mercoledì 13 Novembre 2019

Sessantadue Paperoni e 4 miliardi di poveri cristi

Sessantadue Paperoni e 4 miliardi di poveri cristi

Oxfam: “La crisi della disuguaglianza è fuori controllo”. L’1% più ricco della popolazione mondiale possiede un patrimonio maggiore rispetto al restante 99%

di Giampaolo Martinotti

copertinajpg

Dall’inizio della crisi finanziaria globale del 2008 le disuguaglianze e la povertà hanno continuato a crescere senza limiti di velocità. E la politica, inequivocabilmente controllata dalla finanza speculativa, dalle grandi banche d’investimento e dalle multinazionali, ha deciso di alzare il piede dal freno della vergogna.

“La crisi della disuguaglianza globale sta raggiungendo nuovi estremi. Il più ricco 1% ora ha più ricchezza rispetto al resto del mondo messo insieme. Potere e privilegi vengono utilizzati per indurre il sistema economico ad aumentare il divario tra i più ricchi e il resto”, e non solo. Le parole dell’Oxfam, una tra le più importanti confederazioni internazionali specializzate in aiuto umanitario e progetti di sviluppo a livello mondiale, suonano forse un po’ stridule ai potenti sciamani del capitalismo globale.

Sessantadue ‘paperoni’ detengono la ricchezza di 3 miliardi e 600 milioni di esseri umani. L’1% della popolazione mondiale è più ricco del restante 99%. Dal 2010 ad oggi la metà più povera ha visto la sua ‘ricchezza’ dimezzarsi scendendo del 41%, mentre nello stesso periodo il capitale a disposizione nelle casse dell’esclusivo ‘club dei 62’ passava da 500 a 1.760 miliardi di dollari.

Secondo l’Oxfam la rete globale di paradisi fiscali che permette liberamente alle multinazionali e alle élites economiche di occultare circa 7.600 miliardi di dollari è uno degli ostacoli principali per la lotta alla povertà. Questa evasione fiscale ‘legalizzata’, unita alla segretezza bancaria che la protegge, drena effettivamente immensi flussi finanziari che, sotto forma di tasse, potrebbero e dovrebbero essere investiti nei servizi pubblici essenziali: assistenza sanitaria, istruzione universale, potenziamento dello stato sociale a sostegno dei cittadini bisognosi.

‘An economy for the 1%’ https://www.oxfam.org/en/research/economy-1 sottolinea le profonde disuguaglianze tra il nord e il sud del pianeta, la triste differenza nelle condizioni tra uomo e donna, il crescente divario tra le retribuzioni degli amministratori e quelle delle lavoratrici e dei lavoratori. I dati della ricerca sono tanto impietosi quanto evidenti: è assolutamente necessario arrestare ed invertire il prima possibile questa spirale che avvantaggia i ricchi sui poveri, il privato sul pubblico, le lobby sul welfare.

In questo contesto globale davvero preoccupante l’Europa della creditocrazia, del filo spinato ‘anti-immigrati’, dello stato d’emergenza permanente, della retorica della competitività costi quel che costi, continua a sprofondare in balia di un sistema distorto che la tiene prigioniera nella gabbia del debito, lo stesso debito illegittimo che in questi anni ha reso possibile il vergognoso attacco alle classi popolari portato avanti dai governi neoliberisti a colpi d’austerità.

Per quanto riguarda l’Italia i risultati sono decisamente sconfortanti: la distribuzione della ricchezza nazionale netta è assolutamente iniqua, proiettando così il livello di disuguaglianza tra i ricchi e i poveri del nostro paese al di sopra della media europea. Il 20% più ricco degli italiani controlla il 67,7% della ricchezza nazionale, il successivo 20% ne detiene il 18,3%, mentre al restante 60% della popolazione non resta che accontentarsi del 14%. Il 10% delle persone più ricche possono fare affidamento su di una quota di ricchezza ben 8 volte superiore a quella della metà più povera. L’1% dei cittadini più abbienti ha tra le mani il 23,4% della ricchezza nazionale netta, che equivale a un valore 39 volte superiore a quella in possesso del 20% più povero della popolazione. La crescita dei redditi da lavoro salariato è in crisi da anni, senza contare che con il Jobs Act il lavoro precario è stato ‘regolarizzato’, e così “i livelli retributivi sono sempre più spesso insufficienti a supplire alle necessità dei singoli e delle famiglie”, con un conseguente alto tasso di occupati a rischio di povertà.

La crescita esponenziale delle disuguaglianze economiche in Italia e nel mondo sta alimentando dunque conflitti e situazioni sempre più insostenibili. Questa dinamica perversa amplifica pericolosamente le profonde disuguaglianze già esistenti, travolgendo così la stragrande maggioranza della popolazione mondiale, vittima della globalizzazione del capitale e del trionfo dell’indifferenza all’interno di un sistema palesemente fallimentare. Rimettere al centro del tavolo della politica l’uguaglianza e la giustizia sociale è un’urgenza che non può essere prorogata.

Global Wealth Databook 2014 e 2015 di Credit Suisse,  rielaborazione Oxfam

Related posts

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.