-0.4 C
Rome
domenica 7 Marzo 2021
-0.4 C
Rome
domenica 7 Marzo 2021
Home culture Un Pulitzer per Hashim che filmava i crimini sauditi (con le bombe italiane)

Un Pulitzer per Hashim che filmava i crimini sauditi (con le bombe italiane)

E’ morto il ragazzo con la telecamera, Hashim, che aveva filmato i bombardamenti sauditi sui civili effettuati con le bombe vendute dall’Italia. Ecco il video

di Ercole Olmi

In gergo si chiama “dual tap” ed è una pratica criminale di guerra (come se la guerra stessa non fosse già di per sé un crimine) e consiste nel bombardamento doppio, prima e durante l’intervento dei soccorritori. A documentarlo, un video caricato in parte su you tube, girato da Hashim al-Homran, 17 anni nello Yemen, governatorato di Sadaa. Hashim, come documenta Famiglia Cristiana, è morto il 22 gennaio. Stava documentando con la sua videocamera gli effetti di un bombardamento dell’aviazione dell’Arabia Saudita sulla popolazione civile di Dhayan, 20 km dalla città di Sadaa. Viene ferito gravemente, ma non molla e continua a documentare l’incredibile: un terzo attacco e anche il bombardamento dell’ambulanza di Medici Senza Frontiere dell’ospedale Al Gomhoury che, dopo il secondo bombardamento, è riuscita comunque a raggiungere la zona. L’autista dell’ambulanza muore e Hashim, il giorno dopo, morirà anche lui a causa delle terribili ferite.
Il settimanale cattolico ricorda che il Relatore speciale delle Nazioni Unite sulle esecuzioni extragiudiziali, Christof Heyns, già nel 2012 aveva qualificato gli «attacchi secondari sui soccorritori che stanno aiutando i feriti dopo un attacco iniziale, un crimine di guerra».
Amnesty International e Human Rights Watch hanno più volte denunciato queste pratiche all’Onu ma le pressioni saudite hanno finore bloccato la partenza di un’inchiesta indipendente. Il governo italiano è complice di questa ferocia, complice diretto, perché fa affari con chi massacra civili.
L’ultimo carico di bombe per l’aviazione saudita è partito da Cagliari non più tardi del 16 gennaio, diretto alla base aerea di Taif, da cui il 22 gennaio sono decollati gli aerei che a Dhayan hanno ucciso Hashim e colpito i soccorritori, assieme a decine di altri civili inermi.
Una lettrice di Popoff, segnalando questa storia, lancia un’idea: perché non assegnare un premio Pulitzer al piccolo Hashim al-Homran? Via mail abbiamo girato la proposta al comitato della Columbia University di New York che assegna ogni anno il premio a 14 categorie di giornalismo.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento, prego!
Inserisci il tuo nome qui, prego

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ultimi articoli

Teorema Mar Jonio, Casarini: «Sono colpevole. Come Lucano»

Il "teorema" contro la nave di Mediterranea, interviene Luca Casarini, uno dei quattro indagati per "reato di solidarietà"

Cucchi, al processo si cerca l’origine dei depistaggi

Il processo sui depistaggi prova a mettere a fuoco le fasi in cui è scattata la macchina del fango contro la vittima e la famiglia Cucchi

Grecia, la vendetta di Stato contro un detenuto politico

Koufontinas (17N) ha smesso di nutrirsi e di bere da quasi due mesi. Vuole un trasferimento che il governo rifiuta. Repressione alle stelle in Grecia

Germania: 3 nazi, 10 omicidi e 13 anni in fuga

La Germania, dopo lo scandalo Nsu, si chiede se i partiti apertamente neonazisti come quello dovrebbero essere vietati (Prune Antoine)

No all’acqua in Borsa!

40mila firme per dire NO all’acqua in Borsa. Verso la Giornata mondiale del 22 marzo