Nato autorizzava l’invio di navi e aerei dell’alleanza per proteggere dalle minacce russe la Turchia, neopaladina d’Occidente in terra di Siria. I media di casa nostra, va da sé, piuttosto che approfondire i retroscena dell’ennesimo raid “chirurgico” israeliano o fare luce sull’ingresso ufficiale del braccio armato dell’Ue nella guerra in Siria, si baloccano sulle prospettive di pace emerse al consiglio di sicurezza dell’Onu, con un netto capovolgimento narrativo. O sugli orrori del regime di Assad, confezionati a bella posta dalle organizzazioni umanitarie a senso unico stipendiate da governi & servizi amanti del diritto internazionale. Vedi alla voce Osservatorio siriano per i diritti umani o Human rights watch del sunnita Rami Abdel Rahman, a libro paga del Mi6, i servizi inglesi, che dalla sua casa di Coventry le spara grosse per tutti, fuorché per tv e giornali che ne riprendono pedissequamente le montature.

Facezie, davanti al miraggio di un Sunnistan a guida Is (Us) da cui avere petrolio ai saldi, col placet delle petromonarchie del Golfo e l’asse militare israelo-turco (che formalmente milita sui lati opposti della barricata) a fare il lavoro sporchissimo sul terreno – quello sporco lo fanno mercenari e miliziani di varie tendenze – con Ue e Usa pronti a dar loro manforte contro i propri interessi. In questo stravolgimento della narrazione, Mosca è il controcanto che fa la voce grossa, minacciando finanche l’uso dell’arma nucleare per far capire a tutti che sulla partita siriana andrà fino in fondo, ben sapendo che non potrà farlo, mentre Ankara se ne strafrega delle minacce russe e delle prove provate nel sostenere l’Is-Us, spalleggiata dall’Occidente unito solo nel combattere Putin. Poche volte si sono viste, nella storia, due coalizioni combattere formalmente dalla stessa parte ma l’una contro l’altra armate e intente a darsi battaglia sullo stesso terreno, in nome di un comune nemico. Un’Apocalisse che conta assai più di quattro cavalieri.

Ora, i cultori dell’Apocalisse ricorderanno come nella versione islamica l’Armageddon cristiano – luogo della battaglia finale tra bene e male – sia collocato a Dabiq, una cittadina proprio alle porte della deindustrializzata Aleppo. E Dabiq è, non a caso, la testata della patinatissima rivista dell’Is (Us) che vanta le glorie del Califfato e le sue conquiste. Quella, tanto per capirci, che mise in copertina la bandiera nera della Jihad allocata in piazza San Pietro. Se lo scontro finale è cominciato, nessuno in Europa pare essersene accorto. Vignettisti a parte.

www.mauriziozuccari.net

1 COMMENTO

  1. Bellissimo articolo. Siete fra i pochi che hanno realmente capito la situazione in Siria. Complimenti è veramente raro trovare una informazione così completa sul conflitto siriano.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento, prego!
Inserisci il tuo nome qui, prego

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ultimi articoli

Sulla riva del Nautilus

L'isola di San Simón sembra una piccola nave arenata. Di fronte all'isola, c'è una scultura che sembra camminare sull'acqua. È il capitano Nemo di Verne [Javier de Frutos]

José Bové ormai gioca da solo

Da Larzac alla politica, i diversi volti di José Bové. Dal movimento al sostegno, alle ultime elezioni regionali, alla candidata socialista [Romain Gruffaz]

Tokio 2020, nemmeno un minuto per le vittime di Hiroshima

Hiroshima protesta con il Cio per la mancata commemorazione dell'anniversario. La minaccia atomica oggi e l'ambiguità di Italia e Nato

Greenpeace: donazioni a qualsiasi prezzo?

Un'ex dipendente del call center fornitore di Greenpeace in Francia denuncia le condizioni di lavoro e i metodi invasivi [Cécile Hautefeuille]

Ascanio Celestini immagina il Museo Pasolini

Celestini, un'anteprima in forma di prove a Fosdinovo per il festival Fino al Cuore della Rivolta [Chiara Nencioni]